n° 80 del 14 Giugno 2014
Agenda Digitale -  Newsletter settimanale
Direttore responsabile: Alessandro Longo
  TOP STORIES  
   
  Regioni, ecco tutte le Agende digitali
di Mila Fiordalisi
Italia spaccata in due? Falso. Mancanza di competenze? falso anche questo. E' quanto emerge "sorprendentemente" da un'inchiesta a cura di Agendadigitale.eu che per la prima volta mappa tutte le iniziative e i progetti in corso. Tutte le Regioni hanno deliberato in tema di digitalizzazione e sono molte quelle che si sono dotate di Agende digitali. Reti Ngn, cloud e razionalizzazione dell'esistente i pilastri sui cui poggia buona parte dei piani
 
  Reti, l'Europa chiede lo "sportello unico" per il sottosuolo
di Fabio Pecorari, Infratel Italia
Appena adottata un’importante Direttiva (2014/61/UE) per ridurre i costi dell'installazione di reti di comunicazione elettronica ad alta velocità. Anche grazie a una piattaforma che faciliti l'accesso alle informazioni sulle infrastrutture già presenti e riutilizzabili. L'Italia fa avanguardia con la Regione Lombardia e il progetto Virgo
 
  La sfida e l'opportunità del digital divide
di Riccardo de Rinaldini, Ngi
Il digital divide è una questione cruciale per lo sviluppo economico e sociale in Italia. Operatori di nuova generazione come NGI hanno sviluppato risposte sempre più efficienti ed efficaci sfruttando le più recenti tecnologie wireless broadband
 
  Al via i piani regionali per il Fascicolo sanitario elettronico
di Paolo Colli Franzone, Osservatorio Netics
Entro il 30 giugno tutte le Regioni dovranno presentare i loro piani relativi all'attuazione dell'Fse. Ne avremo 21, diversi. Si poteva fare meglio: con un coordinamento centrale. Che non c'è stato
 
  I portali dei servizi, strumento di dialogo digitale tra PA e cittadini
di Luca Indemini
I rapporti tra le Istituzioni locali e i cittadini passano sempre più attraverso portali unici dedicati ai servizi. I modelli arrivano dall'Inghilterra, dalla Francia e da alcune esperienze Oltreoceano. Ma non mancano esempi virtuosi tra le Regioni italiane
 
  Francia: internet ultra veloce in fibra a tutti in otto anni
di Angelo Alù, Promotore di dirittodiaccesso.eu
Analizziamo gli interventi nazionali realizzati in Francia per promuovere lo sviluppo della Banda Larga in base agli obiettivi definiti dall'Agenda Digitale europea e la sfida di realizzare una copertura nazionale completa entro il 2022.
 
  Germania: banda ultra larga a tutti fra quattro anni
di Angelo Alù, Promotore di dirittodiaccesso.eu
Porta avanti programmi per garantire una copertura totale del 100% della popolazione, a 50 megabit, entro il 2018. Già entro quest'anno ne saranno coperti i tre quarti
 
  L'Olanda digitale ha fame di studenti ICT
di Nello Iacono, Stati Generali dell'Innovazione
Con ottimi valori su tutti i principali parametri che misurano l’innovazione, l’Olanda vede con preoccupazione lo scarso interesse dei suoi studenti per le tecnologie e l’inevitabile invecchiamento di 70 mila tecnici ICT
 
  E-gov e Smart city, i pilastri del "piano" Torino
di Mila Fiordalisi
Numerosi i bandi europei e nazionali a cui il Comune ha deciso di partecipare. Obiettivo: una città "intelligente". L'assessore Enzo Lavolta: "Innovazione e sviluppo tecnologico le chiavi per spingere la domanda pubblica di servizi all'avanguardia, sostenere le imprese e trasformare la PA"
 
  Prossima frontiera della cyber security: difendersi attaccando
di Toto Zamattaro, esperto cyber security
In un evento organizzato dalla Nato questo mese, si è discusso di cyber conflitti e l'uso dell'attacco come difesa. L'italia ha partecipato con una delegazione. Grandi dubbi sull'efficienza e le conseguenze di una nuova strategia
 
  Scuola "aumentata", tre eccellenze europee per una nuova didattica
di Paolo Ferri, università Bicocca di Milano
Il Ginnasio di Ørestad in Danimarca, l’Het 4e gymnasium di Amsterdam e la scuola VITTRA di Stoccolma in Svezia.Scuole innovative per quanto attiene alle “architetture” degli spazi interni ed esterni. Progettati in modo da favorire l’introduzione di nuovi modelli di didattica digitale attiva e cooperativa identificati, in sede UE, dalla “strategia dei Lisbona” alla voce “Competenze digitali”
 
  Meglio
di Edoardo Fleischner
Cronache dal futuro, a cura del docente visionario Edoardo Fleischner (Comunicazione crossmediale all'Università degli Studi di Milano, ma anche progettista crossmediale) per Agendadigitale.eu
 
  La relazione uomo-macchina vista da un fumetto
di Nicola Strizzolo, università di Udine- Valentina Bernardinis
Incontro e riflessioni con Alberto Ostini, sceneggiatore di Nathan Never. Esempio di come la letteratura popolare si può interrogare sul futuro del nostro rapporto con il digitale
 
  IN POCHE PAROLE  
   
  Bruno Bossio (PD): "Strategico puntare sulle competenze digitali"
di Vincenza Bruno Bossio, Partito Democratico
 
  ESSENZIALI  
   
  Agenda Digitale: ecco tutti i ritardi del Governo
di Ernesto Belisario
Prosegue l'’iniziativa di Agendadigitale.eu per monitorare l’adozione di decreti attuativi e regole tecniche
 
  Agenda digitale italiana: lo stato dell'arte tra decreto e altre norme
di Alessandro Longo, Nello Iacono
Dopo il Dl Crescita 2.0, le misure avviate per la Pa digitale, le tre priorità fatturazione elettronica, identità digitale e anagrafe unica. Il Piano nazionale banda larga e banda ultra larga. La Strategia Italiana per la Crescita Digitale. Italia Login. Il nuovo Cad. Ecco come sta per cambiare l'Italia grazie alla spinta politica nell'innovazione (aggiornamenti in progress. Ultimo: 3 agosto 2016)
 
  Diritto di accesso a internet: enormi differenze tra Paesi
di Angelo Alù-Dirittodiaccesso.eu
Ci sono esempi d'eccellenza, come la Francia, la Finlandia la Spagna, nel riconoscere internet come un diritto dei cittadini. Ma il quadro giuridico è complicato. Vediamo i diversi casi
 
  Al via la mappa dei nuovi investimenti banda larga
di Rossella Lehnus, Infratel
Siamo in ritardo... Ma quanto in ritardo? Quanto stanno investendo gli operatori? Lo possiamo sapere solo se tutti gli operatori rispondono alla nuova consultazione pubblica di Infratel Italia. Da cui capire l'entità dell'investimento pubblico necessario a compensare i piani degli operatori. L'anno scorso il risultato è stato deludente
 
  Ecco le ricadute profonde della Fatturazione elettronica
di Alessandro Perego, Responsabile Scientifico Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione
Scopriremo i vantaggi che vengono dallo scambio di documenti in formato elettronico strutturato. L’obiettivo è quello di allinearli, riconciliare rapidamente le informazioni scambiate con la controparte e, infine, agevolare anche l’attivazione dei pagamenti, la verifica degli incassi e l’accesso al credito. L'analisi di un massimo esperto del tema, presso il Politecnico di Milano
 
 
ICT & STRATEGY s.r.l. - via Copernico 38 - 20125 Milano - P.IVA 05710080960 - ISSN 2421-4167