n° 27 del 04 Maggio 2013
Agenda Digitale -  Newsletter settimanale
Direttore responsabile: Alessandro Longo
  TOP STORIES  
   
  L'Agenda che manca: il punto sulle norme che latitano
di Paolo Colli Franzone, Netics
Dove siamo, quanto resta da fare, quanto ci vorrà? Ci sono otto misure ancora nel limbo: dal documento digitale unificato agli scavi per la banda ultra larga. Basta perdere tempo
 
  Palmieri (Pdl): "Tante incognite, siamo a un bivio nella roadmap dell'Agenda"
di Antonio Palmieri (Pdl)
Dalle parole di Letta, si capisce poco: il futuro dell'Agenda digitale è ancora da definire. Chissà se prevarrà lo storico divario culturale che pervade le nostre classi dirigente o se avremo un rilancio. Ma traspare già l'intenzione di puntare sulla trasparenza della Pa e sull'open gov
 
  Scorza: "Tanti decreti attuativi spariti dal radar"
di Guido Scorza
Continua a essere impossibile individuare un progetto e una roadmap in grado davvero di dare al Paese non solo quel futuro, in digitale, di cui ha un disperato bisogno. Scadute le promesse dei decreti
 
  I limiti culturali digitali di Letta
di Michele Vianello, Parco Scientifico Vega-Venezia
Se per Agenda Digitale si intendono i provvedimenti approvati nel Decreto sulla Crescita, il neo presidente è molto distante dal promuovere l’uso di Internet come fattore decisivo per lo sviluppo e la competitività della società italiana. Non si rende conto che l'economia del web è trasversale a tutto
 
  Bertelè (Polimi): "Dubbi che il governo voglia intervenire su Pa digitale"
di Umberto Bertelè, Politecnico di Milano
Un discorso di alto profilo, quello di Enrico Letta. Non ha dimenticato l'Agenda digitale e questo di per sé è un bene. Letta se ne intende, ma riuscirà davvero a cambiare la Pubblica Amministrazione?
 
  Le lacune digitali del discorso di Letta
di Giuseppe Iacono, Stati Generali dell'Innovazione
Il digitale non sembra godere di una significativa attenzione. Si parla di innovazione solo nel contesto di un “programma pluriennale” non meglio specificato. Si cita l’agenda digitale in modo improprio, come fosse un settore e non un programma complessivo di cambiamento. Nessuna citazione per la banda larga. Ma ecco tre proposte per ripartire
 
  Da Dehli a Napoli, l'IT aiuta la PA a comunicare meglio
di Laura Ipsen, vicepresident corporate Worldwide Public Sector di Microsoft
In Italia le tecnologie di comunicazione integrata e di collaborazione farebbero risparmiare 2,9 mld di euro annui alla PA italiana. Un fenomeno che avanza in tutti gli angoli del globo
 
  Deficit e inflazione in Europa//Open Data
 
  Internet delle cose, un approccio smart
di Michele Vianello, Parco Scientifico Vega-Venezia
Non basta riempire le città di sensori per renderle intelligenti. Bisogna invece che siano un insieme di ecosistemi fondati sulle relazioni tra uomini e macchine, le quali sono un'estensione dei sensi umani. Ed è possibile solo se abbiamo pieno controllo dei dati
 
  IN POCHE PAROLE  
   
  Fuggetta (Cefriel): "Tempo di concretezza: obiettivi, governance, risorse"
di Alfonso Fuggetta, Cefriel-Politecnico di Milano
 
  Medaglia: "Grandi progetti infrastrutturali attendono un governo"
di Carlo Maria Medaglia, La Sapienza
 
  ESSENZIALI  
   
  Sacco (Bocconi): "La chiave Ict per tutti i grandi problemi italiani"
di Francesco Sacco, Università Bocconi
La tecnologia non compare mai nel dibattito sui grandi mali del Paese. Ma migliora la competitività delle aziende, crea occupazione (soprattutto giovanile), riduce la burocrazia, aiuta l’export, migliora l’efficienza della giustizia e del sistema tributario. Ma anche la certezza del diritto, la concorrenza e il capitale umano. Aiuta a preservare l’ambiente e a ridurre gli squilibri territoriali
 
  Radaelli (Anitec): "Decreti impantanati"
di Cristiano Radaelli, Anitec
Dobbiamo purtroppo constatare che i timori che avevamo evidenziato si sono materializzati: i provvedimenti necessari, infatti, non sono ancora stati fatti
 
  L'Agenda digitale della Scuola
di Paolo Ferri, Bicocca
Come trasformare la scuola italiana, fanalino di coda Europeo nel processo di digitalizzazione? Alcune considerazione e priorità
 
  Agenda digitale italiana: lo stato dell'arte tra decreto e altre norme
di Alessandro Longo, Nello Iacono
Dopo il Dl Crescita 2.0, le misure avviate per la Pa digitale, le tre priorità fatturazione elettronica, identità digitale e anagrafe unica. Il Piano nazionale banda larga e banda ultra larga. La Strategia Italiana per la Crescita Digitale. Italia Login. Il nuovo Cad. Ecco come sta per cambiare l'Italia grazie alla spinta politica nell'innovazione (aggiornamenti in progress. Ultimo: 3 agosto 2016)
 
  Le tempistiche dell'Agenda
Alcune misure scatteranno subito, altre nel 2013-2014, magari richiedendo decreti attuativi e regolamenti. Una tabella riassuntiva (aggiornata il 12 luglio 2013)
 
 
ICT & STRATEGY s.r.l. - via Copernico 38 - 20125 Milano - P.IVA 05710080960 - ISSN 2421-4167