n° 38 del 20 Luglio 2013
Agenda Digitale -  Newsletter settimanale
Direttore responsabile: Alessandro Longo
  TOP STORIES  
   
  Il piano datacenter della PA è mission impossible
di Giuliano Noci, School of Management-Politecnico di Milano
Enormi benefici per lo Stato- 3 miliardi di euro- e per l'industria Ict (centinaia di milioni di euro). Ma il cronoprogramma previsto dal decreto del Fare è da libro dei sogni. Non tiene conto delle carenze della banda larga e delle resistenze della Pa. Tuttavia, avanti bisogna andar...
 
  Pa e cloud: grande interesse, scarso utilizzo
di Michele Benedetti, osservatorio eGovernment Politecnico di Milano
Il 57% dei grandi enti evita il cloud per difendere gli investimenti già fatti. Il 40% dei piccoli teme la discontinuità del servizio. Eppure questo modello tecnologico permetterebbe non solo di introdurre nuovi servizi ma anche di garantire la continuità operativa e il ripristino rapido e completo dei dati
 
  Fondo sociale europeo, sottovalutarlo è sbagliato
di Roberto Moriondo, rappresentante Regioni-Agenzia per l'Italia Digitale
Lo scopo del Fse nella nuova programmazione 2014-2020 è quello di aumentare le opportunità occupazionali, promuovere l'istruzione e l'apprendimento permanente, potenziare l'inclusione sociale. Qui compresa la diffusione della cultura digitale e nelle nuove competenze
 
  Così un software statistico rivoluzionerà il lavoro delle Pa sugli open data
di Paola Bacchiddu
Si chiama R. È il software per l'analisi dei dati più conosciuto e utilizzato al mondo. In Italia stenta ancora a decollare ma già ne fanno uso alcuni enti pubblici e Università. Ora è nata una comunità italiana, InsulaR, che vuole lanciare il programma anche nel nostro paese. Questo significa tempi più rapidi e servizi più personalizzati anche per le aziende e i privati
 
  Barilli: "L'Italia digitale si farà con le startup"
di Mila Fiordalisi
Il presidente dell'Associazione Italia Startup punta i riflettori sul ruolo che le nuove imprese possono dare al raggiungimento degli obiettivi dell'Agenda digitale, al recupero della competività-Paese e alla creazione di posti di lavoro. "Ma il programma deve essere chiaro e servono risorse"
 
  La rincorsa della banda ultra larga
di Cristoforo Morandini, Between
Poco nuovo sotto il sole. La velocità è la sola innovazione, il premium price è ridotto al minimo, niente offerta tv premium/free, invece presente all'estero. Il nuovo digital divide sarà scoglio difficilmente sormontabile per la grande maggioranza dei comuni.
 
  In un futuro senza privacy, telco e utenti soggiogati
di Andrea Monti
Invece di pensare ad usare le tecnologie per difenderci dalle invasioni della sfera personale, dovremmo utilizzarle per controllare i controllori. Il tutto però mentre cresce la pressione che le forze di polizia stanno esercitando su operatori telefonici e internet provider per ottenere dati e informazioni senza troppi fardelli burocratici
 
  IN POCHE PAROLE  
   
  Sambuco (Mise): Al lavoro su punti aperti dell'Agenda, moltissimo da fare"
di Roberto Sambuco (Mise)
 
  ESSENZIALI  
   
  Agenda digitale italiana: lo stato dell'arte tra decreto e altre norme
di Alessandro Longo, Nello Iacono
Dopo il Dl Crescita 2.0, le misure avviate per la Pa digitale, le tre priorità fatturazione elettronica, identità digitale e anagrafe unica. Il Piano nazionale banda larga e banda ultra larga. La Strategia Italiana per la Crescita Digitale. Italia Login. Il nuovo Cad. Ecco come sta per cambiare l'Italia grazie alla spinta politica nell'innovazione (aggiornamenti in progress. Ultimo: 3 agosto 2016)
 
  Le tempistiche dell'Agenda
Alcune misure scatteranno subito, altre nel 2013-2014, magari richiedendo decreti attuativi e regolamenti. Una tabella riassuntiva (aggiornata il 12 luglio 2013)
 
  Decreto Fare, le opportunità per le imprese
di Paolo Colli Franzone, Netics
Dalla razionalizzazione dei Ced, vantaggi per vendor di hardware e per chi migra i propri software a un modello cloud ibrido. Un business si aprirà anche con il Fascicolo sanitario elettronico, mentre verranno sbloccati alcuni progetti Fesr/Fse per decine di milioni di euro. Peccato per la norma che limita all'acquisto di macchinari
 
  Firma elettronica, rivoluzione solo teorica?
di Ernesto Belisario
Attese da tempo, sono state finalmente pubblicate in Gazzetta Ufficiale le nuove regole tecniche sulle firme elettroniche. Si tratta di un importante tassello per completare il processo di digitalizzazione della Pa e di innovazione del settore privato
 
  Tutti i ritardi dell'Agenda
di Alessandro Longo
Banda larga in attesa del decreto attuativo sulle facilitazioni. L'Agenzia digitale ancora non operativa rallenta il percorso della Pa digitale. Startup senza incentivi fiscali né nuovi fondi. Un riassunto dei capitoli aperti (articolo in progress, ultimo aggiornamento 17 luglio)
 
 
ICT & STRATEGY s.r.l. - via Copernico 38 - 20125 Milano - P.IVA 05710080960 - ISSN 2421-4167