Verso un sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale

Identità digitale

di Stefano Quintarelli, Scelta Civica

Bene Francesco Caio a concentrarsi su tre priorità, ma fra tutte queste secondo me la madre di tutti i provvedimenti da fare riguarda l'identità digitale. A tal proposito c'è una buona notizia: l'entrata, nella conversione in legge del Decreto Fare, di un mio emendamento sullo Spid, sistema pubblico per la gestione dlel'identià digitale di cittadini e imprese (in fondo trascriviamo l'articolo completo, Ndr.).

Per come stanno le cose adesso, con il Codice dell'amministrazione digitale (Cad) e sue modifiche, il cittadino dovrebbe ottenere credenziali digitali per ciascun servizio della Pa. Serve insomma un sistema con autenticatori pubblici e privati che gestiscano  i servizi di registrazione e di messa a disposizione delle credenziali e degli strumenti di accesso in rete nei riguardi di cittadini e imprese per conto delle pubbliche amministrazioni.

Questo è lo Spid a cui ora il Governo sta lavorando: una chiave di accesso interoperabile, collegata alla nostra identità digitale, per l'uso di servizi pubblici e privati.

Da qui può partire la rivoluzione digitale italiana, nella Pa, nelle imprese, tra i cittadini.

-------------------------

Art. 17-ter. – (Sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale di cittadini e imprese). – 1. Al comma 2 dell'articolo 64 del codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, dopo il primo periodo è inserito il seguente: “Con l'istituzione del sistema SPID di cui al comma 2-bis, le pubbliche amministrazioni possono consentire l'accesso in rete ai propri servizi solo mediante gli strumenti di cui al comma 1, ovvero mediante servizi offerti dal medesimo sistema SPID”.        

2. Dopo il comma 2 dell'articolo 64 del codice di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, come da ultimo modificato dal presente articolo, sono aggiunti i seguenti:             “2-bis. Per favorire la diffusione di servizi in rete e agevolare l'accesso agli stessi da parte di cittadini e imprese, anche in mobilità, è istituito, a cura dell'Agenzia per l'Italia digitale, il sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale di cittadini e imprese (SPID).             2-ter. Il sistema SPID è costituito come insieme aperto di soggetti pubblici e privati che, previo accreditamento da parte dell'Agenzia per l'Italia digitale, secondo modalità definite con il decreto di cui al comma 2-sexies, gestiscono i servizi di registrazione e di messa a disposizione delle credenziali e degli strumenti di accesso in rete nei riguardi di cittadini e imprese per conto delle pubbliche amministrazioni, in qualità di erogatori di servizi in rete, ovvero, direttamente, su richiesta degli interessati.          

  2-quater. Il sistema SPID è adottato dalle pubbliche amministrazioni nei tempi e secondo le modalità definiti con il decreto di cui al comma 2-sexies.             2-quinquies. Ai fini dell'erogazione dei propri servizi in rete, è altresì riconosciuta alle imprese, secondo le modalità definite con il decreto di cui al comma 2-sexies, la facoltà di avvalersi del sistema SPID per la gestione dell'identità digitale dei propri utenti. L'adesione al sistema SPID per la verifica dell'accesso ai propri servizi erogati in rete per i quali è richiesto il riconoscimento dell'utente esonera l'impresa da un obbligo generale di sorveglianza delle attività sui propri siti, ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70.             2-sexies. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delegato per l'innovazione tecnologica e del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, sono definite le caratteristiche del sistema SPID, anche con riferimento:                 a) al modello architetturale e organizzativo del sistema;                 b) alle modalità e ai requisiti necessari per l'accreditamento dei gestori dell'identità digitale;                 c) agli standard tecnologici e alle soluzioni tecniche e organizzative da adottare anche al fine di garantire l'interoperabilità delle credenziali e degli strumenti di accesso resi disponibili dai gestori dell'identità digitale nei riguardi di cittadini e imprese, compresi gli strumenti di cui al comma 1;                 d) alle modalità di adesione da parte di cittadini e imprese in qualità di utenti di servizi in rete;                 e) ai tempi e alle modalità di adozione da parte delle pubbliche amministrazioni in qualità di erogatori di servizi in rete;                 f) alle modalità di adesione da parte delle imprese interessate in qualità di erogatori di servizi in rete”.        

3. Il sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale di cittadini e imprese (SPID) è realizzato utilizzando le risorse finanziarie già stanziate a legislazione vigente per l'Agenzia per l'Italia digitale, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica».

09 Ottobre 2013

TAG: identità digitale, quintarelli, politici