Moriondo: "Inerzia dal Governo mentre il territorio scalpitava per fare"

Evento Agenda Digitale polimi

di Roberto Moriondo, Comitato di Indirizzo, Agenzia per l'Italia Digitale

Achille l'innovazione, non ce l'ha fatta a raggiungere la tartaruga, che è la commistione tra burocrazia e politica, che non tiene conto del time to market. In questi anni c'è stata oggettivamente inerzia da parte dello Stato e Governo e un proliferare iniziative buone e meno buone da parte di chi è stato su territorio e aveva esigenza di fare cose. A questo punto abbiamo coacervo di iniziative che depongono bene a messa in efficienza veloce di quanto fatto sui territori. Oggi eviterei di buttare via tutto: il riuso non si può fare ma si passi a robusta coprogettazione.

Disporre di un ecosistema digitale non è un fattore di crescita, ma di sopravvivenza. I limiti sono culturali, dimensionali, di competenze. Il riuso è un fallimento perché non si adotta una costruzione, la faccio costruire. Come ne usciamo: innanzitutto non ripetiamo gli errori del passato, evidenziarli per non compierli di nuovo.

Ricordando, su tutto, che l'assenza di pagamenti digitali sono anche una copertura per attività illecite.

05 Novembre 2014

TAG: moriondo, evento polimi