Bertoluzzo: "le nuove reti non vadano a discapito dei cittadini"

Vodafone

L'amministratore delegato di Vodafone, in un'intervista al Corriere della Sera, spiega l'opportunità di un compromesso tra lo sviluppo veloce delle nuove infrastrutture- come previsto in Digitalia- e i diritti degli utenti

 

E' importante avere “delle semplificazioni per investire in modo più veloce ed efficiente, ma questo non deve andare a discapito dei cittadini”. E' il parere di Paolo Bertoluzzo, in un'intervista al Corriere della Sera, sulla possibilità stabilita nel decreto Digitalia di mettere nuove antenne Lte senza che i condomini possano opporsi. Possibilità che comunque vale solo per antenne a bassa potenza; è previsto inoltre un risarcimento per i condomini, a quanto si legge nell'ultima bozza del decreto.

Bertoluzzo parla anche del problema interferenze tv-lte (questione che era nel decreto ma che è sparito nell'ultima bozza. “Ma ci sono due tipi di interferenze: la prima è legata al così detto blocco sporco ed era già chiara durante l’asta – conclude - Proprio per questo chi l’ha acquistata (Wind, ndr) ha avuto dei vantaggi in termini di copertura ed economici. Chi interferisce sul blocco sporco deve pagare. Se poi, fatto questo, ci saranno delle interferenze, noi come Vodafone ci faremo carico delle interferenze che andremo a causare”.

20 Settembre 2012