Con Renzi, la scaletta dei lavori sull'Agenda

Il quadro

E' arrivato lo Statuto dell'Agenzia per l'Italia Digitale. Bene, ma la governance per questi temi, con il nuovo Governo, è tutta da costruire. Vediamo i fronti aperti

di Alessandro Longo

Da una parte l'uscita dello Statuto dell'Agenzia per l'Italia digitale in Gazzetta Ufficiale (leggi). Dall'altra, il cambio di Governo e il conseguente terremoto su chi, alla Presidenza, si è occupato di questi temi nell'Unità di Missione di Caio. Il cui congedo resta per altro confermato, ad oggi, per fine marzo.

E' tempo insomma di ripartenze, per la governance dell'Agenda digitale. L'Agenzia è finalmente in grado di operare a pieno regime. Allo stesso tempo, bisognerà trovare un modo per dare continuità al lavoro svolto dall'Unità di Missione e una delle soluzioni potrebbe essere collocare i suoi membri presso il Comitato d'Indirizzo dell'Agenzia, il quale deve essere diretta emanazione del Presidente del Consiglio. Sappiamo che già negli ultimi giorni del Governo Letta, la Presidenza lavorava a un decreto per definire Comitato. Allo stesso tempo, ci sono voci insistenti che questo Governo potrebbe essere la volta buona per un ministro o un sottosegretario all'Agenda; se ne parlava già ai tempi di Monti.

Insomma, tante cose sono nell'aria per quanto riguarda la governance dell'Agenda. Se a livello tecnico siamo ormai ben messi, quello che manca- ed è sempre mancato in Italia, per il digitale- è una governance politica organica, che si rapporti con chi lavora all'Agenza nella sala macchine. Di qui l'idea di un ministro o un sottosegretario dedicato. Il Comitato d'Indirizzo è utile, per tenere il filo con la Presidenza, ma potrebbe non bastare.

Vediamo quindi, in questo (creativo) caos del passaggio, quali sono i nodi subito da sciogliere.

  • Quale governance alla Presidenza del Consiglio? Il Comitato d'Indirizzo dell'Agenzia, da stabilire subito, e un eventuale ministro o sottosegretario dedicato.
  • Fatturazione elettronica: dal 6 giugno è obbligatoria per le Pa centrali. E' importante dare continuità al lavoro della Presidenza per aiutare le aziende e gli enti a adeguarsi e poi per ultimare il decreto che estenderà l'obbligo alle Pa locali da giugno 2015.
  • Anagrafe unica. E' un nodo centrale per i grandi database pubblici che sovraintendono a identità e servizi digitali per il cittadino. Si attendono decreti attuativi per far partire questa rivoluzione e ultimarla nella seconda metà del 2015 almeno per l'Anagrafe della popolazione residente.
  • Identità digitale. L'Unità di Missione prevedeva che il decreto attuativo e il regolamento dell'Agenzia doveva partire a maggio, per avviare il tutto a inizi 2015.
  • Banda larga e fondi per l'Agenda digitale. Serve un coordinamento nazionale per utilizzare al meglio quelli europei, come detto anche dal Rapporto Caio. Per un coordinamento è importante una governance politica forte.
  • Ci sono tanti altri fronti dell'Agenda che sono già in ritardo e devono essere condotti in porto con fondi e decreti attuativi. Qui un quadro che aggiorniamo in tempo reale.

17 Febbraio 2014

TAG: quadro, longo, governo