SPONSORED ARTICLE

PEC, firma digitale e conservazione documentale: processi aziendali più agili con il cloud

Grazie al cloud è possibile gestire la Posta elettronica certificata, la firma digitale e la conservazione a norma di legge in un unico ambiente, ottimizzando i flussi di lavoro e migliorando l’efficienza: ecco come

26 Lug 2021
Antonio Morabito

Responsabile Marketing Enterprise Market, TIM

PEC, firma

Il massiccio ricorso alla digitalizzazione dei processi verificatosi nell’ultimo anno ha accelerato la presa di coscienza nei confronti dell’utilità di strumenti come la PEC (Posta elettronica certificata) e la firma digitale per assicurare, anche a distanza, valore legale a comunicazioni e documenti. Queste soluzioni si contraddistinguono per semplificare la quotidianità di liberi professionisti, uffici e aziende, garantendo la continuità del business e agevolando l’innovazione nella gestione documentale. Fulcro di questa rivoluzione nel lavoro di ogni giorno è il cloud, che per le sue caratteristiche rende più facile l’operatività: importante, per sfruttarne il potenziale, affidarsi a un provider autorevole e affidabile.

Perché il cloud supporta la business continuity

L’esigenza di velocizzare i flussi di lavoro e, al contempo, garantire alti livelli di sicurezza trova concretizzazione negli strumenti digitali che la normativa italiana relativa ai documenti informatici, rappresentata principalmente dal Cad – Codice dell’amministrazione digitale, mette a disposizione del settore pubblico ma anche dei privati. In particolare PEC, firma digitale e i sistemi di conservazione a norma rappresentano tre importanti soluzioni in grado di cambiare in meglio l’operatività quotidiana. Utilizzare questi strumenti in un ambiente cloud permette di sfruttarne al meglio le caratteristiche di flessibilità e personalizzazione, rendendo ancora più snelli i flussi e potendo gestire i documenti da qualsiasi dispositivo, in qualunque luogo ci si trovi e in ogni momento. Un vantaggio in smart working ma anche nel caso servissero riscontri urgenti e non ci si dovesse trovare in ufficio.

Inoltre, il cloud consente un alto livello di condivisione e integrazione tra persone e sistemi, aziendali e non. Un aspetto che porta a favorire la business continuity rendendo facile svolgere le proprie attività anche da remoto, continuando a erogare i propri servizi e andando incontro alle esigenze di fornitori e clienti.

PEC, firma digitale e conservazione a norma, come cambiano il modo di lavorare

La PEC è un sistema di posta elettronica i cui messaggi assumono il valore di una raccomandata, dunque hanno valore legale. Questo sistema di comunicazione è obbligatorio per imprese, pubbliche amministrazioni e liberi professionisti e offre un canale sicuro per condividere allegati rilevanti. Sarebbe comodo, per semplificare il lavoro, avere a disposizione in un’unica dashboard sia la posta certificata che quella ordinaria, così da tenere sempre sotto controllo la situazione.

A proposito di sottoscrizioni, la firma digitale rappresenta il metodo più sicuro per siglare documenti informatici attribuendo pieno valore probatorio. Si tratta infatti di una tipologia di firma elettronica qualificata che, basandosi su due chiavi – una privata in possesso solo del titolare della firma e una pubblica per decrittare l’altra -, permette di accertare con assoluta sicurezza l’identità corrispondente alla firma stessa. Si utilizza tramite smart card o token, tuttavia per comodità l’ideale sarebbe una soluzione integrata e automatizzata nel contesto di una soluzione di gestione documentale.

Integrazione e automatizzazione sono concetti che possono essere applicati anche al sistema di conservazione a norma di legge. Infatti, i documenti informatici vanno conservati in modo adeguato così da garantire che le loro caratteristiche e il valore legale siano inalterati nel corso del tempo, per un periodo che varia a seconda della tipologia di file: le fatture per esempio vanno conservate a norma per dieci anni. Il passaggio tecnico dell’inserimento del documento nel sistema di conservazione scegliendo un’adeguata soluzione può essere automatizzato, in modo da non incidere sull’utente.

I servizi citati si definiscono  “trust” e vengono erogati da soggetti che hanno la responsabilità di assicurare l’integrità di identificazione elettronica per i firmatari e per servizi, tramite meccanismi forti di autenticazionefirma elettronica e certificati digitali.

 

Il caso: gli strumenti di TIM 

Una soluzione presente sul mercato che valorizza questi strumenti in modalità innovativa è Google Workspace TIM Edition: nata dalla partnership tra Google Cloud e TIM, integra tutti gli strumenti e i sistemi di comunicazione della suite di Google con i servizi “trust”, grazie a un’app che connette l’ambiente Google Workspace e le piattaforme di TI Trust technologies, la certification authority del Gruppo TIM. Tramite l’app – sviluppata in collaborazione con Noovle, la cloud company del Gruppo TIM – tutto può essere gestito in un unico ambiente di lavoro, semplificando in maniera notevole i flussi quotidiani di comunicazione e condivisione dei documenti.

TIM offre diverse soluzioni “trust” volte all’ottimizzazione dei processi documentali.

Per esempio il servizio PEC di TIM permette un backup automatico di tutto ciò che si conserva nella casella di posta e consente di fare ordine nella propria attività; dispone inoltre di funzionalità come alert via SMS o sull’email ordinaria per verificare i messaggi. È disponibile anche l’app mobile TIM Pec, che consente di visualizzare i messaggi da cellulare. Grazie all’integrazione con Google Workspace, in un unico servizio si potranno gestire sia la PEC che la posta ordinaria.

Firma sicura mobile di TIM è invece il servizio di firma digitale “web based” che non richiede l’utilizzo di un dispositivo esterno come un token. Ciò significa che rimanendo nell’ambiente di lavoro si potrà applicare la firma: non a un solo documento, ma anche a più file insieme, risparmiando tempo. L’invio al sistema di conservazione poi è semplificato dalla possibilità di effettuare l’operazione direttamente dal proprio account Gmail.

Conclusione

I trust services e il cloud, per i benefici che portano in termini di ottimizzazione dei processi, si rendono preziosi alleati di imprese e professionisti in qualsiasi contesto di applicazione. La loro introduzione in azienda o nell’attività professionale quotidiana permette di innovare la gestione documentale, con ricadute positive sull’operatività e sull’efficienza.

L’articolo è parte di un progetto di comunicazione editoriale che Agendadigitale.eu sta sviluppando con il partner Tim

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati