Google deepmind

AlphaFold, come l’intelligenza artificiale rivoluziona la biologia

L’AI di Alphafond ha permesso di creare un archivio digitale con 200 milioni di proteine di cui prevede la forma 3D. Non solo di strutture proteiche umane, ma anche di altri esseri viventi. Accanto alle opportunità di semplificare la ricerca scientifica, non mancano le criticità. Ecco quali sono

17 Ago 2022
Mirella Castigli

ScenariDigitali.info

AlphaFold di DeepMind: l’intelligenza artificiale imprime una svolta alla biologia. Pro e contro di una rivoluzione

L’intelligenza artificiale (AI) si appresta a rivoluzionare la biologia e da qui a dare un contributo generale a numerose scienze: per la nutrizione, la sostenibilità, la medicina.

Lo scorso 22 luglio DeepMind e l’European Bioinformatics Institute (EMBL) hanno lanciato il database più completo e accurato di strutture proteiche ​​del genoma umano. Sono 200 milioni di proteine da 1 milione di individui.

L’archivio digitale e open source, l’AlphaFold Protein Structure Database su GitHub, ospita le strutture delle proteine: non solo umane, ma anche di altri esseri viventi come animali, piante, batteri ed altri organismi.

Il suo debutto avrà effetti dirompenti nello studio delle scienze della vita. Tuttavia – accanto alle opportunità di semplificare anche la ricerca farmaceutica – non mancano le criticità. Ecco quali sono i pro e contro di una rivoluzione epocale nell’era dell’AI applicata alla biologia.

AlphaFold: The making of a scientific breakthrough

L’intelligenza artificiale imprime una svolta alla biologia

La scoperta da parte di AlphaFold di DeepMind ha rappresentato la più grande degli ultimi cinquant’anni in ambito biologico. DeepMind è la divisione di Alphabet, capofila di Google, dedicata all’intelligenza artificiale.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete

AlphaFold è l’algoritmo di AI di DeepMind che già a fine 2021 aveva dato prova di affidabilità nel prevedere le forme di una proteina. Sfrutta la rete neurale artificiale, e dunque il processo di apprendimento automatico, basato sulle strutture 3D attualmente depositate nella Protein Data Bank. Infatti, dai dati sulle catene di amminoacidi che formano una proteina, l’intelligenza artificiale aveva conseguito un primo importante risultato, aggiornando una matrice di pesi che può spegnere una quota dei neuroni, organizzati in strati successivi, in base all’esperienza che via via acquisisce la rete. Ciascun neurone è interconnesso a tutti gli altri appartenenti allo strato successivo mediante connessioni pesate.

Adesso DeepMind sta creando il più vasto e completo archivio della struttura delle proteine, sia umane che di altri esseri viventi, utilizzando il sistema AlphaFold 2 di DeepMind. Contiene già oggi 350mila previsioni su caratteristiche e forma delle proteine. Ma DeepMind punta a raggiungere quota 100 milioni entro la fine dell’anno. Un traguardo ambizioso che rappresenta una svolta epocale.

DeepMind rende disponibile l’archivio in forma gratuita alla comunità scientifica.

Programmare un quantum computer: istruzioni per l’uso

L’impatto nelle scienze della vita: ecco le opportunità

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale nella biologia potrebbe avere, nell’arco dei prossimi anni, un impatto significativo in numerosi ambiti della ricerca, dalle scienze della vita al settore farmaceutico. Infatti, si tratta di una risorsa dalle grandissime potenzialità.

Il Protein Data Bank è uno dei più noti archivi da consultare per conoscere le caratteristiche delle proteine. Ne cataloga circa 180mila, fra le strutture osservate coi metodi sperimentali. Tuttavia, l’arrivo di AlphaFold di DeepMind ha moltiplicato le previsioni: ora quelle sulla struttura proteica, appartenenti a 20 diversi esseri viventi, hanno raggiunto quota 350mila.

Il nuovo archivio include la struttura di 20mila proteine relative alla specie umana, pari al 98% del proteoma umano ovvero il complesso di proteine del nostro organismo. Sono i dati che fotografa il laboratorio European Molecular Biology Laboratory (EMBL). Tuttavia l’obiettivo ambizioso stima circa 100 milioni di previsioni sulla struttura proteica. Big data che richiedono analisi accurate e anche nuove modalità di utilizzo.

I vantaggi

  • Bisogna conoscere la struttura di una proteina per sviluppare nuovi farmaci. Un farmaco o un vaccino è un po’ come trovare la giusta chiave per un lucchetto da aprire. Che si può conoscere se si analizza la forma. Il lucchetto è la proteina del virus. Non è affatto un caso che AlphaFold abbia aiutato già la ricerca a contrastare i virus, compreso l’attuale coronavirus protagonista della pandemia da Covid-19. In futuro si pensa che potrà aiutare a combattere malattie molto rare, ora difficili da affrontare perché finora è stato troppo costoso studiarle.
  • Inoltre, comprendere la struttura proteica consente di sviluppare enzimi dedicati, per esempio, a debellare elementi nocivi per il nostro organismo. Fino a capire e prevedere possibili mutazioni proteiche che danno origine a un cancro.
  • Oppure per rendere aree coltivabili più resistenti a parassiti e ai cambiamenti climatici, evitando il ricorso alla chimica. In ottica quindi di maggiore sostenibilità.
  • Infine, una potenzialità molto interessante che viene dalla conoscenza della struttura 3D delle proteine è la possibilità di sviluppare cellule virtuali su cui fare sperimenti a stadi avanzati di ricerca.

Le potenzialità dell’applicazione dell’intelligenza artificiale nella biologia sono dunque innumerevoli e molteplici. E hanno impatti tuttora da immaginare.

Le opinioni delle scienziati

Il 30 novembre, a coronamento dell’ultimo CASP14, l’algoritmo di Google noto come DeepMind’s AlphaFold ha raggiunto una qualità della previsione valutata quantitativamente dal parametro GDT (Global Distance Test) che esprime la percentuale di amminoacidi della proteina in esame che sono a una distanza uguale o inferiore rispetto a un valore di riferimento deciso dal Comitato di CASP.

Maurizio Brunori, professore emerito della Sapienza Università di Roma e presidente emerito della Classe di Scienze FMN dell’Accademia Nazionale dei Lincei, e Stefano Gianni, professore ordinario di Biologia Molecolare del Dipartimento di Scienze Biochimiche della Sapienza Università di Roma, l’hanno definita una “rivoluzione epocale”.

John Moult ha affermato che un valore di GDT di circa 90 definisce una struttura che si può già valutare identica all’equivalente struttura proteica sperimentale di qualità superiore. Il sistema AlphaFold2 ha raggiunto un valore di GDT di circa 90: ben al di sopra di tutti gli altri competitor. Le previsioni di struttura tridimensionale hanno offerto un eccellente livello di precisione.

Ad usare l’archivio è Matt Higgins dell’Università di Oxford che era alla ricerca, con i suoi colleghi, di una proteina considerata chiave per interrompere il ciclo di vita della malaria.

Venki Ramakrishnan, Nobel e presidente della Royal Society, considera inoltre la performance di AlphaFold il più grande passo avanti 70 anni dopo l’esperimento di Anfinsen per comprendere il protein folding.

Le criticità da risolvere

Nell’uso dell’intelligenza artificiale in biologia, rimane comunque necessario il lavoro di verifica per garantire che l’AI abbia compiuto una previsione affidabile. L’AI è in grado di mitigare questo rischio, valutando la propria previsione in autonomia e misurando i margini di errore.

Tuttavia, secondo alcuni scienziati, non è il solo rischio connesso con la tecnologia. Infatti,
Paolo Benanti, presbitero, teologo e accademico italiano del Terzo ordine regolare di San Francesco, che insegna alla Pontificia Università Gregoriana, lo ha definito uno strumento di doppio taglio. Non solo “può donarci nuovi potentissimi farmaci e nuove conoscenze del nostro corpo”, ma anche “terribili armi biologiche”.

Con queste risorse, infatti, possiamo impiegare le proteine ​​per realizzare “nanobot in grado di coinvolgere malattie infettive nel combattimento di una singola particella”. Oppure “spedire segnali in tutto il corpo, o smantellare molecole tossiche”, scrive Benanti in un post sul suo blog. Tuttavia gli esperti di bio-sicurezza temonoprogetti “per scopi nefasti”. Infatti, il docente della Pontificia Università Gregoriana ricorda che “i prioni responsabili della ‘mucca pazza’ e di altre malattie neurodegenerative, sono proteine ​​mal ripiegate che a loro volta provocano il mal ripiegamento di altre proteine”: sono in grado di innescare “reazioni a catena mortali che sono trasmissibili” e “potrebbero essere erogati tramite aerosol”. La Convenzione sulle armi biologiche, che raccoglie le firme di tutte le nazioni, vieta di fatto lo sviluppo o l’utilizzo di armi biologiche a base di agenti patogeni. Nessuno tuttavia ha ancora pensato di estenderla alle “proteine ​​che non hanno mai fatto parte di un organismo”. Dopo le scoperte di DeepMind, è l’ora di correre ai ripari.

Conclusioni

La biochimica computazionale non sarà sexy come le immagini immortalate dal James Webb Space Telescope, ma ne eguaglia l’importanza a livello di scoperta scientifica. Infatti le proteine sono le molecole che rappresentano il cuore della vita, per la loro capacità di orchestrare le reazioni biochimiche che originano la vita e fanno sì che la vita si svolga come la conosciamo.

Anche se non stiamo entrando in una nuova età dell’oro dello sviluppo farmacologico, AlphaFold dimostra le forti potenzialità dell’AI e le elevate attese per assistere ed accelerare la ricerca scientifica. Ma bisogna mantenere una giusta cautela per quanto riguarda gli impatti sulla medicina nel mondo reale.

Allo stadio attuale, infatti, le previsioni delle strutture proteiche da parte dell’intelligenza artificiale di AlphaFold puntano a fornire risposte a domande fondamentali sulla biologia delle proteine. I quesiti riguardano l’evoluzione delle proteine, la relazione che intercorre fra loro, la modalità su come la forma determini le funzioni biochimiche e sulle eventuali alterazioni delle funzioni a seconda di come si cambia la struttura chimica.

Dalla risposta a queste domande potrebbe davvero giungere una svolta rivoluzionaria con impatti nella vita quotidiana. Speriamo per porre le basi a futuri progressi scientifici e non per creare nuove armi biologiche. Filippa Lentzos del King’s College di Londra ha messo le mani avanti: la Convenzione sulle armi biologiche deve essere estesa alle proteine, “perché le potenziali armi biologiche future non necessariamente ci faranno ammalare usando agenti patogeni”.

WHITEPAPER
Efficienza energetica nei processi produttivi: scopri come, grazie a Digitalizzazione e AI
Intelligenza Artificiale
IoT
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4