Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

il video

Il Natale ai tempi dei social: la video fiaba di Andrea Visconti

Una video fiaba per spiegare il Natale in maniera semplice ai bambini. Nell’era del digitale, ovviamente

17 Dic 2018

Andrea Visconti

Imprenditore digitale e content creator esperto nella relazione fra bambini e tecnologia


La video fiaba per bambini “Il Natale ai tempi dei social” è la riproposizione in chiave moderna di quel che successe 2018 anni fa quando una giovane donna ed un giovane uomo cercarono un posto dove dare alla luce il loro primogenito.

Una fiaba divertente e molto attuale dove i protagonisti affrontano le sfide che ognuno di noi deve affrontare quotidianamente come il blocco del traffico o la necessità di usare Google Maps per orientarsi, ma anche gli aspetti più legati alla condivisione, che tutti noi facciamo sui nostri social, dei momenti più importanti della nostra vita, come ad esempio la nascita di un figlio.

Tutti i personaggi della storia, infine, sono caricature di personaggi pubblici calati in un contesto che li vede protagonisti fuori dalla propria comfort zone. Come se la caveranno nelle vesti di Giuseppe e Maria e nella veste di Re Magi?

“È stato divertente pensare a come sarebbe se IL Natale, cioè il giorno zero dell’anno zero, succedesse oggi. Chi sarebbero Giuseppe e Maria? e chi i Re Magi? e quali sfide dovrebbero affrontare?

Dopo essermelo chiesto, siccome ho parecchio tempo libero, mi sono anche risposto e nonostante non ce ne fosse bisogno, ne ho fatto una video fiaba.

In questa storia, oltre a raccontare le immagini che lentamente si costruivano nella mia mente delle sfide che avrebbero dovuto affrontare i protagonisti del Natale ai tempi dei social, ho provato anche a tornare al vero significato del Natale. Festa che non è fatta solo di abbuffate e di regali, ma anche di un’avvenimento che ha cambiato la storia e che duemila anni dopo ancora ricordiamo e anzi, cerchiamo di attualizzare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4