gli studi

Scuola e occupazione: colmare il “divario digitale cognitivo” per il rilancio del Paese

Per assicurare la riqualificazione della forza lavoro, favorendo l’inclusione generalizzata degli occupati, occorre incrementare il livello di competenze digitali di base con politiche pubbliche in grado di realizzare una profonda revisione dei programmi formativi delle scuole e delle università. Ecco perché è una priorità

03 Nov 2020
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

Photo by Surface on Unsplash

Il divario digitale cognitivo costituisce un grave problema sociale che richiede un prioritario intervento politico del settore pubblico per favorire lo sviluppo di abilità professionali richieste nel mercato del lavoro mediante l’acquisizione di competenze specialistiche senza le quali si provocherà una dilagante esclusione di larghe fasce della popolazione come nuovo fattore di povertà legato al ritardo tecnologico di matrice culturale.

Vari studi sono usciti nelle ultime settimane a supportare queste tesi e qui li passiamo in rassegna.

Incrementare il livello delle competenze digitali è pertanto una priorità di intervento non più rinviabile per invertire il trend negativo della perdurante crisi economica, aggravata dall’emergenza innescata dal Covid-19.

La necessaria riforma del sistema educativo: studio dell’Osservatorio Competenze Digitali

In questo preciso momento storico, in attesa dei tempi lungi necessari per il progressivo ritorno a condizioni di normalità – che in ogni caso non saranno più quelle corrispondenti al recente passato “pre-Covid” – non solo da un punto di vista sanitario, ma anche sotto il profilo socio-economico diventa indispensabile pianificare una complessiva riforma del sistema educativo delle scuole e delle università, con l’obiettivo di realizzare con lungimiranza un programma organico di riqualificazione della forza lavoro, consentendo alle persone di acquisire skill moderne in grado di sfruttare i vantaggi offerti dallo sviluppo tecnologico, cogliendo le nuove opportunità professionali che si manifestano nel mercato del lavoro.

WHITEPAPER
Coinvolgi i tuoi dipendenti con una formazione che guardi alle loro esigenze, ecco come!
Risorse Umane/Organizzazione
Competenze Digitali

La costante evoluzione di quest’ultimo, è descritta dalle rilevazioni formalizzate nello studio sulla domanda di lavoro e di skills delle professioni ICT a cura dell’Osservatorio delle Competenze digitali, secondo cui “in controtendenza rispetto alle criticità riscontrate da molti settori economici” la domanda di esperti specialistici ICT richiesta dalle imprese – sia pure nel contesto di “un elevato gap tra nord, centro e sud del paese” (il nord ovest raggiunge la quota pari a circa il 43% delle offerte di lavoro, il nord est il 29%, il centro si attesta al 19% mentre il sud e le isole registrano solo l’8% circa) – supera addirittura “l’offerta che il sistema formativo, in particolare universitario, riesce a produrre”.

Il risultato è che l’eccesso di domanda misurata in circa 28,5 mila unità di surplus non sfruttato, come differenza negativa tra la richiesta del fabbisogno di personale e l’effettiva disponibilità di professionisti in possesso delle competenze ricercate, non solo preclude a un elevato numero di persone la possibilità di lavorare alimentando il crescente tasso di disoccupazione involontaria che causa l’inefficiente condizione dell’attuale fallimento del mercato, ma altresì impedisce alle imprese la possibilità di soddisfare le proprie esigenze organizzative legate alla pianificazione di nuovi progetti nei settori dei big data, dell’intelligenza artificiale, dell’IoT, della robotica e del cloud computing, con gravi ricadute negative sulla complessiva crescita del Paese in termini di innovazione, sviluppo sostenibile e produttività.

Ricostruire un mercato del lavoro migliore e resiliente: lo studio Ocse

In un contesto di preoccupante recessione economica che si è determinata a livello mondiale, a causa di una lunga crisi globale ormai risalente al 2008, la pandemia Covid-19 ha messo ancor più gravemente in pericolo il trend occupazionale già precario negli ultimi anni, come sottolinea il Report “Employment Outlook 2020” realizzato dall’OCSE che, prevedendo un livello di disoccupazione pari a quasi il 10% nei paesi OCSE entro la fine del 2020 e che raggiungerà il 12% in caso di seconda ondata pandemica ormai in atto, in aggiunta ad una connessa diminuzione del PIL di quasi il 15% entro il secondo trimestre del 2020, a fronte del concreto rischio di pesanti ricadute socio-economiche nell’imminente futuro addirittura paragonabili ai tempi della “Grande Depressione”, considera la “ricostruzione di un mercato del lavoro migliore e più resiliente un investimento essenziale per le generazioni future”.

Secondo lo studio citato, ad esempio, l’Italia “è stata uno dei paesi OCSE più colpiti dalle ricadute economiche del Covid-19”, con un incremento significativo del numero di persone non occupate provocato dal mancato rinnovo di molti contratti a tempo determinato e dal blocco delle assunzioni.

In tale prospettiva, poiché la disoccupazione raggiungerà un livello record entro la fine del 2020, divenendo ancora peggiore a causa della seconda ondata, così da vanificare il pregresso periodo di lenti miglioramenti ottenuti nel passato “pre-Covid”, il tasso di disoccupazione in Italia dovrebbe raggiungere l’11,5% alla fine del 2021, con il rischio di gravi diseguaglianze sociali.

In un epoca di profondo cambiamento epocale su cui ha inciso ulteriormente lo stato di emergenza provocato dalla pandemia, l’accelerazione del processo di digitalizzazione della maggior parte delle attività economiche, lavorative e dei servizi pubblici, ci pone di fronte a un bivio per decidere se farci trovare pronti a sfruttare l’ondata di innovazione come opportunità di crescita effettiva o se restare ancora inerti subendo l’inesorabile collasso del sistema economico che, senza adattamento alla rapidità evolutiva dello sviluppo tecnologico, provocherà la progressiva scomparsa della maggior parte dei lavori tradizionali presto sostituiti da sistemi di automazione che ridurranno drasticamente l’intervento umano nei processi produttivi delle imprese e che in ogni caso richiederanno nuove competenze.

La direzione da prendere per nuove prospettive occupazionali: il Report del WEF

L’ultima edizione del Report “Future of Jobs 2020” del World Economic Forum traccia con chiarezza la direzione da intraprendere verso nuove prospettive occupazionali basate sulla reciproca interrelazione tra tecnologica, lavoro e competenze innovative, anche tenuto conto degli effetti provocati dalla pandemia sulle condizioni di incertezza del mercato del lavoro, per evitare che il progressivo processo di automazione, in combinato disposto con la recessione “Covid-19”, crei uno scenario di “doppia interruzione” per i lavoratori causata dai blocchi indotti dalla pandemia e dalla contrazione economica, con il risultato di determinare un’inevitabile distruzione di posti di lavoro non altrimenti declinabili in modo innovativo, mediante una necessaria riconversione produttiva, per soddisfare le esigenze delle imprese, considerato che “entro il 2025 circa 85 milioni di posti di lavoro potrebbero essere sostituiti da un cambiamento produttivo nella divisione del lavoro tra uomini e macchine”.

Nonostante tale shock economico generale, a fronte della creazione di 97 milioni di nuovi posti di lavoro nell’economia digitale, poiché quasi il 50% avrà bisogno di una riqualificazione formativa, il divario di competenze continua a essere elevato, incrementando le disuguaglianze esistenti nel mercato del lavoro a discapito delle categorie sociali di lavoratori più svantaggiati e poco qualificati.

Conclusioni

Per assicurare la riqualificazione della forza lavoro, favorendo l’inclusione generalizzata degli occupati, occorre incrementare il livello di competenze digitali di base con politiche pubbliche in grado di realizzare una profonda revisione dei programmi formativi delle scuole e delle università, come auspica in tal senso il rapporto “Digital Skill Insight” pubblicato dall’Unione internazionale delle telecomunicazioni, secondo cui l’attuale momento storico richiede il necessario possesso di una cultura digitale di base come requisito imprescindibile non solo per saper cogliere le imminenti opportunità lavorative collegate ai settori ICT, ma per svolgere la stragrande maggioranza delle attività quotidiane ormai realizzate esclusivamente in ambiente digitale.

Piuttosto che continuare a restringere le prospettive occupazionali della popolazione italiana entro i tradizionali confini del cosiddetto “posto fisso” “messo in palio” all’esito di sempre più inadeguate procedure concorsuali in cui un esercito di candidati partecipa sistematicamente allo svolgimento di prove basate sull’apprendimento nozionistico di stampo teorico alla ricerca della propria stabilità economica legata alla “conquista” di un lavoro “sicuro” a tempo indeterminato, sarebbe opportuno realizzare innovativi programmi di formazione per soddisfare la crescente domanda di esperti/specialistici ICT, così da offrire alle imprese preziose risorse umane da utilizzare nella propria struttura organizzativa e consentire alle Pubbliche Amministrazioni di definire le proprie dotazioni organiche di personale mediante il reclutamento organico di esperti in possesso di competenze specialistiche in grado di realizzare concreti progetti di trasformazione digitale del settore pubblico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4