Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La procedura

Istanze online, il sistema Polis del Miur: a cosa serve, come usarlo

Il Miur offre con il servizio istanze online Polis la possibilità di inoltrare per via telematica le domande amministrative da parte del personale del mondo della scuola. Il portale Polis, disponibile sul sito ministeriale, è utile per velocizzare i processi ed evitare i documenti cartacei

10 Apr 2019

Nicoletta Pisanu


Si chiama Polis, il servizio Istanze online del Miur: così il personale scolastico e amministrativo può presentare in via telematica le domande senza ricorrere ai classici moduli da compilare. Polis sta in effetti per Presentazione online delle istanze e rappresenta un passo verso la dematerializzazione, in quanto è stato pensato per velocizzare le procedure ed eliminare la modulistica cartacea.

Si tratta di un servizio via web che richiede la registrazione per poter accedere (come per esempio Inps online).

Istanze Online, cosa sono

Il sistema Polis per inoltrare le istanze online è basato sul Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD). In base alle norme infatti, è stabilito che i cittadini possano comunicare con la pubblica amministrazione in modo digitale, evitando i moduli cartacei. Sempre secondo le leggi previste dal Codice, il servizio richiede di accertare l’identità dell’utente, tramite l’inserimento di credenziali come username e password.

Per accedere al servizio istanze online dunque, non basta registrarsi tramite il sito ministeriale, ma anche comparire davanti a un pubblico ufficiale di persona, altrimenti non potrà essere rilasciata l’abilitazione per procedere.

Come accedere al servizio Polis Istanze Online

La procedura per accedere al servizio Istanze Online del Miur richiede l’iscrizione ed è piuttosto articolata. Si compone di due fasi:

  • registrazione per avere le proprie credenziali personali con le quali autenticarsi sul sito;
  • effettuare e superare la procedura di abilitazione.

Per accedere al servizio è necessario in primis avere le proprie credenziali, ci si può registrare online sul portale Miur alla voce specifica. Il primo step richiede di indicare il proprio codice fiscale e verificare che non si sia un robot tramite il controllo sicurezza. Il passo successivo richiede l’inserimento dei propri dati personali, come nome, cognome, residenza e Paese di appartenenza. In seguito si completa la registrazione.

Una volta ottenute le proprie credenziali, è necessario cliccare sul pulsante blu “accedi” nella home page del portale: si trova nella colonna di sinistra in fondo, sotto alla voce “accesso al servizio”. Tre sono i possibili risultati cliccando. Infatti, se l’utente non ha fatto login, gli viene indicato di farlo e gli compare quella pagina. Se l’utente si è autenticato ma non è abilitato al servizio, si avvia la procedura per l’abilitazione. Infine, se l’utente ha fatto login e risulta essere abilitato al servizio, si accede alla home page di Istanze Online.

L’abilitazione al servizio Istanze Online Miur

Per prima cosa, si avvia la procedura per ottenere l’abilitazione al servizio inserendo i dati richiesti. Bene dunque avere a portata di mano un documento di riconoscimento valido. Sono accettati:

  • carta di identità;
  • passaporto;
  • patente;
  • patente in formato carta di credito;
  • tesserino di riconoscimento rilasciato da un’amministrazione dello Stato.

Bisogna anche disporre del codice fiscale o della Tessera sanitaria. Cosa utile anche leggere bene le istruzioni del ministero.

Il sito del Miur consiglia, al termine dell’inserimento dei dati, di stampare il modulo di adesione dopo averlo scaricato. Dopo aver svolto questa operazione preliminare, si riceverà dal sistema una mail con un codice personale temporaneo, il modulo di adesione e le indicazioni necessarie per continuare l’iter. L’interessato a questo punto deve accedere nuovamente al servizio e inserire il codice personale temporaneo per confermare di aver ricevuto la comunicazione.

Il passo successivo richiede l’accertamento della propria identità. Una pratica che va svolta di persona: l’utente deve andare in un istituto scolastico o un altro ufficio pubblico, a seconda del particolare procedimento amministrativo, e comunicare i propri dati al personale del Ministero dell’Istruzione, che effettuerà l’identificazione fisica. L’utente dovrà sottoscrivere un modulo di adesione davanti al personale del Miur preposto. Una volta completata l’operazione, il personale ministeriale confermerà l’abilitazione dell’utente.

In seguito, il sistema provvederà a inviare una mail confermando che si è stati abilitati al servizio Istanze Online. L’utente dovrà dunque accedere nuovamente al servizio, modificare il codice personale temporaneo con un codice personale da lui creato. Ora tutto è pronto per inviare le proprie istanze.

Assistenza Istanze Online

Il Miur, come indicato sul sito governativo, mette a disposizione diverse modalità per ricevere assistenza a seconda del proprio problema. Sul portale è disponibile una sezione Faq, utile da consultare in caso di dubbi per vedere se sia disponibile già online una risposta al proprio quesito su Istanze Online.

Cosa fare se si dimentica la password oppure se in fase di registrazione non viene inviata la mail automatica? Se vengono riscontrati problemi tecnici di questo genere mentre ci si registra, è possibile chiamare il numero di assistenza 080-926 7603, disponibile dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18,30. I problemi tecnici relativi alla compilazione della domanda, come gli errori nella compilazione dei dati anagrafici, vanno risolti rivolgendosi al personale Miur nelle scuole o negli uffici amministrativi. Spiegando il problema, sarà aperto il tagliando per l’assistenza tecnica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3