Governance

Carabetta (M5S): “Innovazione volano per la ripresa, ma serve una regia al Paese”

L’azione di Parlamento e Governo ha mostrato una chiara intenzione a investire nell’ecosistema dell’innovazione tecnologica come elemento fondamentale per il rilancio del Paese. Sarà però fondamentale disporre di una regia in grado di coordinare le azioni dall’alto, per dare al Paese una strategia omogenea e ambiziosa

05 Nov 2020
Luca Carabetta

Coordinatore Transizione Digitale M5S

italia digitale

Il mondo post-Covid sarà profondamente diverso dal passato ed è responsabilità della politica tracciare una via per la ripresa, attenuando i tanti rischi e creando nuove opportunità.

Quel che sappiamo ora, è che la pandemia ha segnato profondamente le diverse società a livello globale: da inizio anno stiamo affrontando una crisi sanitaria senza precedenti e abbiamo visto solo i primi effetti della conseguente crisi economica. Ci aspetta, insomma, un periodo di cambiamenti di stili di vita e di trasformazione produttiva.

Vediamo allora in che direzione si muove l’azione europea e di governo, in particolare sul versante dell’innovazione.

La risposta alla crisi delle maggiori economie mondiali

In risposta alla crisi, le maggiori economie al mondo hanno scelto la via della liquidità per potere affrontare questi mesi, attraverso politiche monetarie molto espansive. Anche l’Europa, reduce da un decennio di restrizioni e austerità, ha dovuto optare per una maggiore flessibilità.

WHITEPAPER
Sfide di mercato, strategie e strumenti per la nuova INDUSTRY4.0, con il digitale al centro
Automotive
IoT

A partire da marzo, la BCE ha avviato diverse iniziative per sostenere gli stati membri, dal potenziamento dell’acquisto dei titoli di stato (PEPP – Pandemic Emergency Purchase Programme), a REACT-EU e SURE, al pacchetto “Next Generation EU” che prevede aiuti a fondo perduto (312.5 miliardi) e a prestito (360 miliardi).

Per rispondere all’iniziativa Europea, il Governo italiano ha varato il “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”. Obiettivo del piano è quello di individuare progetti concreti da realizzare, in linea con i parametri europei: resilienza sociale, crescita economica, creazione di posti di lavoro, investimenti nella transizione green e digitale. Le risorse a disposizione per il nostro Paese sono pari a circa 81 miliardi a fondo perduto e circa 127 miliardi a prestito.

In settembre, il Governo ha presentato al Parlamento le prime linee guida e conseguentemente le diverse commissioni parlamentari si sono espresse con delle raccomandazioni. Nel corso dei prossimi mesi i ministeri dovranno lavorare a singoli progetti concreti in grado di rispondere alle linee guida, occorrerà poi elaborare una sintesi per presentare il piano completo alla Commissione Europea.

Innovazione volano per il rilancio del Paese

L’azione di Parlamento e Governo ha mostrato una chiara intenzione a investire nell’ecosistema dell’innovazione tecnologica come elemento fondamentale per il rilancio del Paese.  Su questo fronte è possibile individuare delle categorie per potere illustrare il contenuto delle linee guida, sintetizzando le principali proposte indicate.

  • Pubblica Amministrazione e Governo. Semplificazione, dematerializzazione e modernizzazione devono essere il faro di questo percorso, sostenuti da una radicale e diffusa implementazione delle tecnologie digitali. Deve essere attuato il piano per il cloud nazionale guardando alla futura federazione Europea, anche attraverso la costituzione di un’Agenzia Nazionale per il Cloud Computing. Occorre investire nella formazione dei dipendenti pubblici, favorendo il ricambio generazionale.
  • Infrastrutture digitali. Deve essere completato il piano per la Banda Ultralarga e accelerata la diffusione della rete 5G. Ove possibile l’accesso alla rete deve essere favorito attraverso l’installazione di sistemi pubblici Wi-Fi indoor/outdoor. Le infrastrutture digitali sono fondamentali e abilitanti per modelli di lavoro o studio a distanza nel mondo post-Covid.
  • Competenze. Pilastro del “Next Generation EU”. Le competenze digitali o comunque relative alle nuove skills richieste dal mercato devono essere sviluppate sia relativamente al pubblico (pubblica amministrazione, governo, scuole, sanità, …) che rispetto al privato. Il Paese deve investire nel potenziamento di ITS, lauree professionalizzanti e STEM.
  • Imprese e capitale di rischio. Lo sviluppo delle imprese è fondamentale per l’innovazione del sistema Paese. Occorre potenziare gli strumenti a sostegno degli investimenti in capitale di rischio per garantire la giusta accelerazione alle idee innovative, anche coinvolgendo risparmio e investitori istituzionali. E’ cruciale stimolare la contaminazione tra tessuto produttivo tradizionale e startup innovative, anche attraverso nuovi modelli di business o di collaborazione (open innovation). Da punto di vista della catena strategica del valore devono essere ampliati e potenziati strumenti come “Transizione 4.0” e le reti di competence center e digital innovation hub.
  • Ricerca e Trasferimento tecnologico. L’obiettivo del piano è quello di portare gli investimenti in ricerca e sviluppo – oggi pari al 1.3% del PIL – al di sopra della media europea (2.1% del PIL).
  • Sviluppo delle tecnologie strategiche. I progetti ministeriali dovranno essere orientati al sostegno dello sviluppo delle tecnologie di frontiera e all’introduzione di elementi di innovazioni nel tessuto produttivo tradizionale. Il piano cita: intelligenza artificiale, big data, cloud computing, internet delle cose, robotica automazione, scienze della vita e biotecnologie, difesa e sicurezza cibernetica, super e quantum computing, nanotecnologie e scienze dei materiali, mobilità elettrica e guida autonoma, realtà virtuale e realtà aumentata, manifattura digitale, blockchain e fintech;
  • Cashless Society. L’Italia – fanalino di coda in Europa sul fronte dei pagamenti digitali – deve impegnarsi nel garantire la diffusione dei relativi sistemi nel Paese, anche abbattendo i costi di accesso per gli esercenti ed incentivando i consumatori.

Conclusioni

Negli ultimi due anni il Governo ha imboccato una strada virtuosa nello sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione. Ricordiamo la creazione di CDP Venture Capital – Fondo Nazionale Innovazione e della Fondazione Enea Tech per il trasferimento tecnologico, l’estensione della policy e in particolare degli incentivi per gli investimenti in imprese innovative, il potenziamento degli strumenti diretti di Invitalia, l’accelerazione del piano per la banda ultralarga e tante iniziative specifiche in diversi settori tecnologici: cashless, intelligenza artificiale, blockchain.

Il piano della Commissione non può che essere visto quindi con estremo favore da una politica che si è spesa per gli investimenti in innovazione quale elemento fondamentale per il rilancio del Paese.

Da oggi inizia un percorso molto importante che porterà a definire l’allocazione di ingenti risorse nei prossimi anni ed è quindi fondamentale la governance del processo, oltre che il merito delle singole proposte.

La gestione delle diverse filiere dell’innovazione tecnologica attraversa infatti diversi ministeri e differenti livelli istituzionali.

Sarà fondamentale disporre di una regia in grado di coordinare le azioni dall’alto, per dare al Paese una strategia omogenea e ambiziosa. Il ruolo dello Stato, mai come questo momento, è poi quello di coinvolgere le realtà associative e il privato: dobbiamo ripartire e dobbiamo farlo assieme, facendo convergere le migliori idee ed energie per il futuro del nostro Paese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati