Internet delle cose, troppi dati danno troppo potere: ecco i rischi per la concorrenza | Agenda Digitale

data management

Internet delle cose, troppi dati danno troppo potere: ecco i rischi per la concorrenza

Nel mercato Iot sono presenti pochi grandi gruppi aziendali che operano dentro una moltitudine di mercati e una grossa parte della competizione avviene esclusivamente tra loro. Le piccole e medie imprese sono dunque confinate in una coda della domanda

02 Feb 2017
Antonio Vetrò

Centro Nexa su Internet e Società e Future Urban Legacy Lab – Politecnico di Torino

I numeri che descrivono la crescita dell’internet delle cose (IoT) sono emblematici: la stima varia da 10 a 100 miliardi entro il 2020 e i siti www.thingful.net e www.shodan.io ne consegnano un’efficace rappresentazione plastica allo stato dell’arte.

La dualità della tecnologia è ben evidenziata da Massimiliano Nuccio dell’università di Torino nel suo intervento durante l’ottava Conferenza Annuale del Centro Nexa su Internet & Società sul tema “Internet delle Cose: Inferno o Paradiso?”. Si è soffermato sugli aspetti economici dell’IoT, presentando due visioni contrapposte. La visione positiva poggia le sue fondamenta sul fatto che Internet abbia abbassato i costi di transizione e ricerca, e facilitato il rapporto tra offerta e domanda. L’esito è un mercato dinamico in cui la reputazione o il brand godono di minore importanza rispetto al passato, a vantaggio delle piccole e medie imprese. La realtà però sembra suggerire una situazione non del tutto positiva, poiché sono presenti pochi grandi gruppi aziendali che operano dentro una moltitudine di mercati e una grossa parte della competizione avviene esclusivamente tra loro, su tipologie di offerte e servizi differenti. Le piccole e medie imprese sono dunque confinate in una coda della domanda (che più lunga è, maggiori sono i guadagni per loro) che è rivolta spesso a nicchie di mercato, con servizi e prodotti altamente configurabili. La visione negativa, in aggiunta, mette in luce ulteriori aspetti, quali le barriere tecnologiche e legali connesse non solo alla raccolta dei dati ma anche alla loro trasformazione e analisi; barriere che andrebbero arginate con l’utilizzo di piattaforme open source e soluzioni multi-homing per i dati, prevenendo così il lock-in tecnologico e  un accesso esclusivo  ai dati, con la possibilità per terze parti di usarli.

Il docente Marco Ricolfi  ha analizzato gli effetti sull’occupazione; effetto negativo sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo e che potrebbe essere tra i responsabili di una forma di pauperismo occupazionale, giacché l’attuale stagnazione è a sua volta legata alla dinamica della domanda aggregata, per via del minore bisogno di quantità di lavoro umano per unità di produzione. E l’attuale asimmetria nella redistribuzione del reddito accentuerebbe tale dinamica.

Di conseguenza, è auspicabile e necessario un intervento normativo che corregga queste distorsioni della domanda. Tuttavia su quale piano si dovrebbe intervenire? Soluzioni ex-ante potrebbero infatti essere adottate a diversi livelli: nazionale, europeo (es.: Antitrust), organizzazioni internazionali, infine strutture di governance multi-stakeholder. Ogni livello di intervento presuppone specifici effetti, a seconda  del servizio, del prodotto e del tipo di dati coinvolti. Inoltre, la presa di posizione di organismi internazionali potrebbe rivelarsi indispensabile considerata l’attuale difficoltà di applicazione dei modelli di governance multi-stalkeholder. In questo contesto, emerge la priorità di decentralizzazione della governance della rete Internet, non solo rispetto a soggetti privati – a titolo d’esempio, basti pensare che la maggior parte dei satelliti geo-stazionari, potenziali detentori del controllo delle cose connesse e del relativo flusso dati, sono gestiti da tre sole nazioni (Stati Uniti d’America, Cina e Russia). Con l’esito di trasformare l’ IoT in un sistema che mina la nostra sicurezza (si pensi al caso dei droni e di mezzi militari comandati da remoto): infatti, come sottolineato dal sottoscritto nella mia introduzione alla conferenza, con l’IoT non ci si riferisce solo ai sensori, ma anche agli attuatori. Dal momento che anche i satelliti sono a rischio di manomissione o distruzione, gli scenari infernali dell’ IoT (come questi), potrebbero rivelarsi ancora più drammatici su scala internazionale.

WHITEPAPER
La nuova frontiera del Cognitive Search. Ecco come evolve l'AI
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale

Ricercatori e policy makers, come sottolineato dai docenti Juan Carlos De Martin (co-Direttore del Centro Nexa) e da Claudio Demartini (a capo del Dipartimento di Automatica e Informatica del Politecnico di Torino) dovrebbero porre l’attenzione su temi così importanti. C’è stata una crescita esponenziale del cambiamento tecnologico, superiore all’evoluzione della società politica, istituzionale e civile. Questo sfasamento sta generando numerosi problemi, e ci auguriamo che la consapevolezza della sfida faccia in modo di orientarci nella direzione corretta piuttosto che -indicarci quella sbagliata.

Quest’articolo è in stretta continuità con uno dello stesso autore, vedi qui. 

Articolo 1 di 2