corporate digital responsibility

Finanza sostenibile, l’impatto ESG sulla gestione dei contenuti online: i nuovi standard SASB

Sempre più, la gestione dei contenuti dannosi generati dagli utenti, è un tema nevralgico in termini di business, regolamentazione, impatto sociale e anche in chiave finanziaria. E così gli investitori tengono d’occhio le policy di gestione e moderazione in un’ottica ESG. Focus sulle raccomandazioni SASB

26 Ago 2022
Milena Prisco

Of Counsel Pavia e Ansaldo

programmatic advertising

La corporate digital responsibility è sempre di più al centro delle valutazioni della finanza sostenibile e di quella parte del mondo corporate attenta in misura crescente a misurare gli impatti del digitale sui fattori ESG e quindi sui rischi finanziari. A confermarlo le recenti raccomandazioni pubblicate dall’International Sustainability Standards Board (ISSB)[1] con una sezione dedicata alla gestione dei contenuti digitali di utenti e aziende: la content governance.

“Corporate digital responsibility” braccio armato della sostenibilità aziendale: una strategia

La content governance in chiave ESG

In questo panorama di importante sensibilizzazione, Bruxelles ha appena approvato il nuovo regolamento sui mercati digitali (DMA) e la legge sui servizi digitali (DSA) per contrastare le pratiche sleali e l’abuso di posizione dominante nei mercati delle big tech ed imporre alle grandi piattaforme online una maggiore responsabilità sul controllo e la moderazione dei contenuti digitali. I testi dei due provvedimenti devono essere formalmente adottati dal Consiglio e pubblicati in Gazzetta Ufficiale e si applicheranno rispettivamente sei mesi e quindici mesi dopo la loro entrata in vigore.

WHITEPAPER
Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index
Sviluppo Sostenibile

Proviamo a contestualizzare la content governance in chiave ESG.

Le stesse tecnologie che hanno consentito un’enorme crescita della produttività globale e messo in connessione l’intero mondo attuando la seconda rivoluzione industriale, sono ormai al contempo anche abilitatori di contenuti dannosi: l’incitamento alla violenza e all’odio, i contenuti terroristici e quelli di estremismo violento, la disinformazione con le fake news e la pedopornografia.

Negli ultimi anni la gestione dei contenuti, generati principalmente dagli utenti, è un tema nevralgico in termini di business, di regolamentazione, di impatto sociale e più di recente anche in chiave finanziaria in un complesso gioco di equilibri, in cui i player dell’industria IT soppesano i propri interessi economici con quelli dei loro utenti, degli inserzionisti e delle autorità di regolamentazione. La content governance riguarda direttamente e principalmente l’industria IT con i suoi diversi player: gli internet/media e services provider (social media, applicazioni di messaggistica, piattaforme interattive quali quelle di dating, di recensione, di prenotazione), software house e servizi IT quali cloud, piattaforme di gaming, fornitori in outsourcing, gli internet service provider e il mondo dell’e-commerce con tutte le sue tipologie di marketplace.

Corporate Digital Responsibility

Le due macro-aree del settore internet/media

Il settore internet/media di fatto si compone di due macro-aree:

  • quella più propriamente media con motori di ricerca e canali pubblicitari sul web, giochi online e social network, che produce una massiva quantità di contenuti, di vario genere quali quelli educativi, medici, sanitari, sportivi o notizie,
  • quella dei servizi forniti dalle aziende IT attraverso internet.

La correlazione fra l’impatto sociale e quello finanziario dei contenuti e le implicazioni

L’Industry genera ricavi principalmente dalla pubblicità online, su contenuti solitamente gratuiti, mentre altre fonti di ricavi sono rappresentate da canoni di abbonamento, vendita di contenuti o vendita di informazioni sugli utenti. Nel corso degli ultimi anni la correlazione fra l’impatto sociale e quello finanziario dei contenuti digitali ha destato la preoccupazione degli investitori, che hanno accresciuto l’attività di analisi e monitoraggio in un’ottica ESG della content governance dei player sia grandi che piccoli. Il risvolto finanziario della content governance è provato, la gestione dei diversi rischi dei contenuti digitali ha implicazioni finanziarie significative per le aziende del settore: innanzitutto i costi della moderazione dei contenuti, che richiede infrastrutture con una quantità significativa di risorse dedicate (es. forza lavoro) o allocate per investimenti nella creazione e applicazione di policy di content management mediante manodopera specializzata, sistemi di gestione e moderazione dei contenuti automatizzati, centralizzati o esternalizzati a fornitori terzi.

I costi (non solo economici) della moderazione dei contenuti

La maggior parte delle aziende non rende pubblici questi costi, nel 2020 Mark Zuckerberg ha dichiarato, in una testimonianza davanti al Congresso degli Stati Uniti, che l’azienda spendeva più di 3 miliardi di dollari per la sua forza di 35.000 dipendenti addetti alla moderazione dei contenuti, molti dei quali lavorano come appaltatori. Nella stessa audizione, l’amministratore delegato di Alphabet Sundar Pichai ha testimoniato che la sua azienda ha speso più di 4 miliardi di dollari per una forza di oltre 10.000 moderatori di contenuti. Nel 2021, Meta ha rivelato che la sua spesa per “sicurezza e protezione” dei contenuti è stata di 13 miliardi di dollari nel corso dei cinque anni precedenti. A questi costi si aggiungono i “costi” connessi ai rischi reputazionali nel caso di diffusione o di utilizzo di contenuti illeciti (es. pornografia), e a quelli economici legati alla perdita di inserzionisti e quindi di mercato, nel caso in cui i ricavi derivano da inserzioni pubblicitarie che “passano” vicino a contenuti generati dagli utenti. Nel 2017, un’inchiesta del Wall Street Journal[2] raccontò di come a causa dell’accostamento di pubblicità di marchi come Coca-Cola, Pepsi, General Motors, Walmart e Startbucks a video pubblicati su YouTube, che potevano essere considerati violenti, pericolosi o razzisti, questi grandi player interruppero la pubblicità sulla piattaforma con un crollo di Google di 4 punti percentuali e la perdita di milioni di capitalizzazione. A chiudere il cerchio vi è il rischio normativo della continua evoluzione di legislazioni che in determinati paesi possono ad esempio stabilire la responsabilità delle piattaforme dei contenuti generati dagli utenti o comunque porre una serie di limiti indiscriminati a tutela degli stessi con un impatto materiale a carico delle aziende tech.

Gli standard SASB

Ora veniamo agli standard SASB.

Nel 2018 (anno dell’Action Plan sulla finanza sostenibile) proprio alla luce dei rischi sopra esposti e dell’attenzione degli investitori, l’allora Sustainability Accounting Standards Board diede vita ad un progetto per integrare gli standard di rendicontazione del settore IT e Media con specifiche linee guida e metriche riguardanti le policy di content governance e la libertà di espressione degli utenti nonché il loro enforcement, anche in considerazione della natura controversa della responsabilità delle piattaforme sui contenuti e le modalità poco efficaci con cui queste policy possono essere attivate dagli utenti.

La prima tassonomia della content governance

Le analisi compiute da SASB nell’industria tech e una consultazione di aziende e investitori hanno portato nel novembre 2020 alla prima tassonomia della content governance (Moderation Taxonomy), che ha evidenziato le numerose esternalità sociali dei contenuti dannosi anche in relazione alla libertà di espressione degli utenti. La tassonomia ha definito la “moderazione dei contenuti” come l’insieme dei processi e delle procedure utilizzate per individuare e potenzialmente intervenire sui contenuti illegali o indesiderati, soprattutto nelle piattaforme di social media. Inoltre, la tassonomia stabilisce quali sono gli elementi al centro della content governance:

  • i contenuti dannosi, che spaziano da quelli illegali (es. contenuti che ritraggono lo sfruttamento sessuale dei bambini), a quelli legali ma discutibili (es. la disinformazione e le fake news);
  • i materiali pedopornografici, diffusi, condivisi, scambiati e venduti attraverso i più disparati canali, tra cui “siti web, e-mail, messaggistica istantanea/ICQ, Internet Relay Chat (IRC), newsgroup, bacheche, reti peer-to-peer, siti di gaming, social network e reti anonime;
  • i contenuti terroristici e di estremismo violento;
  • l’incitamento all’ odio (i.g. hate speache);
  • la disinformazione – definita in questo caso come la diffusione intenzionale di informazioni o narrazioni false per perseguire un obiettivo specifico -, il cui esempio più palpabile è rappresentato da fake news, dai movimenti no vax o dalla propagata politica (cfr. le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 e il referendum del Regno Unito sull’uscita dall’Unione europea).

In considerazione della stretta correlazione fra moderazione dei contenuti e libertà di espressione degli utenti, SASB li ha classificati sotto un unico standard. Al centro di questi recenti standard, al vaglio dell’ISSB e ancora non definitivi, le policy di gestione e moderazione dei contenuti che dovrebbero essere rese pubbliche dalle aziende al fine di comunicare la loro efficienza nel monitorare l’impatto degli stessi sugli utenti e sulla società civile nonché nel ridurlo e/o eliminarlo anche a seguito delle richieste di rimozione dei contenuti dannosi da parte degli utenti. Gli standard propongono metriche sia quantitative che qualitative.

Le metriche quantitative degli standard SASB

Le quantitative sono:

  • il numero di elementi di contenuto rimossi,
  • la percentuale di contenuti rimossi scoperti in modo proattivo,
  • la percentuale di contenuti rimossi oggetto di ricorso da parte degli utenti,
  • la percentuale di contenuti oggetto di ricorso e poi ripristinati,
  • la misurazione della velocità con cui le aziende rimuovono i contenuti dannosi e delle reazioni e impressioni medie degli utenti sui contenuti rimossi.

Le metriche qualitative

Le metriche qualitative sono:

  • l’importo speso dalle aziende per la content governance,
  • la descrizione dell’approccio aziendale all’identificazione e alla gestione dei rischi significativi legati ai contenuti nonché alla gestione della visualizzazione dei contenuti,
  • la descrizione dell’approccio aziendale alla moderazione dei contenuti con indicazione della tipologia dei sistemi implementati per la gestione medesima (es. forza lavoro, sistemi automatizzati, terzi fornitori).

Dette metriche possono essere anche utilizzate in modo combinato dagli investitori a seconda della tipologia di azienda in questione, fermo restando l’importanza trasversale della misurazione della azionabilità delle policy (enforcement) per prevenire e ridurre il rischio di impatto sociale e finanziario. Il tema della azionabilità delle policy in uno spazio giuridico il più delle volte globale deve fare i conti con le leggi applicabili nei diversi paesi che possono differire non poco con ulteriore complicazione di uniformità di una gestione dei contenuti, che potrebbe essere diversa e avere un peso differente a seconda del paese dove sono basati i propri utenti. L’analisi della content governance secondo queste nuove metriche diventa strategica anche in relazione a lanci di nuovi prodotti e servizi, o alla strutturazione di operazioni di merger & acquisition o di joint venture atteso l’approccio preventivo e di mitigazione del rischio.

Conclusioni

La definizione di questi standard è in linea con l’attuale tendenza alla standardizzazione di KPIs e metriche che rispondano a framework di rendicontazioni armonizzati per settori di riferimento, risponde inoltre all’urgenza degli obblighi di trasparenza imposti agli operatori del mercato finanziario nonché alle aziende quotate in borsa con riguardo rispettivamente a politiche di investimento e misurazione della sostenibilità dell’attività di impresa rispetto ai fattori ESG.

L’efficacia concreta dell’applicazione di questi standard potrà essere valutata, una volta definiti e pubblicati, solo sul campo nel momento in cui si potrà verificare la loro capacità nel rendere comparabile e misurabile la content governance delle aziende e quindi agli occhi degli investitori la gestione da parte delle stesse del rischio sociale e finanziario dei contenuti digitali dannosi.

Note

  1. Organismo di definizione degli standard di rendicontazione istituito nel 2021 nell’ambito della Fondazione IFRS ove è confluito il Sustainability Accounting Standards Board, volte a integrare gli attuali SASB “Internet Media & Services Standard” (composti da “Data Privacy, Advertising Standards & Freedom of Expression”)
  2. Jack Nicas, “Google’s YouTube Has Continued Showing Brands’ Ads with Racist and Other Objectionable Videos,” Wall, Street Journal, March 24, 2017, accessed March 15, 2022, https://www.wsj.com/articles/googles-youtube-has-continued-showing-brands-ads-with-racist-and-other-objectionable-videos-1490380551

WHITEPAPER
Banking&Insurance: inizia l’era dei servizi istantanei e customizzati. Rimani al passo
Amministrazione/Finanza/Controllo
Digital Transformation
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3