Palmieri (FI): “Buona la partenza della Commissione: concretezza e tempistica stringente” | Agenda Digitale

DIRITTI DIGITALI

Palmieri (FI): “Buona la partenza della Commissione: concretezza e tempistica stringente”

27 Ago 2014
Antonio Palmieri

deputato, Forza Italia

La Commissione di Studio sui diritti digitali si è avviata bene, nel segno della concretezza e con la determinazione di produrre dei risultati in date definite, con una tempistica stringente.

La scelta di porre la prima scadenza a metà ottobre, così da poter presentare una proposta ai Parlamenti europei nell’evento del 14 e 15 ottobre, focalizzata sul come conciliare sviluppo della rete e diritti e tutele dei cittadini, evidenzia la volontà di incidere effettivamente sulle normative nazionali, con la consapevolezza dell’ambito europeo in cui si pone il tema.

WEBINAR
360On TV al centro della notizia. Nuovo Governo, la sfida: ricostruire l’economia italiana

Purtroppo i tempi stretti ci obbligano a prevedere lo spazio della consultazione collettiva solo successivamente, ma la nostra convinzione è che il confronto aperto a tutta la società civile sia indispensabile per la proposta conclusiva della Commissione, prevista a fine anno, indirizzata alle Commissioni Parlamentari, per interventi sul fronte della legislazione esistente e anche della Costituzione. E non è escluso che, come è avvenuto in altri Paesi, il mandato della Commissione possa essere ridefinito per accompagnare e supportare anche la fase di concretizzazione normativa.

Credo che la sensibilità e la ricchezza delle competenze presenti in Commissione siano condizioni positive per un buon risultato, sulla base di un confronto aperto che credo debba partire dal riconoscere che Internet non è un mondo a parte, ma un luogo dove esistono regole e diritti. Un terreno aperto di confronto, che auspico, perché anche i parlamentari presenti non rappresentano una linea di partito, che non c’è, ma esprimono culture e idee differenti del mondo che cambia. Un confronto senza pregiudizi che non richiede l’obbligatorietà della convergenza, ma che permette e favorisce confluenze di interpretazioni e proposte. Importanti, data la complessità del tema.

Articoli correlati