n° 114 del 07 Marzo 2015
Agenda Digitale -  Newsletter settimanale
Direttore responsabile: Alessandro Longo
  TOP STORIES  
  
  Poggiani: "I tre benefici per l'Italia dai piani Crescita e banda ultra larga"
di Alessandra Poggiani, Agenzia Italia Digitale
Se ne avvantaggeranno il Pil, l'occupazione e la democrazia. Grazie all'economia digitale, alla crescita delle competenze e della trasparenza nella Pa. Il commento del direttore dell'Agid
 
  Come porteremo la fibra agli italiani con il piano banda ultra larga
di Rossella Lehnus, Infratel Italia (in-house ministero Sviluppo economico)
Una degli autori del piano spiega ragioni e dettagli delle scelte territoriali di copertura. La fibra ottica nelle case o nei palazzi dominerà nelle aree A, B1 e (Sud Italia) B2, ma sarà anche nel cluster C per pubbliche amministrazioni e imprese. I distretti industriali infatti vanno coperti anche se lontani dai grandi comuni
 
  Le nuove reti tra uovo oggi e gallina domani: perché scegliere?
di Carlo Tagliaferri, presidente di Selta
Una rete pronta al cambiamento e capace di adattarsi. Anche ai servizi che oggi non possiamo nemmeno immaginare ma che tra 5-10 anni saranno una realtà. Nella visione di Selta,uno dei maggiori produttori di piattaforme per la rete ultrabroadband – la carta vincente è quella di un’evoluzione tecnologica che sia sostenibile in funzione dei servizi erogati e che permetta di valo-rizzare la modularità dell’investimento. In questo modo, anche la distinzione tra fibra e rame diverrà sempre più “soft”, grazie a soluzioni come i nodi d’accesso multi servizio (MSAN)
 
  Il Trentino balza ai primi posti nazionali per utenti e imprese con banda larga
di Alessandro Zorer, Trentino Network
Mentre l'Italia continua nel contesto europeo ad arrancare nelle ultime posizioni per accesso alla banda larga, il Trentino si colloca in cima, grazie a una crescita straordinaria compiuta nel 2014. Gli ultimi dati Istat confermano che gli investimenti pubblici stanno portando i risultati
 
  Santoni: "Per fare l'Agenda digitale bisogna stimolare la domanda"
di Mila Fiordalisi
Secondo il presidente di Assinform è arrivata l'ora di concentrare le risorse su progetti di innovazione, pubblici e privati. Allo studio un "Manifesto politico" da sottoporre al governo
 
  È la Scuola italiana quella che discrimina di più
di Paolo Ferri, università Bicocca di Milano
Risulta evidente da un recente rapporto Ocse. Siamo ultimi in Europa per capacità di compensare le diseguaglianze culturali tra ricchi e poveri. Facciamo peggio di Romania, Bulgaria e Ungheria. Tradito il mandato costituzionale. Ma non è colpa degli insegnanti. Ecco alcune proposte
 
  Amministrazione più aperta e trasparente con il Piano d'Azione OGP 2014-2016
di Luca Indemini
Come paese membro della piattaforma internazionale Open Government Partnership (OGP), l'Italia ha varato il secondo Piano d’azione nazionale per l’innovazione della PA, che punta su trasparenza, accountability, Open Data e cittadinanza digitale. Tra le prime azioni il rilancio del portale Partecipa! e l'ulteriore sviluppo di dati.gov.it
 
  Perché gli Open Data possono aiutare a consumare meno energia
di Patrizia Saggini, Avvocato
La condivisione dei dati sul tema dell'energia può essere il primo passo verso il circolo virtuoso del risparmio e dell'efficienza energetica. Ecco come
 
  La roadmap del processo civile telematico in Italia ed Europa
di Valentina Carollo, avvocato
La rivoluzione digitale della Giustizia avanza, ma in un quadro normativo ancora frammentario in Italia, nell'attesa della riforma del codice di procedura civile per la quale sarebbe già pronto il disegno di legge delega. Vediamo lo stato dell'arte in Italia, Germania, Regno Unito ed Estonia
 
  Lucy
di Edoardo Fleischner
Cronache dal futuro (anno 2333), a cura del docente visionario Edoardo Fleischner (Comunicazione crossmediale all'Università degli Studi di Milano, progettista crossmediale) per Agendadigitale.eu
 
  IN POCHE PAROLE  
  
  Romeo (Foia4Italy): "Un Foia italiano è a portata di mano"
di Guido Romeo, Presidente e co-fondatore di Diritto Di Sapere, sostenitore di Foia4Italy
 
  Ascani (PD): “Foia: un'esigenza democratica ma anche un'opportunità per la PA”
di Anna Ascani, Partito Democratico
 
  ESSENZIALI  
  
  Fibra nelle case: l'investimento intelligente. Ecco perché
di Marco Forzati, Acreo Swedish ICT
L’implementazione di reti fibre to the home (FTTH), stenta a decollare perché, si sostiene, non c'è il business case. In realtà il business case c’è, eccome. Basta prendere la visione d’insieme e abbandonare il dogma che la rete in fibra debba essere prerogativa delle telco
 
  Banda larga, lo stato delle gare pubbliche per digital divide e fibra ottica
di Rossella Lehnus, Infratel Italia
Le gare per completare il piano nazionale banda larga sono in chiusura e interessano le ultime regioni italiane che hanno affidato a Infratel l'attuazione dell'intervento. La Calabria e la Puglia saranno le regioni che per prime saranno 100% a 30 Mbps, seguono poi Campania e Basilicata
 
  Agenda digitale italiana: lo stato dell'arte tra decreto e altre norme
di Alessandro Longo, Nello Iacono
Dopo il Dl Crescita 2.0, le misure avviate per la Pa digitale, le tre priorità fatturazione elettronica, identità digitale e anagrafe unica. Il Piano nazionale banda larga e banda ultra larga. La Strategia Italiana per la Crescita Digitale. Italia Login. Il nuovo Cad. Ecco come sta per cambiare l'Italia grazie alla spinta politica nell'innovazione (aggiornamenti in progress. Ultimo: 10 dicembre 2016)
 
  Poggiani: "Vi spiego perché lo Spid deve essere gratis ai cittadini"
di Alessandra Poggiani, Agenzia Italia Digitale
L'obiettivo è creare esternalità di cui può beneficiare tutto il settore privato, per via del network effect, e sarebbe inficiato da una fee al cittadino. Gli identity provider hanno altre leve per valorizzare l'investimento, che è ingente, e per questo motivo alla portata solo di aziende con certe caratteristiche
 
  Fattura elettronica a tutte le aziende: aspettando gli incentivi
di Paolo Catti, Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione, Politecnico di Milano
Il Governo ha rimandato, nella Delega Fiscale, il pacchetto di misure per incentivare le imprese ad adottare la fatturazione elettronica a supporto di tutte le transazioni (non solo quelle verso la PA). Speriamo non sia l'ultimo colpo mancino di vecchi burocrati
 
  Ecco perché nel 2015 la PA dirà (davvero) addio alla carta
di Ernesto Belisario
Dopo tanti annunci e false partenze, quello appena iniziato sembra l’anno decisivo per l’e-government italiano. Mettiamo insieme gli elementi che si stanno affastellando nella stessa, positiva, direzione. Sono soprattutto tre
 
  EVENTI E APPUNTAMENTI  
  
  Diamo Credito alle Supply Chain
Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca dell'Osservatorio Supply Chain Finance della School of Management del Politecnico di Milano
 
  Execution e Collaborazione emergente: finalmente uniti!
Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca dell’Osservatorio Collaborative Business Application della School of Management del Politecnico di Milano
 
  31 Marzo 2015 Fatturazione Elettronica: ultima chiamata
Il Convegno rappresenta un momento di interazione e confronto tra PA, Istituzioni e imprese e di condivisione delle esperienze dal campo delle Pubbliche Amministrazioni che hanno già lavorato alla Fatturazione Elettronica per facilitare le imprese loro fornitori.
 
 
ICT & STRATEGY s.r.l. - via Copernico 38 - 20125 Milano - P.IVA 05710080960 - ISSN 2421-4167