n° 143 del 19 Settembre 2015
Agenda Digitale -  Newsletter settimanale
Direttore responsabile: Alessandro Longo
  TOP STORIES  
  
  I benefici che le startup danno a tutte le altre aziende
di Eliana Bentivegna, CIO Community Coordinator, Osservatori Digital Innovation Politecnico di Milano
Uber si prepara al salto in borsa e si guadagna il titolo di startup con la valutazione più alta. Lo Stato italiano punta a stimolare la piccola impresa con il Fondo Centrale di Garanzia per le Pmi. Sono sintomi di come le startup siano un interlocutore importante e ormai indispensabile per le imprese tradizionali. Ma come conoscersi e interfacciarsi meglio, tra i due mondi? Un'analisi del Politecnico di Milano
 
  Il dato che crea valore nelle città intelligenti
di Federico Guerrini
Si dice spesso che "i dati sono il nuovo petrolio", ma cosa significa esattamente? E come può, la data economy, produrre reddito per cittadini e imprese?
 
  Il Foia è a metà del guado
di Luca Indemini
Grazie all'emendamento Ascani-Coppola, il Foia è stato inserito nella legge delega per la riforma della pubblica amministrazione approvata lo scorso 4 agosto. Adesso spetta al Governo, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge, varare il decreto legislativo che dovrà disciplinare la materia. Con Ernesto Belisario e Guido Romeo di Foia4Italy facciamo il punto della situazione.
 
  Dematerializzare per semplificare: è questo il cuore della riforma PA
di Stefania Pompili, Vice Direttore Generale DDway - Dedagroup ICT Network
Il fine ultimo del digitale è far operare e cooperare le PA centrali e locali in modo più snello. Riducendo così i tempi e i costi di gestione delle pratiche, semplificando la modalità di accesso e di scambio dei documenti, razionalizzando gli spazi d’archivio grazie alla riduzione del cartaceo e facilitando, infine, la tracciabilità dei documenti.
 
  I problemi giuridici di Internet: il dibattito sul diritto all'uguaglianza digitale
di Angelo Alù, Presidente Generazione Y e Promotore di dirittodiaccesso.eu
L’avvento dell’era digitale rende sempre più attuali le implicazioni socio-giuridiche del digital divide, al punto tale da determinare una riflessione generale sul rapporto tra diritto e tecnologia. Alla ricerca di una soluzione per assicurare un’effettiva inclusione degli individui nella società digitale
 
  Fatturazione B2B: più evidenti gli svantaggi che i vantaggi
di Andrea Lisi e Sarah Ungaro, Digital & Law Department Anorc
Gli avvocati Lisi e Ungaro argomentano ancora sulle lacune del nuovo decreto. Prosegue il botta e risposta sul tema Fatturazione elettronica tra privati.
 
  Lo smart working e il Cloud: lo facciamo anche nella PA?
di Carlotta Colli Franzone, Osservatorio Netics
Come cambia il modo di lavorare della PA in funzione di un approccio "digital first"? Una PA "always on", costantemente connessa coi cittadini/utenti. La collaboration sostituisce la cara vecchia office automation e manda in pensione l'intero segmento dei cosiddetti software di produttività individuale. Addio, gestore testi e foglio elettronico: anche questo è Open Government
 
  Tutte le farfalle
di Edoardo Fleischner, Comunicazione crossmediale all'Università degli Studi di Milano, progettista crossmediale
Cronache dal futuro (anno 2333), a cura del docente visionario Edoardo Fleischner per Agendadigitale.eu
 
  IN POCHE PAROLE  
  
  Sammarco: “Realizzare rapidamente il punto unico di accesso ai servizi della PA”
di Andrea Sammarco, Unioncamere
 
  Puppato (PD): “Ecco gli obiettivi minimi per le competenze digitali”
di Laura Puppato, Partito Democratico
 
  Saggini: "Quali critiche condivido (e quali no) sulla eFattura B2B"
di Patrizia Saggini, avvocato
Fattura elettronica B2B: Ulteriori chiarimenti sull'argomento
 
  ESSENZIALI  
  
  Aziende innovative: la strategia governativa entra nella fase due
di Ilaria Orfino
L'Investment compact, coniando il concetto di Pmi innovativa, ha dato un'ulteriore accelerata all'ecosistema dell'innovazione, che sembra godere di buona salute. Come dimostra anche la crescita delle startup iscritte al registro- già oltre 4 mila. Adesso l'urgenza sono i decreti attuativi per gli incentivi fiscali e l'accesso al Fondo di Garanzia
 
  La digitalizzazione del ciclo dell'ordine: la liquidazione della fattura
di Patrizia Saggini, Avvocato
La completa dematerializzazione del ciclo dell'ordine richiede che tutti i documenti siano digitali, ma forse non è sufficiente. Per permettere uno scambio di dati che sia utile sia alla PA e sia alle imprese, sarebbe necessaria la definizione di tracciati standard anche per Ordine e Documento di Trasporto
 
  Identità digitale: la via dell'attuazione pratica
di Eugenio Prosperetti
L’occasione più adatta per avere una identità SPID sarà quando aggiorneremo le credenziali già possedute per svolgere attività quotidiane per le quali sono già identificato in maniera sicura. Lo SPID (idealmente) dovrebbe essere rilasciato dal provider di cui il cittadino si fida di più e i cui servizi usa con maggiore frequenza, con procedure che usano tecniche e passaggi già noti. E' tuttavia dal lato dell’Amministrazione che l’attuazione sconta le maggiori complicazioni
 
  I due diversi modelli di smart city: uno studio analizza Vienna, Chicago, Londra
di Carmelo Cennamo, università Bocconi di Milano
Come dovrebbe organizzarsi il governo della città che punta a diventare smart? Partendo da questa domanda di ricerca, in un recente studio con due colleghi, Ivanka Visnjic (Esade Business School), e Andy Neely (Cambridge University), abbiamo analizzato il modello organizzativo di diverse città europee ed americane. Lo studio rivela due fondamentali modelli di governo della smart city
 
  Smart city è cultura dei dati, per un migliore governo cittadino
di Federico Guerrini
Fra poco più di un mese prende il via Smart City Exibition Bologna. Uno dei temi al centro della manifestazione è quello dell'utilizzo dei dati per prendere decisioni di governo. Ecco i casi d'eccellenza in Italia e nel mondo Ne abbiamo parlato col curatore della rassegna, Gianni Dominici.
 
  Agenda digitale italiana: lo stato dell'arte tra decreto e altre norme
di Alessandro Longo, Nello Iacono
Dopo il Dl Crescita 2.0, le misure avviate per la Pa digitale, le tre priorità fatturazione elettronica, identità digitale e anagrafe unica. Il Piano nazionale banda larga e banda ultra larga. La Strategia Italiana per la Crescita Digitale. Italia Login. Il nuovo Cad. Ecco come sta per cambiare l'Italia grazie alla spinta politica nell'innovazione (aggiornamenti in progress. Ultimo: 10 dicembre 2016)
 
  EVENTI E APPUNTAMENTI  
  
  Mobile Enterprise: anche il Business diventa Smart
L'adozione delle tecnologie Mobile a supporto dei processi di Business (Mobile Enterprise) rappresenta un'opportunità per aumentare l'efficacia e l'efficienza di tutte le organizzazioni - grandi, piccole e medie. In molte realtà l'evoluzione verso la Mobile Enterprise è addirittura una necessità se non si vuole rischiare di perdere vantaggio competitivo.
 
  Il Turismo? ...in viaggio con il digitale
Il Convegno dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano, sarà l’occasione per presentare i risultati del secondo anno di Ricerca dell’Osservatorio.
 
  Social? Mobile? Multicanalità? Si, ma sono servizio e convenienza la linfa dell'eCommerce in Italia
Il Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca 2015 dell’Osservatorio eCommerce B2c è promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm.
 
  Smart Working: scopriamo le carte!
Smart Working significa ripensare il lavoro in un’ottica più intelligente, mettere in discussione i tradizionali vincoli legati a luogo e orario di lavoro lasciando alle persone maggiore autonomia nel definire le modalità di lavoro a fronte di una loro maggiore responsabilizzazione sui risultati. Autonomia, ma anche flessibilità, responsabilizzazione e fiducia diventano i principi chiave di questo nuovo approccio al lavoro.
 
 
ICT & STRATEGY s.r.l. - via Copernico 38 - 20125 Milano - P.IVA 05710080960 - ISSN 2421-4167