Scuola digitale ostacolata da classi senza internet e dal caos sui nuovi libri

L'analisi

Il ministero dell'Istruzione si accorda con le Regioni per attrezzare gli istituti. Le aule connesse però sono ancora troppo poche. E manca un modello condiviso di editoria digitale

di Martina Pennisi

Mentre procede il piano del Miur sulla Scuola digitale, emergono tutti gli ostacoli da superare per raggiungere gli obiettivi. In particolare la lacuna fondamentale sono le connessioni internet nelle classi, come evidenzia uno studio dell'Università La Cattolica. E c'è ora il caso di 3.800 scuole che, per motivi economici, perderanno la connessione all'Spc dal 20 ottobre. Regna inoltre, ancora, la confusione sulla nuova editoria scolastica digitale.

Gli ultimi passi avanti

Il tutto mentre nei giorni scorsi c'è stata una storica stretta di mano con 12 Regioni e 40 milioni di euro messi sul piatto: il ministero dell’Istruzione presieduto da Francesco Profumo spinge sulla digitalizzazione della scuola, in attesa che l’argomento faccia capolino all’interno dell’Agenda digitale. Il decreto sulle norme volte ad aggiornare il Paese dal punto di vista tecnologico e dell’innovazione verrà presentato a fine mese, come annunciato dal ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera in occasione della presenza del rapporto sulle startup. Profumo ha cominciato a muoversi nell’area di sua competenza a fine dicembre 2011, lanciando il progetto La scuola in chiaro e rendendo disponibili i recapiti e le caratteristiche principali di 11mila scuole italiane. In luglio è stata la volta della presentazione del portale UniversItaly, per aggregare le informazioni sugli atenei nostrani. 

Il primo giorno dell'anno scolastico 2012/2013 è stato occasione per annunciare lo stanziamento di 31,836 milioni di euro per portare un computer in ogni classe delle medie (34.558) e superiori (62.600) e l'intenzione di consegnare un tablet a ogni insegnante del 64,5% delle scuole di Puglia (599 istituti), Campania (712), Sicilia (584) e Calabria (233). La stretta di mano odierna con le regioni del nord, che contribuiscono con 16 milioni, vede Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Veneto e Umbria spendersi per portare nelle aule 5.906 lavagne interattive, fornire agli studenti 77.073 tablet, realizzare 2.764 Cl@assi 2.0 (una lavagna interattiva, un device per alunno e per insegnate, accesso alla Rete e a contenuti didattici digitali) e 17 Scuole 2.0 (produzione digitale di processi e contenuti, orari scolastici compresi). Rimangono fuori solo Sardegna, attiva autonomamente con il progetto Scuola Digitale, Veneto, Trentino-Alto Adige e Valle d'Aosta.

I problemi

A fronte di un tale, e (pro)positiva, convinzione sul dispiegamento delle macchine sono due le valutazioni da fare: prima di tutto quella relativa alle connessioni a Internet degli istituti e, soprattutto, delle aule dei singoli istituti. E in seconda battuta sulla formazione dei docenti, che dovranno per forza di cose imparare a dialogare con i dispositivi di nuova generazione e trovare uno spazio agli stessi nel processo didattico. Il primo àmbito non è di competenza diretta del Miur: trattasi di cablaggio degli edifici pubblici, che è già stato menzionato fra le priorità della più ampia agenda. Di lavoro da fare ce n'è, a fronte di un 7% delle scuole con tutte le classi in grado di navigare e un 10,96% che si connette solo da alcune aule, parlando delle medie, e un 7% circa delle superiori dotato di collegamento wireless. La percentuale degli istituti cosidetti secondari con accesso alla Rete in tutte le classi sale al 13%. I dati sono contenuti in una ricerca dell'Università Cattolica di Milano del 2009/2010, commissionata da Scuola digitale. L'ufficio statistico del Miur accorpa tutti gli istituti e individua un 73% di scuole connesse, anche solo in biblioteca e segreteria, e un 33% in cui il segnale arriva nelle aule. L'Adsl è presente nel 44,8% dei casi. Riavvolgendo il nastro al Programma per l'informatica e la telematica voluto da Luigi Berlinguer, correva l'anno 1998 e si tratta dell'ultimo sforzo significativo prima di quello in esame, si parte dal 39,4% degli istituti collegati. Mentre ora si apprende che 3.800 scuole perderanno internet il 20 ottobre. Lo rivela una nota della Direzione generale per gli studi, la statistica ed i sistemi informativi del Miur; comunica la fine del progetto Spc scuole: "Ridotti i fondi stanziati per un'iniziativa che è interamente a nostro carico". "Spc è un progetto finito e riguarda solo servizi in più, di segreteria. Non c'entra con la didattica", ribatte Giovanni Biondi al nostro sito. E' il responsabile di questi temi per il Miur. "Nell'Agenda prevediamo un piano di cablature e connessione delle scuole". Altre scuole in digital divide dovrebbero essere coperte dal piano nazionale banda larga del ministero allo Sviluppo economico (ora in fase di approvazione; risorse comunitarie di 1,08 miliardi di euro che serviranno principalmente a dare banda larga di base alle case).

La variabile internet è determinante, come tiene a sottolineare il professore dell'Università meneghina Bicocca Paolo Ferri e consulente per l'innovazione del Miur, perché "senza Internet, senza la banda larga le macchine non servono. Il cablaggio di scuole e uffici pubblici deve essere la priorità assoluta". L'approccio di Profumo, "che si è trovato senza soldi e al cospetto di una situazione a macchia di leopardo", è da considerarsi positivo in termini di "attenzione al tema" e in un contesto in cui non si assiste a un "intervento strutturale da 12 anni", la riforma Berlinguer appunto. La formazione dei docenti è il secondo aspetto su cui è necessario concentrarsi: "Qualcosa è già stato fatto, 4-500mila insegnanti sono stati formati in questi anni, ma bisognerebbe permettere l'incentivazione contrattuale nei confronti di chi si dimostra ricettivo". "Se non", provoca Ferri, "introdurre una carriera dell'insegnamento, ma la Cgil non lo permetterebbe mai". Con la stessa urgenza, passando al terzo intervento auspicabile, bisogna "occuparsi dei contenuti". Fra le voci evidenziate dal Miur è presente quella dedicata all'Editoria digitale scolastica e, secondo quanto stabilito da Tremonti nel 2009, i libri pubblicati dal 2011/2012 devono essere misti. Manca però un modello comune agli editori: negli Stati Uniti, spiega Ferri, "il libro digitale viene venduto al 50% del prezzo di copertina con funzioni aggiuntive". Così facendo si è anche superata la riluttanza dei medio piccoli, il 40% del nostro mercato, che temono di rimetterci economicamente nella transizione al digitale. Profumo ha messo a disposizione 10mila euro a progetto per una ventina di spunti, ma "c'è il problema dei diritti d'autore da affrontare: il bando prevede che i contenuti realizzati siano di proprietà della scuola e possano essere sfruttati da terze parti". Sulla possibilità che siano gli insegnanti a pubblicare i libri, l'iniziativa si chiama Book in progress, Ferri è abbastanza scettico, "è uno scenario utopico e gli editori sono troppo legati al loro business tradizionale, non rendendosi conto che nell'arco di 5 o 6 anni i contenuti digitali saranno la maggior parte". Così si spiegano anche alcune disavventure su cui, con il nuovo anno scolastico, si cimenta l'ironia dei blogger.

L'aspetto che desta meno preoccupazione è quello legato alla penetrazione dei dispositivi: "Hanno un costo ormai ridotto e l'80% dei genitori italiani ne possiede uno. E secondo i dati Istat, la percentuale degli insegnanti ad avere il computer è pari al 95%". Oltre a essere una buona notizia in termini di alfabetizzazione digitale, quantomeno potenziale, potrebbe essere il punto da cui partire per organizzare una rivoluzione strutturale con le poche risorse economiche disponibili. Secondo un dossier de Lavoce.info servirebbero 10 miliardi di euro per portare la didattica nostrana al livello di quella britannica, banda larga ovunque, lavagne interattive e quattro o cinque computer connessi per aula. Una soluzione intermedia, spiega Ferri, dovrebbe partire dal "cablaggio delle scuole supportato dallo stato", passare per "agevolazioni per le famiglie che investono in tecnologia", tenendo conto della buona diffusione di partenza; e "trovare un accordo solido con gli editori". La rondine di questi mesi non fa (ancora) primavera, ma ci sono buone ragioni per essere ottimisti. Le altre sono da ricercarsi nel decreto di fine settembre. 

19 Settembre 2012