ambiente e diritti umani

Sostenibilità, le imprese verso i nuovi obblighi della “CSDDD”: come prepararsi



Indirizzo copiato

La Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDDD) impone alle imprese di risolvere gli impatti negativi ambientali e sui diritti umani. Le grandi imprese dovranno adeguarsi entro tre-cinque anni, coinvolgendo anche le PMI. Previste sanzioni severe per violazioni. Le imprese devono iniziare a implementare procedure sostenibili per conformarsi gradualmente

Pubblicato il 9 lug 2024

Gianluca Albè

A&A Studio Legale



sostenibilità dei data center

Lo scorso 24 maggio 2024 è stato completato l’iter di adozione della Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDDD o CS3D), che con la Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), relativa alla rendicontazione societaria di sostenibilità, concorre alla promozione del processo di transizione verso uno sviluppo economico sostenibile.

Etica e sostenibilità delle imprese, i pilastri della CSDDD

Mentre la CSRD ha lo scopo di promuovere la trasparenza sugli impatti delle attività di impresa – ambientali, sociali e in tema di ESG – attraverso un incremento degli obblighi di reporting, la CSDDD imporrà alle imprese di prendere in considerazione e risolvere gli eventuali impatti negativi generati dall’attività svolta verso l’ambiente e i diritti umani. Etica e sostenibilità sono quindi i due obiettivi che dovranno concorrere con quello della generazione di profitti, il cui perseguimento non potrà andare a scapito della salute del pianeta e delle persone.

L’impresa dovrà prediligere comportamenti sostenibili e responsabili a livello globale, che si racchiudono nella stretta osservanza del dovere di diligenza in ogni fase del processo produttivo, quindi non solo nei processi interni, ma anche lungo tutta la catena di valore, coinvolgendo i partner commerciali, a partire dalle fasi di progettazione iniziale e dell’approvvigionamento delle risorse e fino alla distribuzione finale.

Le tempistiche della CSDDD

Una volta pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, la CSDDD entrerà in vigore trascorsi 20 giorni, con conseguente obbligo di recepimento a carico degli Stati membri entro i successivi due anni. Le norme si applicheranno gradualmente alle grandi imprese, in base alla dimensione, nei tre – cinque anni successivi. Precisamente:

  • entro i primi tre anni successivi all’entrata in vigore della Direttiva, si dovranno adeguare le imprese che nell’ultimo esercizio hanno contato più di 5000 dipendenti e un fatturato di oltre 1.500.000.000,00 euro;
  • entro l’anno successivo, e quindi quattro anni successivi all’entrata in vigore del provvedimento, l’obbligo entrerà in vigore anche per le imprese con più di 3000 dipendenti e con un fatturato di oltre 900.000,00 euro nell’esercizio precedente;
  • l’ultimo step avverrà dopo cinque anni dall’entrata in vigore della Direttiva, quindi presumibilmente nel 2029, quando gli obblighi si applicheranno alle imprese con più di 1000 dipendenti ed un fatturato di oltre 450.000,00 euro.

Sono quindi interessate direttamente dal provvedimento solo le grandi imprese. Tuttavia, la Direttiva prevede misure di sostegno e di protezione a favore delle piccole e medie imprese (PMI). Anche le PMI, infatti, si troveranno coinvolte, seppure indirettamente, partecipando a vario titolo alle catene di approvvigionamento delle grandi imprese. Tutti gli attori della supply chain saranno dunque chiamati a fornire informazioni relative alla sostenibilità.

I nuovi obblighi di due diligence riferiti alla tutela dell’ambiente e dei diritti umani

Entrando nel merito delle nuove disposizioni, la CSDDD, coerentemente con quanto previsto dalla CSRD, introdurrà nuovi obblighi di due diligence riferiti alla tutela dell’ambiente e dei diritti umani, allo scopo di individuare gli impatti negativi, prevenirli ed eventualmente porvi rimedio. Le imprese, infatti, saranno tenute ad integrare il dovere di diligenze nelle proprie politiche, elaborando un codice di condotta e delle specifiche procedure, da aggiornare in caso di modifiche e comunque periodicamente.

Come?

Le imprese dovranno innanzitutto mappare le proprie attività estendendo l’analisi a quelle delle loro filiazioni e, se collegate alle proprie catene di attività, dei partner commerciali. L’interlocuzione e la collaborazione sono quindi necessarie. Ciò potrà riguardare l’identità dei partner commerciali, diretti e indiretti, o informazioni essenziali indispensabili per individuare gli impatti negativi, effettivi e anche solo potenziali, mentre tale pratica non potrà spingersi sino a imporre la divulgazione di segreti commerciali.

Potranno essere richieste garanzie contrattuali al fine di assicurare il rispetto del codice di condotta adottato dalla grande impresa o del piano di azione in materia di prevenzione, purché siano previste condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie. In tali casi, la verifica della conformità può essere demandata a un ente terzo.

Le PMI coinvolte, se necessario in considerazione delle relative risorse economiche, potranno essere destinatarie di misure di sostegno finanziario mirato in modo da evitare che l’implementazione delle policy ed il rispetto del codice di condotta abbiano impatti negativi e poco sostenibili sul piano finanziario. Le società dovranno inoltre conservare la documentazione riguardante le azioni svolte per adempiere agli obblighi relativi al dovere di diligenza, al fine di attestare la conformità, per almeno cinque anni dal momento in cui tale documentazione è stata prodotta o ottenuta.

L’apparato sanzionatorio

In caso di violazione delle norme nazionali di recepimento, gli Stati membri dovranno prevedere sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive, tenuto conto di una serie di elementi. In particolare (i) di natura, gravità e durata della violazione nonché degli impatti da essa causati; (ii) degli investimenti effettuati e del sostegno fornito alle PMI; (iii) dell’eventuale collaborazione allo scopo di affrontare gli impatti della violazione; (iv) delle eventuali misure correttive adottate dalla società, così come di eventuali altri fattori aggravanti o attenuanti rilevanti.

Le imprese saranno quindi tenute alla stretta osservanza dei diritti umani e degli standard ambientali anche al fine di evitare sanzioni che possono raggiungere il 5% del fatturato mondiale netto nell’esercizio finanziario precedente. In aggiunta, verrà prevista la responsabilità civile della società, con conseguente obbligo di risarcire i danni causa a persone fisiche o giuridiche dalla violazione degli obblighi di prevenzione degli impatti negativi previsti dalla Direttiva. Ferma la responsabilità solidale della grande impresa e dei partner qualora il danno sia causato congiuntamente, tale responsabilità è invece esclusa se il danno è causato dai soli partner commerciali.

Come prepararsi

Sebbene siano direttamente coinvolte le grandi imprese in un percorso che interesserà almeno i prossimi cinque anni, anche in considerazione del ruolo centrale della tutela dell’ambiente e dei diritti umani negli ultimi provvedimenti adottati a livello comunitario, è opportuno che le imprese inizino gradualmente ad implementare procedure che attestino una certa sensibilità verso tali tematiche.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4