la sperimentazione

La gestione data-driven dei crediti tributari: il caso di Terre di Castelli

Grazie all’analisi data-driven preventiva delle effettive probabilità di recupero dei crediti, oltre che migliorare l’efficienza tributaria, è possibile rendere più efficace, equa e sostenibile la riscossione. Ecco l’esperienza dell’Unione di comuni Terre di Castelli

04 Lug 2018
Stefano Chini

Dirigente della Direzione Servizi Finanziari, Comune di Vignola

tributi

Le attività di recupero dei crediti precedute da una analisi preventiva delle effettive probabilità di recupero basata su dati variabili come provenienza geografica, entità e forma giuridica del debitore, non sono ancora particolarmente diffuse nella pubblica amministrazione. Eppure, gli enti che le hanno testate hanno registrato risultati incoraggianti. Nel caso, ad esempio, della sperimentazione avviata dal servizio finanziario unificato dell’Unione di comuni Terre di Castelli sulle due entrate extratributarie principali del bilancio – rette servizi scolastici e sanzioni al Codice della strada – si è recuperata una cifra complessiva di oltre 308 mila euro.

Il tema, di indubbia importanza per la sostenibilità delle PA locali, è oggetto di un incontro all’evento Cerved Next.

La sperimentazione effettuata

La sperimentazione è stata preceduta da un’analisi preventiva su 1.694 posizioni relative alle annualità 2016 e 2017 dei servizi scolastici e su 686 posizioni relative all’annualità 2016 delle sanzioni al Codice della strada.

WHITEPAPER
Tutto quello che c'è da sapere oggi per la collaboration nella PA

Questa analisi, effettuata dalla società Cerved Spa, ha permesso di individuare e di isolare tutte le posizioni dubbie (assenza di esperienze di pagamento registrate) e quelle con presenza di pregiudizievoli e protesti. Con riferimento alle sanzioni, l’analisi ha permesso inoltre di individuare un certo numero di “aziende inattive”. A seguito della analisi e tenuto conto del budget assegnato, si è proceduto ad individuare quelle posizioni da trattare mediante una attività di “phone collection”.

Le posizioni lavorate (o ancora in lavorazione) nell’ambito delle utenze scolastiche sono state 710 per un controvalore complessivo di euro 202.396,30 e 391 quelle relative alle sanzioni al codice della strada, per un ammontare complessivo di euro 308.215,00.

L’attività svolta

L’attività svolta sulle utenze scolastiche si è svolta nel periodo marzo – giugno 2018 e ha prodotto risultati apprezzabili. Nello specifico sono stati confermati incassi per n. 443 posizioni, con una performance del 62,39% sulle posizioni lavorate e registrati incassi per un totale di euro 110.976,75, con una performance del 54,83% dei crediti lavorati.

L’attività sulle sanzioni al Codice della strada è attualmente in corso e ancora non sono disponibili risultati di performance.

Per completare la sperimentazione si sta valutando, in questo caso come comune di Vignola, di effettuare la stessa operazione di analisi del credito e attività di sollecito telefonico anche per le utenze della Tassa rifiuti, annualità 2017, per le quali non è ancora stata attività alcuna procedura di recupero.

Perché introdurre forme alternative di riscossione

La scelta di sperimentare attività alternative di recupero, precedute anche da una analisi del credito, deriva principalmente da una serie di valutazioni:

  • a seguito dell’introduzione della contabilità armonizzata e in particolare dell’istituto del Fondo crediti di dubbia esigibilità, si è reso necessario accelerare il processo di riscossione, al fine di limitare le somme da accantonare al Fondo e quindi liberare risorse a favore del bilancio;
  • introdurre processi di “analisi preventive del credito” permette di focalizzare l’intervento su posizioni con buone probabilità di incasso e di individuare quelle sulle quali risulta antieconomico attivare procedure coattive di recupero;
  • incrementare le performance di recupero, in particolare sulle prime fasi di lavorazione, permette di limitare le posizioni da trattare in riscossione coattiva, che presentano un onere finanziario non trascurabile;
  • introdurre approcci relazionali e conciliatori aiuta a diffondere una maggiore sensibilizzazione del cittadino al pagamento tempestivo dell’utenza.

L’Unione di comuni Terre Di Castelli

Il Servizio finanziario unificato dell’Unione di comuni Terre di Castelli cura la contabilità di quattro enti, due in contabilità pubblica armonizzata, Comune di Vignola e Unione di comuni Terre di Castelli, altri due in contabilità generale, l’Azienda Servizi pubblici alla Persona G. Gasparini di Vignola e la Vignola Patrimonio Srl, società in house interamente partecipata dal comune di Vignola.

Nello specifico, l’Unione Terre di Castelli, ente locale di secondo livello, è costituita da 8 comuni e raggruppa complessivamente una popolazione di circa 85.000 abitanti. La popolazione dei singoli comuni varia da 3.500 a 25.000 abitanti. L’Unione di comuni è stata costituita nel 2001 da cinque comuni e ha progressivamente assorbito il conferimento di diverse funzioni, i servizi scolastici e sociali, il servizio personale, i sistemi informativi, il servizio di polizia municipale, i servizi pubblici il servizio Sismica e la Protezione civile, la Centrale Unica di committenza. Nel 2010, a seguito dello scioglimento di una Comunità Montana, sono entrati nell’Unione altri tre comuni.

I trasferimenti ordinari dei Comuni all’Unione superano ormai il 50% della spesa corrente dei rispettivi bilanci.

Le entrate gestite

L’Unione non tratta i tributi dei singoli enti, ma si occupa della totalità dei servizi scolastici a domanda individuale (mensa, trasporto, nidi, trasporto scolastico, centri estivi) e con il Corpo Unico di Polizia Locale di tutte le sanzioni al Codice della Strada.

Complessivamente l’Unione gestisce annualmente circa 9.700 utenze scolastiche, emettendo mediamente n. 27.000 documenti di addebito, per un controvalore medio di circa 4,4 milioni di euro.

Con riferimento invece alle sanzioni al Codice della strada, vengono emessi mediamente 9.000 verbali annui per un ammontare complessivo superiore al milione di euro su base annua.

La morosità media sulle rette scolastiche relativa agli ultimi anni si attesta attorno al 12% dopo la prima fase della riscossione e attorno al 6/7% dopo l’attivazione della riscossione coattiva.

Sulle sanzioni al Codice della strada invece la morosità media sui verbali emessi risulta in prima battuta del 20/21%, riducendosi al 16/17% dopo l’attività di riscossione coattiva.

Tradizionalmente, ormai da diversi anni, i nostri enti si sono avvalsi per il recupero coattivo delle proprie entrate, sia tributarie che extratributarie, dello strumento dell’ingiunzione di pagamento.

Attualmente hanno aderito ad una convenzione stipulata dalla centrale di acquisto regionale, affidando la riscossione coattiva ad una società esterna, che procede appunto tramite ingiunzione di pagamento, dietro versamento di un aggio di riscossione e del rimborso delle spese sostenute per le inesigibilità riscontrate.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati