disinformazione

Brasile, i social hanno favorito il colpo di Stato: un problema irrisolto

Vari ricercatori hanno scoperto che i social per mesi sono stati usati per diffondere false teorie del complotto in merito alle elezioni, anche con parole in codice per evitare le censure. Siamo alle solite e ancora non si è trovata una soluzione a questo ruolo scomodo dei social

Pubblicato il 16 Gen 2023

Massimo Borgobello

Avvocato a Udine, co-founder dello Studio Legale Associato BCBLaw, PHD e DPO Certificato 11697:2017

brasile social bolsonaro

Emergono sempre più evidenze che i social e le chat hanno svolto un ruolo anche nel tentativo di golpe brasiliano, da parte dei sostenitori dell’ex Presidente, Jair Bolsonaro. Proprio come quanto accaduto nel gennaio 2021, quando negli U.S.A. furono i sostenitori di Donald Trump ad assaltare Capitol Hill.

L’analogia non consiste solo nel fatto che i sostenitori di un ex presidente di “destra” sconfitto alle elezioni, abbiano assalito violentemente i palazzi delle istituzioni del loro Paese in seguito all’elezione di un presidente di “sinistra”.

Il ruolo dei social network nel tentativo di golpe in Brasile

In entrambi i casi, infatti, la protesta violenta è stata organizzata tramite social network. Per di più adesso con una novità: il ruolo più permissivo di Twitter, sotto la guida di Elon Musk, con un ridotto numero di moderatori e regole più lasche per la moderazione.

WHITEPAPER
Quali step seguire per una strategia vincente di marketing nel Metaverso?
Intelligenza Artificiale
Marketing
Brasile, sostenitori Bolsonaro invadono area palazzo Congresso: le immagini dai social

Vari ricercatori, come riporta il New York Times, hanno scoperto che i social per mesi sono stati usati per diffondere false teorie del complotto in merito alle elezioni, anche con parole in codice per evitare le censure.

A questo si è aggiunto anche un ruolo di Telegram per facilitare l’organizzazione dell’assalto, presentato – in codice – come una festa.

I commentatori, però, segnalano un ulteriore elemento di riflessione: non c’è soltanto l’organizzazione di un tentativo di colpo di Stato – o, più modestamente, di proteste violente mal gestite -, ma anche il processo di radicalizzazione dei soggetti che vi hanno aderito.  

Questo fenomeno ha natura continuativa ed è legato al fatto che l’odio online “premia” chi lo fomenta.

In altri termini, il fenomeno del cosiddetto flaming viene incentivato dagli algoritmi dei social network perché determina un aumento delle discussioni sotto i post e perché porta a maggiori interazioni tra gli utenti in generale.

Correttamente, Marino Longoni ha osservato che “Sui social bisogna urlare per farsi sentire, per avere consenso bisogna disprezzare gli avversari e sfoggiare posizioni sempre più estreme, spesso violente” (ItaliaOggi, 11.01.2023).

Il fenomeno sarebbe accentuato dalla distanza fisica che separa chi scrive dai potenziali interlocutori: la rissa verbale scritta è più semplice rispetto a quella fisica in presenza.

Va notato che i social network amplificano e semplificano quello che avviene sui media tradizionali: la maggior parte dei talk show televisivi a contenuto politico sfocia, il più delle volte, in una gara a chi urla di più.

Il fenomeno si accentua ancora di più in contesti “leggeri”, come ad esempio talk di costume o reality show, in cui la strategia base è e resta sempre quella di urlare in modo scomposto.

Le specificità dei social

Insomma, la jungla social non è molto diversa dalla savana televisiva, se non fosse per due aspetti.

  • Il primo è che nei social chiunque – anche un’intelligenza artificiale – può veicolare contenuti che diventano virali in pochi minuti in tutto il mondo.
  • Il secondo è che i social sono ambienti “privati” e gestiti da privati che, a differenza dei media classici, godono di una regolamentazione meno stringente, anche in ragione della loro natura multinazionale.

Non solo: il social può essere gestito in pochi istanti e senza limiti di orario.

In altri termini, non è necessario attendere la programmazione di un’emittente per veicolare un messaggio, così come è possibile fruire di un contenuto a qualunque ora del giorno e della notte, anche con pochissimo tempo a disposizione.

Questa è la ragione per cui la diffusione dell’odio online è diventata così semplice e del perché la radicalizzazione può avvenire anche con risorse relativamente limitate.

Ironia della sorte: l’anno prima dei rispettivi fallimenti elettorali , con conseguenti assalti alle istituzioni, sia Donald Trump che Jair Bolsonaro si erano scagliati, per ragioni diverse, contro la disinformazione effettuata tramite social network.

“Censura” sui social

Sempre Marino Longoni, nel pezzo citato, afferma che “Un altro rischio è quello della censura online, esercitata sia dai governi sia da grandi aziende tecnologiche”.

E’ quanto avvenuto con Twitter negli U.S.A., sia per quanto riguarda lo staff del Presidente Joe Biden che per quanto concerne l’attività di lobbing effettuata da Pfizer per “disincentivare” post che avrebbero potuto far vendere meno vaccini a mRna. Lo afferma il blogger Alex Berenson, secondo cui uno dei direttori di Pfeizer, il Scott Gottlieb, avrebbe fatto pressioni via e-mail su Todd O’Boyle, un importante lobbista dell’ufficio di Twitter a Washington, affinché il social censurasse le opinioni di Brett Giroir.

Quest’ultimo, ex membro dell’FDA, aveva segnalato l’inopportunità di effettuare la vaccinazione su chi era già stato infettato dal Covid-19 ed esortava la Casa Bianca a “seguire la scienza e a esentare le persone con immunità naturale da successive vaccinazioni obbligatorie”.

La segnalazione effettuata da Gottlieb tramite O’Boyle ha seguito una procedura semplificata ed il team di Twitter che seguiva la moderazione non era stato informato del fatto che Gottlieb era membro del consiglio di amministrazione di Pfizer.

Nonostante il team di Twitter avesse verificato che il tweet di Giror non aveva violato le regole della community, il post fu comunque contrassegnato come “Fuorviante”, determinandone l’oscuramento di fatto.

Berenson spiega di aver avuto accesso a queste informazioni nel contesto del programma “TwiterFiles”, ossia la campagna di discolsure voluta dal nuovo owner di Twitter, Elon Musk.

Conclusioni

Il rapporto tra media, politica e multinazionali è, da sempre, problematico: basta riguardare il film Thanks for smoking per rinfrescarsi la memoria.

Il mondo però è cambiato ancora con l’avvento dei social network, che hanno rivoluzionato la comunicazione a 360 gradi.

L’assenza di regolamentazione e di imposizioni statali sui contenuti sono la croce e la delizia dei social: da un lato a circolazione di ogni tipo di informazione, dall’altra la possibilità di usi distorti e di azioni di lobbies interessate unicamente al profitto.

La normativa dell’Unione europea – vedi il DSA – sta provando a rendere più ecologico il mondo dei social network, limitando la tossicità dei contenuti tramite regole stringenti sulla moderazione.

Va dato atto che questa impostazione, non necessariamente la migliore, è comunque un tentativo serio di gestire, con un compromesso, interessi contrastanti tra loro e difficilmente conciliabili.

Il futuro resta, però, la regolamentazione della rete e delle intelligenze artificiali: ad oggi, non è ancora chiaro in che modo.

WHITEPAPER
Nuovi sistemi di pagamento e integrazione fra canali di vendita: scopri gli ultimi dati aggiornati
Marketing
Pagamenti Digitali
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4