L'analisi

Competenze per l’Industria 4.0: saper fare, saper essere, saper comunicare

Puntare sulle competenze si rivela essere una scelta strategica in ambito Industria 4.0. Importante un cambio culturale nel mondo delle imprese, per comprendere e valorizzare le skill necessarie alla crescita, le quali non sono solo tecniche, ma anche “soft”, come per esempio la comunicazione

02 Lug 2019
Roberto Verdone

RadioNetworks, DEI, Università di Bologna

cyber-4.0

Nel mondo di Industria 4.0, l’investimento più strategico è sulle competenze. La quarta rivoluzione industriale si sta manifestando, oltre che in un’opportunità di grande crescita per i Paesi che sapranno ben interpretarla e metterla in campo, anche in un cambio paradigmatico per il mondo dell’industria. Analizziamo meglio il carattere delle competenze richieste.

Due processi

I motivi di tale affermazione risiedono principalmente nell’evoluzione di due processi indipendenti. Il primo ha a che fare con il mercato del lavoro: negli ultimi anni in molti Paesi (come l’Italia), sotto la spinta della crisi internazionale e di altre forze che hanno trasformato la società rendendola liquida nel senso di Baumann, il lavoro è divenuto precario e caratterizzato (da parte del prestatore d’opera) da forte opportunismo. Le aziende hanno difficoltà a trattenere le competenze maturate al proprio interno. Ciò ha portato ad attribuire un rinnovato valore al capitale umano ed alle competenze che esso induce nei processi.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Il secondo è legato alla natura stessa della rivoluzione dell’industria 4.0: essa introduce nuove figure professionali (come ad esempio l’innovation manager), molte delle quali devono essere in grado di integrare conoscenze provenienti da ambiti molto diversi. La necessità di innovare oggi impone al manager di saper coniugare competenze settoriali (dei diversi ambiti industriali: meccanico, tessile, chimico, etc) con competenze digitali, divenute sempre più trasversali (perché necessarie, appunto, in tutti gli ambiti di settore).

Competenze per Industria 4.0

Prima di tutto bisogna risalire all’origine e definire cosa si intende per competenza. L’EQF (European Qualification Framework) definisce la competenza come la “capacità di utilizzare conoscenze, abilità, capacità personali, sociali e metodologiche. L’e-CF (e-Competence Framework), che si rivolge nello specifico al contesto dell’ICT, definisce la competenza come “una abilità dimostrata di applicare conoscenza, abilità e attitudini”. In altri ambiti, si afferma che il talento (l’insieme di competenze che concorrono al successo professionale di un individuo) richiede conoscenza, abilità e motivazione3.

Le diverse definizioni hanno un tratto comune: evidenziano come la competenza richieda, oltre al sapere (la conoscenza) ed al saper fare (l’abilità), un coacervo di ulteriori caratteristiche che includono tratti personali e coinvolgono la sfera delle relazioni sociali ed interpersonali dell’individuo. Nel seguito, per semplicità e per evitare i punti di non totale accordo delle definizioni sopra citate, diremo che la competenza consiste principalmente nelle tre componenti del sapere, saper fare, saper essere.

Le competenze possono essere poi classificate in vari modi: ad esempio suddividendole in competenze di base, tecnico-professionali e trasversali. Le prime sono quelle fondamentali per l’occupabilità delle persone, le seconde sono connesse all’esercizio efficace dell’attività professionale e le distinguono in base al settore di applicazione, le terze sono indipendenti da quest’ultimo.

Le soft skill

In questo quadro occorre introdurre le cosiddette soft skill, ovvero le abilità trasversali che concorrono a rendere gli individui efficaci dal punto di vista relazionale e comunicativo, metodologico e manageriale, indipendentemente dall’ambito applicativo professionale (che l’individuo lavori in una azienda di meccanica, chimica, di servizio o manifatturiera, etc). Quasi sempre, nel quadro delle tre componenti della competenza (sapere, saper fare, saper essere), le soft skill vengono inserite tra (o quasi completamente sovrapposte a) le capacità del saper essere. Vogliamo qui proporre un diverso modo di concepire le soft skill, “elevandole” al rango di competenze (trasversali) e quindi riconoscendole composte dalle componenti del sapere, del saper fare e del saper essere.

Ad esempio, la capacità di buona comunicazione interpersonale non si basa solo su attitudini e caratteristiche più o meno innate; richiede conoscenze teoriche (sapere), esperienza ed applicazione di metodo (saper fare), nonché certamente tratti personali come ad esempio la capacità di ascolto (saper essere). Ad ulteriore esempio, esaminiamo la capacità di lavorare in gruppo: essa dipende da un insieme di abitudini, comportamenti e attitudini. Un buon team member è assertivo, sa ascoltare, rispetta le differenze di pensiero e culturali ed ha buone capacità di comunicazione interpersonale. Alcune di queste caratteristiche si possono imparare attraverso percorsi di formazione che insegnano le tecniche della buona comunicazione e dell’assertività (sapere) ed attraverso l’esperienza (saper fare). Ma altre sono attitudini personali (saper essere) che spesso è difficile modificare: è il caso della capacità di ascolto, di saper cogliere le opportunità. Vi sono attitudini che sono radicate nel sistema neurologico dell’adulto e non possono essere insegnate o manipolate. Anche le soft skill, dunque, talvolta, possono includere le componenti del sapere, saper fare e saper essere. In altri casi, l’esperienza può portare miglioramento (saper fare) ma la conoscenza (sapere) non è in grado di eradicare attitudini (saper essere) consolidate.

Tre tipi di competenze per l’Industria 4.0

Le competenze per l’Industria 4.0 sono state analizzate nel dettaglio in un position paper prodotto durante il 2018 da AICQ, l’Associazione Italiana Cultura della Qualità. Tuttavia in questo caso vogliamo proporre un approccio più semplice, che metta in evidenza per macrocategorie le competenze richieste in ambito l’Industria 4.0.

Distinguiamo le competenze tecnico-professionali specialistiche da quelle accessorie. Le prime sono specifiche dell’ambito applicativo dell’azienda. Ad esempio, per un progettista di una azienda del settore meccanico, la competenza specialistica è il risultato di un percorso di formazione nell’ambito della meccanica (es: Laurea Magistrale) e di applicazione di tali conoscenze ai processi industriali meccanici; il saper essere in questo caso include capacità come il problem solving, la creatività, la visione sistemica. Ma se l’azienda intende inserire processi digitali e tecnologie abilitanti proprie del mondo dell’elettronica e telecomunicazioni (l’Internet of Things, il big data) o dell’informatica (il cloud computing, l’intelligenza artificiale), il progettista deve disporre altresì di competenze accessorie, sempre di stampo tecnico-professionale ma proprie di altri settori tecnologici. Tali due categorie dovranno poi essere accompagnate dalle competenze trasversali, o soft (indipendenti dall’ambito applicativo: la leadership, la capacità di lavorare in gruppo, di comunicare e presentare in pubblico, etc).

Dunque in sintesi le competenze nell’ambito dell’Industria 4.0 si possono vedere stratificate a tre livelli: specialistiche, accessorie e trasversali. Su ciascun livello occorre sapere, saper fare e saper essere. Quest’ultima affermazione prende le distanze dall’usuale schema logico in cui le soft skill (quasi) coincidono con il saper essere.

Il ruolo della comunicazione interpersonale

Concludiamo con una ulteriore considerazione. Come detto, l’operatore di intelletto (progettista, innovation manager, project o product manager, etc) dell’Industria 4.0 deve sapere integrare competenze specialistiche e accessorie. Necessariamente ciò impone una grande capacità di relazione (con altri specialisti), di assorbire e saper analizzare concetti (sapere) e pratiche (saper fare) propri di altri settori.

La comunicazione interpersonale è, tra le competenze trasversali, forse la più importante nell’ambito dell’Industria 4.0, perché la relazione impone buone capacità di comunicazione. Si tratta di una competenza per la quale, come richiamato sopra, occorre formazione, esperienza ed attitudini. L’industria 4.0 richiede persone che oltre a sapere, saper fare e saper essere, devono anche saper comunicare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link