lavoro

Crowdsourcing e stage gratuiti sul web, due facce dello stesso fenomeno

Il web ha rivoluzionato i modelli di domanda e offerta di lavoro, facendo emergere nuove tendenze sociali e pratiche sempre più diffuse. E tutte fanno parte di uno stesso fenomeno: eccolo

11 Ott 2017
Nicola Strizzolo

docente Università di Teramo

digital_630719699

A molti sarà giunta la notizia del curioso bando per una posizione da stagista in un ufficio marketing aziendale della durata di un mese per un compenso di 500 euro: per partecipare al concorso il candidato, oltre ad acquistare una borsa Carpisa, doveva elaborare un piano “di comunicazione per una nuova linea di borse” aggiungendo «schemi, grafici e relazioni» che ritenesse opportuni (la pagina non è più consultabile).

La documentazione del bando era corredata anche dalle caratteristiche del prodotto da lanciare, del profilo del testimonial e sollecitava a tenere in considerazione i punti principali per la redazione di un piano di comunicazione professionale:

1 – Definizione dei punti di forza e il messaggio dei prodotti;

2 – Analisi del posizionamento del brand;

3 – Evidenza degli obiettivi del lancio;

4 – Definizione del target di riferimento;

5 – Definizione del budget;

6 – Dettaglio delle tattiche ed elenco delle azioni di comunicazione».

Non volendo addentrarmi in giudizi etici né sulla prevedibile bagarre seguita nei social, mi limito a comprendere se può esistere un perché che vada oltre alla singola notizia.

In passato sono stati rinvenuti casi analoghi, in cambio, però, di un posto di lavoro della durata di un anno: Il Fatto quotidiano riporta che “a Cagliari, nel 2009, con 30 euro di spesa alla Despar e in altri supermercati della catena si partecipava all’estrazione di un contratto di lavoro da addetto al banco frigo, cassiere, magazziniere. Così a Varese. Un salumificio di Piacenza si impegnava ad assumere il vincitore della tombola”.

Come studioso di scienze sociali, non ritengo che comportamenti di grandi organizzazioni con esperienza sul mercato siano il capriccio di qualcuno che abbia preso una tegola in testa, bensì possano essere espressione – anche per modalità operative decisionali, di ascolto, brain storming, lavoro in team – di un mood se non di una tendenza più estesa: interessante è provare a capire se vi possano essere ragioni o influenze all’interno di culture e pratiche più diffuse nella società.

Non posso non tenere in considerazione la tendenza che da diversi anni si è intrapresa attraverso la pratica del crowdsourcing: l’apertura, la collaborazione orizzontale, la condivisione e l’azione globale sono wiki principi del web e premesse per un’economia collaborativa, sfruttata da aziende sotto il paradigma della co-creazione di valore (Ragone, Santucci, 2010)*.

All’interno di questo paradigma rientrano ad esempio modalità di peer production come quella di Linux o Wikipedia.

Il crowdsourcing è stato identificato in tre forme:

  1. R&D
  2. Cottimo
  3. Immersivo

Nella R&D l’impresa commissionaria manda le sue richieste a un provider che le pubblica, la folla (crowd) risponde e riceve denaro dall’impresa ed il provider riceve una percentuale da committente ed esecutore.

I vantaggi promessi del Crowdsourcing R&D sono: la possibilità di fare incontrare imprese e gente comune per la realizzazione di idee, sfruttare un livello globale di competenze e abilità, la gestione in tempo reale del processo di realizzazione progetto.

Una delle più famose piattaforme R&D è InnoCentive, fondata nel 2001, che attualmente vanta una rete di 380.000 solver.

Ancora oggi, attraverso questo servizio, si cercano soluzioni per questioni legate ai più svariati ambiti e argomenti, dall’ingegneria all’agricoltura, con premi che per la maggior parte variano dai 10 ai 30 mila dollari, ma che possono arrivare fino al milione di dollari (per scoprire dei marcatori predittivi dell’epilessia). Queste le categorie: Business e imprese; Chimica; Computer/informatica e tecnologia; Cibo/agricoltura; Vita/Scienze; Matematica/Statistica; Fisica; Richieste di partner e fornitori; Innovazioni sociali.

Un’altra piattaforma è quella legata a Procter & Gamble. P&G già nel 2010 contava 9.000 ricercatori interni e un milione e mezzo di thinker esterni; il cinquanta per cento delle innovazioni nascevano fuori dall’azienda, con un contributo del 60% sulla produttività del settore R&D e 35% di prodotti con componenti inventati esternamente.

Attualmente nella piattaforma vengono illustrate quali sono le necessità di innovazione, senza fare riferimenti a costi: è un punto di incontro tra necessità e proposte di innovazione, un mercato della domanda-offerta sulla base dei molteplici bisogni di P&G.

In queste due tipologie di crowdsourcing, si cerca l’eccellenza nel mondo e vince la soluzione migliore: i premi, in diversi casi, sono molto interessanti.

Lì dove invece la richiesta è per compiti facili, ripetitivi, che non richiedono innovazione, creatività unita a specifiche competenze, potendo disporre di un mercato globale, i compensi tendono di molto verso il basso. È il caso, ad esempio, della piattaforma AmazonMechanicalTurk che prende il nome dal turco meccanico, il falso automa giocatore di scacchi, creato nel 1769, con una persona reale nascosta al suo interno.

Sottolineo che questa piattaforma è uno strumento finalizzato a far incontrare domanda e offerta in tutto il mondo, per cui non è responsabile del livello dei compensi. Se già nel 2010 si registrava una caduta del costo di una prestazione da 2000 dollari a 5 dollari, quello che osserviamo ora è uno scenario di premi tendenti a zero

Facciamo alcuni esempi, partendo dai compensi più alti: per la trascrizione di un video di 2 ore, 31 minuti e 25 secondi, compito della durata prevista di 22 ore e 42 minuti, il premio è di 88,58 dollari, circa 4 dollari l’ora; per una trascrizione di un audio di un’ora, 49 minuti e 45 secondi, compito della durata prevista di 16 ore e 27 minuti, premio di 74,08 dollari, circa quattro dollari e mezzo all’ora. Vi sono inoltre: richieste di partecipazione ad un esperimento della Boston University sullo stress, l’ansietà e l’umore, della durata complessiva di 90 minuti circa, che impegnerebbe per cinque giorni, 15 dollari il compenso; richieste di partecipazione a test di usabilità, producendo un video con audio di come si utilizza il web, tempo previsto 2 ore 43 minuti per 10 dollari.

Scendendo ulteriormente, troviamo richieste di trascrizioni di video e audio per meno di un dollaro l’ora. Ai livelli più bassi si trovano anche richieste dell’impegno di un’ora circa a compenso 0, che ricercano informazioni demografiche o opinioni su servizi o prodotti. Esistono anche richieste di individuare gli elementi mancanti in una lista con un compenso di 0,01 dollari per un’ora e mezza di lavoro prevista. Verificare l’accento di un audio in inglese (8 minuti e 40 secondi di lavoro) viene ripagato con 0,02 dollari. Trovare l’indirizzo mail del responsabile di un sito viene pagato 0,05 dollari per 5 minuti di lavoro. Scrivere un Haiku su un articolo, tempo previsto un’ora, vale 0,01 dollari. Ovviamente il ribasso dei premi risponde ad un’offerta mondiale di prestazioni, competitiva con aree dove pochi cent permettono la sopravvivenza.

Infine, nella categoria del crowdsourcing, c’è quello immersivo: pescare dalla rete idee e contenuti. Questo può avvenire in forma etica, pagando l’idea o contrattualizzando l’ideatore. Vi sono stati alcuni casi, invece, nei quali un’azienda ha utilizzato l’idea senza nulla rendere al creativo, scatenando così l’indignazione del popolo del web. La reazione ha portato l’azienda a formalizzare successivamente la collaborazione. Ciò che passa in rete ha il vantaggio di avere la metrica dell’apprezzamento, che sono i like e le condivisioni: molti giovani creativi utilizzano questo strumento come lancio, e arriviamo così – ma ovviamente da sviluppare in altri articoli – al tema del successo di fashion blogger, youtuber, musicisti, videomaker e cartonisti.

In un’ottica globale della domanda-offerta, oggi perfettamente integrata con il web, lavori creativi e intellettuali, che possono essere svolti su scala mondiale, risentono purtroppo della competizione internazionale al ribasso degli stipendi, come per il crowdsourcing a cottimo. In questo panorama un’impresa può sperare di: promuovere acquisto di prodotti attraverso canali condivisi da persone in cerca di occupazione, ricevere numerosi piani di comunicazione gratis, in cambio di un solo stage di un mese (presumibilmente ampiamente ripagato dai prodotti così venduti) nel quale effettivamente mettere alla prova una persona (che se di valore, a prezzo di mercato potrà valutare di non perdere). In un mercato del lavoro con sempre meno regole e tutele verso il lavoratore, purtroppo, l’azienda così agisce razionalmente per sopravvivere e magari prosperare in un’arena competitiva dove altri concorrenti possono fare lo stesso.

L’aspetto preoccupante è l’assenza di regole che ha permesso questo, ma soprattutto, da sociologo, mi chiedo quante siano le persone che hanno risposto a questo bando, con quali vissuti, sogni, aspirazioni, e che vita potranno avere in futuro. L’aspetto confortante è che il popolo del web e i media riverberano in questi casi così grande disappunto, da spingere l’azienda, portata alla luce dei riflettori dell’opinione pubblica, a manifestare intenzioni e azioni in senso contrario.

* Per lo storico sul crowdsourcing mi rifaccio a questo testo, che seppur datato, ha delineato una prospettiva valida purtroppo ancora: Web 2.0, User Generated Content e industria culturale: popular e/o profitable? in Sociologia 2.0, a cura di Monaci B. Scifo B).

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2