esperto risponde

Fattura elettronica, cosa fare se si sbaglia data

Il rimedio alla “forzatura” della data di fatturazione nei casi di non progressione tra data di emissione e numerazione

10 Giu 2022
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

fattura_330841628

DOMANDA

Buongiorno,

erroneamente ho emesso una fattura differita (ddt. di maggio) il giorno primo giugno anziché il giorno 31 maggio, fattura già inviata allo SDI. Come posso risolvere e proseguire ad emettere le successive fatture sempre con ddt del mese di maggio? Posso trasformare la fattura con data errata in nota di credito e successivamente riemettere la fattura con data 31 maggio forzando la data?

Ad esempio:

DDT di maggio, fattura n. 10 del 1 giugno

Nota di credito n. 11 del 1 giugno per ft. n.10

Fattura (ddt di maggio) n. 12 del 31 maggio

Successive fatture 13-14-15 del 31 maggio

RISPOSTA

Può emettere una nota di credito sempre con data 1 giugno e riemettere la fattura differita con data 31 maggio. La “forzatura” della data non dovrebbe configurare una condotta sanzionabile, ai sensi dell’articolo 6 comma 5-bis Decreto Legislativo 472/1997. Altrimenti, qualora preferisse non tornare indietro con la numerazione, potrebbe riemettere la fattura corretta in data 31 maggio con una nuova serie (per esempio 1/A). Stesso ragionamento per eventuali altre fatture che presentassero la stessa casistica.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4