polimi

Fattura elettronica tra privati, come affrontare meglio il 2019

In vista dell’obbligo fattura elettronica B2B, l’Italia ha espresso tutte le sue contraddizioni ma ha dimostrato che se vuole si muove, nonostante le criticità. Dall’Osservatorio “Fatturazione elettronica & eCommerce B2b” del Polimi, una serie di proposte per continuare a migliorare l’efficienza del sistema

Pubblicato il 27 Dic 2018

Claudio Rorato

Direttore Osservatorio Fatturazione Elettronica ed eCommerce B2b - Politecnico di Milano

Umberto Zanini

Responsabile Area tecnico-normativa dell’Osservatorio Digital B2b

Di fronte alla scadenza del primo gennaio, quando scatta l’obbligo di fattura elettronica anche tra privati, l’Italia si è manifestata con tutte le sue contraddizioni. È emerso un Paese per lo meno a due velocità, spaccato nella percezione degli indirizzi strategici che, in realtà, già da tempo dovevano essere condivisi, anche per gli impegni assunti nei confronti dell’Unione Europea (senza dimenticare che già una quota di soggetti economici del settore dei carburanti ha fatto da apripista il primo luglio scorso). A ben guardare il mal vezzo di attendere per qualsiasi sorta di provvedimento una proroga ha portato a dilazionare la reattività operativa di intere categorie e segmenti del mercato. È un po’ come per i treni: ormai ci siamo abituati ai ritardi e, di conseguenza, ci stupiamo quando sono puntuali.

eFattura B2B: luci e ombre

Tuttavia, diverse sono anche le cose buone emerse in questo anno. A cominciare dai tavoli di lavoro del Forum sulla Fatturazione Elettronica, promosso e sapientemente gestito dal MEF e dall’Agenzia delle Entrate. Sono stati momenti di vera collaborazione, all’interno dei quali i punti di vista si sono confrontati anche duramente ma concretamente sui ‘problemi’. La collaborazione PA – Resto del Mondo, per adoperare una metafora calcistica, è stata positiva come, tra l’altro, il buon senso, anche civico, dovrebbe consigliare. I bicchieri, lo sappiamo, possono apparire mezzi vuoti o mezzi pieni. Ma, come si dice, guardiamo avanti. Le attività proseguono e, sul fronte della gestione documentale elettronica, anche il decreto sull’ordine elettronico in ambito servizio sanitario è cosa fatta. Il Paese, se vuole, si muove, anche se spesso sul terreno le bucce di banana non mancano, che si chiamano mancanza di programmazione, attribuzione di poteri limitati a chi deve governare il cambiamento con tempi cadenzati, eccessivo particolarismo corporativo. Lo sforzo, anche culturale e formativo, è di spingere la fattura elettronica anche presso coloro che, per legge, possono chiamarsi fuori dall’emissione obbligatoria di fatture elettronica. Ne va dell’efficienza complessiva di un sistema più ampio, perché avremo un’Italia evoluta e armonizzata a standard di efficienza e un’altra che viaggia su una strada diversa. I doppi binari amministrativi saranno oggetto, sicuramente, di lamentele di chi si occupa della gestione della contabilità in proprio o per conto terzi.

INFOGRAFICA
DAS elettronico: scopri quali vantaggi assicura rispetto al modello cartaceo!
Amministrazione/Finanza/Controllo
CIO

Il Paese non ha bisogno di battaglie di retroguardia, ma di alzare l’asticella e abituarsi nuovamente a essere esigente.

La lotta all’evasione

In termini operativi e a pochi giorni dall’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica, anche come Osservatorio “Fatturazione elettronica & eCommerce B2b, che da oltre 12 anni studia e presidia l’evoluzione del settore, vogliamo continuare a fare la nostra parte.

È importante ricordare che uno dei principali motivi per cui è stato introdotto l’obbligo – primo Paese della UE – è la lotta all’evasione Iva, stimata nella sola Italia intorno a 37 miliardi di euro, un quarto circa del totale a livello Unione.

La legge 27 dicembre 2017 n.205, che ha introdotto l’obbligo di fatturazione elettronica, aveva escluso i contribuenti in regime di vantaggio e forfettari e al contempo eliminato per tutti i soggetti Iva la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (i.e. spesometro).

La (sempre più) ampia platea degli esclusi

A colpi di emendamenti apportati dalla politica sia in fase di conversione in legge del DL 119/2018, che di approvazione della legge di bilancio 2019, la platea degli esclusi sta aumentando sempre più, e ad oggi sono esentati i soggetti obbligati alla trasmissione dei dati al sistema tessera sanitaria (circa 260.000 medici, 75.000 farmacisti, etc), le associazioni sportive dilettantistiche (circa 63.000), i nuovi forfettari. Per questi ultimi è, però, necessario attendere la manovra definitiva per capirne la reale portata, anche se la platea dei soggetti che potenzialmente vi potrebbero rientrare è di circa 900.000 soggetti.

L’ampliamento delle esenzioni dall’obbligo di emissione della fattura elettronica necessita di qualche riflessione ulteriore, per evitare un inasprimento dell’evasione, visto che anche lo spesometro verrà eliminato. Fermi restando, però, questi provvedimenti, sarebbe utile ripristinare il vecchio limite di mille euro per l’utilizzo del contante, sia per salvaguardare l’obiettivo di ridurre l’evasione IVA, sia per conformarsi a comportamenti sempre più diffusi in Europa e nel mondo, al fine di scoraggiare l’uso del contante nelle transazioni commerciali.

Proposte per continuare a migliorare il sistema

Di seguito, alcune proposte che riteniamo di sottoporre a una valutazione di fattibilità:

redigere una linea guida o aggiornare il documento “Suggerimenti per la compilazione della fattura elettronica verso le pubbliche amministrazioni e verso i privati” per supportare i soggetti Iva a emettere correttamente le fatture elettroniche oltre che annotare nel file XML in modo appropriato talune informazioni (e.g. CONAI, numero e data della lettera di intento, estremi e riferimento contratto art.62 DL 1/2012, contributo RAEE, dati sulla tracciabilità della carne bovina, etc);

proseguire a individuare il campo <Data> del file XML quale data di emissione, a nulla rilevando il momento in cui avviene la reale trasmissione della fattura al SdI, che così come indicato all’art.11 del DL 119/2018, potrà avvenire nei successivi 10 giorni. Ciò potrebbe evitare di gravare ulteriormente sui soggetti Iva con costi e oneri di adeguamento dei sistemi contabili/ERP;

adeguare le regole di fatturazione elettronica B2G a quelle B2B/B2C; in particolare riteniamo utile eliminare l’obbligo di firmare digitalmente le fatture elettroniche e il rifiuto delle fatture ricevute dalla PA (tramite l’emissione della Notifica di rifiuto);

• semplificare la gestione delle fatture in regime di inversione contabile attraverso due soluzioni:

  • “associare” i dati relativi all’aliquota e alla relativa imposta alla fattura elettronica, tramite per esempio la generazione di un file periodico redatto dal sistema contabile/ERP contenente i suddetti dati e riferimenti della fattura di acquisto in regime di inversione contabile (e.g. fornitore, numero e data della fattura);
  • valutare di eliminare tale adempimento dato che le suddette informazioni sono riportate nei registri Iva.

prevedere la possibilità di inserire non solo dati alfanumerici ma anche caratteri speciali (e.g. € $ £ @ © ® % & Ø ° etc) almeno nei seguenti campi: <Denominazione>, <RiferimentoAmministrazione>, <Descrizione>;

  • attivare la notifica di presa visione, dato che al momento non risulta ancora gestita dal SdI;
  • emettere una Ricevuta di consegna oppure istituire una nuova comunicazione, come per esempio una “Ricevuta di messa a disposizione area riservata Agenzia delle Entrate”, anziché emettere una MC (Ricevuta di impossibilità di recapito) che risulta fuorviante ed oggetto di errata interpretazione;
  • inserire tutti gli importi in doppia valuta.

E, in attesa della fattura elettronica … Buon Natale a tutti!

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4