Sponsored Article

L’innovazione per la ripresa del turismo: il caso dell’app Lamialiguria

La digitalizzazione può rivelarsi un’arma per arginare la crisi del settore turistico in seguito alla pandemia di coronavirus, favorendo imprese e clienti: approfondiamo l’esempio dell’app Lamialiguria

08 Ott 2020
Paolo Piccini

Amministratore unico Liguria Digitale


La pandemia di coronavirus ha colpito duramente anche il settore turistico. Secondo il barometro di Federalberghi sul secondo trimestre di quest’anno, il saldo delle imprese ricettive iscritte e cessate tra aprile e giugno 2020 è del -87%, con il -90,1% delle presenze in albergo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In questo scenario, la digitalizzazione può rappresentare una leva per ripartire. Spinte innovative sono arrivate dai settori pubblico e privato: un esempio è l’app Lamialiguria, di Liguria Digitale, azienda ICT in house di Regione Liguria.

La situazione di crisi del settore turistico causata dalla pandemia globale ha portato una radicale diminuzione degli spostamenti tra i paesi e alla rinuncia alla creazione di eventi con assembramenti, impattando fortemente sull’economia turistica che in Italia ricopre un ruolo fondamentale. Le proposte a livello nazionale per portare innovazione e rilancio nel settore turistico sono molteplici, ma l’implementazione di servizi digitali a supporto dell’offerta turistica è uno degli ingredienti necessari per appoggiare e rilanciare il turismo in questo difficile scenario.

L’impatto dell’innovazione sulla crisi del turismo

Le nuove sfide imposte dalle misure restrittive per contrastare il covid offrono anche nuove opportunità di crescita e sviluppo in alcuni settori. Il lockdown ha fatto da cassa di risonanza a quanto molti sostengono da tempo: è imprescindibile investire sul digitale e sulla cyber security. Durante i mesi più critici della pandemia, Liguria Digitale è sempre stata in prima linea al servizio dell’amministrazione regionale per trovare soluzioni tecnologiche ai problemi che la situazione ha inevitabilmente fatto emergere. Cosa resa possibile grazie al frutto di azioni e progetti sistemici che l’azienda stava portando avanti da tempo, supportando diverse realtà regionali con i propri servizi, dalla didattica a distanza allo smart working fino alla sicurezza delle reti e alla tutela della privacy dei dati. E questa è anche la nostra missione: accompagnare concretamente la pubblica amministrazione alla transizione digitale.

Lo smart working è stato un esempio chiarissimo: per noi è una realtà dal 2016, ma per molti enti si trattava di una modalità di lavoro totalmente inedita. Grazie all’esperienza siamo stati in grado di supportare tutta la pubblica amministrazione ligure, dalla Regione ai Comuni alle Asl e mettere centinaia di lavoratori in grado di continuare le proprie attività da casa, senza correre rischi e senza disagi. Si è trattato certamente di un passaggio accelerato dall’emergenza, ma è un fatto che questa circostanza, pur nella sua drammaticità, ha definitivamente chiarito quanto la transizione al digitale sia prioritaria. Anche il settore turistico può trarre beneficio dalle innovazioni che il digitale sta portando in tutti i settori.

Il caso: l’app Lamialiguria

Un esempio virtuoso di innovazione pensata per il rilancio del turismo è l’app Lamialiguria. Uno strumento realizzato con fondi Por Fesr allo scopo di rilanciare il turismo regionale dopo il lockdown, facendo incontrare domanda e offerta.

Lamialiguria ha un enorme potenziale anche per chi offre servizi, dagli operatori turistici ai comuni, anche grazie alle funzionalità di prenotazione integrate. Uno dei punti di forza della app sono gli accordi con altre piattaforme: dalla prenotazione dei ristoranti integrata con TripAdvisor al pagamento del parcheggio tramite Easy Park alle previsioni metereologiche sincronizzate con il meteo dell’Arpal (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure) della Regione Liguria.

Conclusione

Il progetto include anche una parte di governance importante: Liguria Digitale ha messo a disposizione della Regione progettualità e tecnologia per la creazione di uno strumento innovativo e collaborativo, sia a livello di modello organizzativo sia a livello di software. Questo progetto non sarebbe stato possibile se non si fosse instaurata una grande sinergia di tutti i soggetti che si occupano di turismo. Per questo motivo crediamo che il modello Lamialiguria possa essere replicato ed implementato in altre regioni per rispondere alle esigenze di utenti sempre più esigenti, puntando su un’offerta ricca e variegata e sulla usability.

L’articolo è parte di un progetto di comunicazione editoriale che Agendadigitale.eu sta sviluppando con il partner Liguria Digitale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4