Infrastrutture IT

Cablaggio strutturato: perché in Italia siamo fermi agli anni ’90 e come rimediare

Il cablaggio strutturato è alla base di tutte le moderne infrastrutture IT: deve quindi garantire prestazioni e affidabilità. Ma la categoria 6A, che altrove è uno standard, fatica a imporsi in Italia per bassa preparazione tech e retaggi culturali antiquati. I dettagli e i vantaggi di questa adozione

08 Set 2022
Luca Dalla Grana

Managing Director della filiale italiana di Datwyler IT Infra

reti infrastrutture

Il cablaggio strutturato, registrato una trentina d’anni fa come “cablaggio generico strutturato”, per poi divenire semplicemente “cabling”, ha vissuto una prima decade relativamente gloriosa per poi subire un lento ma inesorabile processo di normalizzazione culturale.

Ancora oggi, la maggior parte delle nuove installazioni avviene, in Italia, attraverso soluzioni standardizzate nei lontani anni ’90, ovvero, tecnologicamente, un’era geologica fa. Soluzioni di categoria 5e e 6 o, più correttamente, secondo ISO/IEC, di classe D ed E.

Ma una moderna infrastruttura IT degna di questo nome non può basarsi su fondamenta passive inadeguate che, in modo analogo, non possono supportare lo sviluppo di nuovi scenari di business.

Desi 2022, l’Italia eccelle (solo) in banda ultra larga e integrazione tecnologica

A frenare l’aggiornamento o l’installazione di materiali ad alte prestazioni, in parti uguali, troviamo sia un retaggio culturale “antiquato” di molti operatori economici del settore, sia la bassa preparazione tecnologica che porta a sottovalutare i benefici che un cablaggio strutturato di tipo avanzato può apportare a piattaforme e sistemi.

Secondo dati di market intelligence non ufficiali ma decisamente attendibili, la spesa annua pro capite nelle economie europee di riferimento, cioè Germania, Regno Unito e Francia, è superiore da due a quattro volte rispetto a quella italiana, a conferma del fatto che, in Italia, il tema non gode della medesima considerazione offerta negli altri paesi europei.

Cablaggio orizzontale: perché altrove la categoria 6A è uno standard

In tema di cablaggio cosiddetto “orizzontale”, ossia della parte del sistema strutturato terminale, deputata al trasporto dei dati da e verso i punti di utenza, l’opportunità di evoluzione più significativa ci viene offerta dalle soluzioni di cablaggio di categoria 6A.

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce, condivisa e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

A onor del vero, si tratta di un’opportunità proposta dal mercato già a partire dal lontano 2010, anno in cui, appunto, tale standard per la trasmissione di dati alla velocità di 10 gigabit al secondo è stato ratificato, soprattutto a vantaggio dei Paesi più attenti – primo fra tutti la Germania – che l’hanno immediatamente recepito come “soluzione tipo” per la quasi totalità delle nuove installazioni.

In Italia, invece, tale classe di cablaggio (EA) ha ricevuto un’accoglienza decisamente più fredda, al punto che, ancor oggi, a distanza di oltre un decennio dalla sua introduzione, rappresenta una quota minoritaria delle nuove installazioni. Una quota crescente, sì, ma a una velocità sorprendentemente bassa rispetto a quella di evoluzione dello scenario tecnologico generale.

Una breve cronistoria può agevolare la comprensione del valore di tale soluzione: il suo sviluppo fu fortemente stimolato da una precisa domanda del mercato internazionale che, fino a quel momento, si era trovato costretto a scegliere tra due opzioni considerate insufficienti.

Da una parte, le soluzioni tradizionali di Classe D ed E (Cat. 5e e 6) per Gigabit Ethernet, ritenute, già da tempo, non più all’altezza delle aspettative degli investitori più evoluti.

Dall’altra quelle di Classe F (Cat. 7) per 10Gigabit Ethernet, certamente più adatte a soddisfare la crescente necessità di banda ma, al contempo, vincolate a standard di connessione non RJ45 proprietari, costosi, poco diffusi e non particolarmente graditi a installatori e integratori.

Un’opzione, quest’ultima, che, in ultima analisi, stava frenando quell’ampia diffusione dei sistemi di cablaggio per alta velocità che i mercati nazionali più avanzati richiedevano con sempre maggior forza e insistenza.

Semplificando, ma restando fedeli alla sostanza storica, si può affermare che la Classe EA/Cat. 6A è nata con il preciso scopo di rimpiazzare l’esistente Classe F/Cat. 7 – la quale, tra il 2002 e il 2010, non era riuscita a conquistare più del 3% del mercato globale del cablaggio – grazie al pacchetto di vantaggi assicurato dallo standard aperto di connessione RJ45, da costi notevolmente inferiori e dalla tecnica d’installazione decisamente più apprezzabile.

Tutto ciò, naturalmente, ferma restando la capacità di supportare pienamente il protocollo di trasmissione 10Gigabit Ethernet su Channel fino ai canonici 100 metri previsti anche per le altre classi di cablaggio.

Trasmissioni ad alta velocità: perché la categoria 7A nei fatti non ha funzionato

A questo punto una domanda tende a sorgere spontanea: e la Classe FA/Cat. 7A, sviluppata in contemporanea da ISO/IEC con l’auspicio che potesse supportare protocolli di trasmissione ancora più ambiziosi del 10Gigabit Ethernet sulla solita distanza limite di 100 metri?

Al netto delle velleità tecnologiche, archiviate qualche anno dopo, la risposta secca è che anche questa classe è una soluzione per trasmissioni ad alta velocità che può collocarsi a un livello ancora più alto di prestazioni ma risulta complessivamente meno vantaggiosa di quella EA/6A.

Infatti quest’ultima, oltre a garantire comunque la piena soddisfazione dei requisiti trasmissivi imposti dalle norme, è indubitabilmente più disponibile, flessibile, facile, rapida ed economica.

Peraltro, va evidenziato che i componenti di Cat. 7A, per effetto della scarsa domanda commerciale che li ha storicamente caratterizzati, sono e saranno sempre più difficili da reperire, ragion per cui la loro adozione, oggi, può esporre a ulteriori complicazioni legate ai tempi di realizzazione di un’infrastruttura passiva e al suo eventuale ampliamento futuro.

Conclusioni

Aspetti tecnici a parte, è ragionevole ritenere che le cause della nostrana resistenza all’evoluzione (anche) nell’ambito specifico del cablaggio strutturato siano da ricercarsi principalmente nella sfera culturale della consuetudine e della conoscenza.

È perciò più che raccomandabile una riscoperta dello studio del cablaggio strutturato, come elemento basilare delle infrastrutture IT, che favorisca la piena comprensione della sua importanza e, di conseguenza, lo spirito d’investimento là dove, oggi, prevale l’idea di una spesa da limitare e procrastinare il più possibile.

WHITEPAPER
Mobilità sostenibile: una guida a progetti, incentivi e ruolo chiave di sharing e veicoli elettrici
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4