Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Vorrei interpretare il mio ruolo di membro del Tavolo permanente per l’innovazione e l’agenda digitale italiana (organismo consultivo permanente composto da esperti in materia di innovazione tecnologica e da esponenti delle imprese private e delle università), operando soprattutto sulle tematiche più vicine alla mia sensibilità e alle mie competenze ovvero partecipazione e cittadinanza attiva.

In questo contesto ritengo prioritario un intervento di revisione della normativa e in particolare del Codice dell’Amministrazione Digitale possibilmente ipotizzando la redazione di un Testo Unico in materia.

Nel quadro dell’Open Government Partnership ritengo essenziale il coinvolgimento delle organizzazioni non governative e l’attivazione di una costante interazione tra amministrazioni e cittadini che preveda modalità di comunicazione atte a garantire una larga partecipazione da parte di tutti gli stakeholder e un processo largamente inclusivo.

Solo così si può realizzare un’agenda digitale italiana realmente innovativa e condivisa

  • cirospat

    ottima idea la partecipazione online all’aggiornamento del CAD -> fare un testo unico.

    Una sola piccola richiesta:
    eliminazione definitiva dell’uso del formato pdf/a nei portali web istituzionali (sopratutto in “Amministrazione Trasparente”).
    Il pdf/a non aiuta affatto i dipendenti ad assimilare la cultura degli open data !!!
    😉

  • Attilio A. Romita

    Da qualche anno vado scrivendo (una delle ultime volte in http://www.statigeneralinnovazione.it/online/open-government-data-in-italia-e-lora-del-fare/ ) ed al ForumPA sono noto per per un ritornello (http://www.slideshare.net/attilioromita1/forum-pa-2012-barcamp-romita-test-02) “le leggi son, ma chi pon mano ad esse”.
    Sono d’accordo con la proposta di Flavia di revisione e riorganizzazione, ma, visto che non sono un pacifista, inseriamo nelle leggi il taglio delle mani per gli inadempienti. E le mani tagliate diamole in pasto al Burusaurus Rex ….chissà che non gli vadano di traverso!
    Sono eccessivamente cattivo? forse, ma dopo anni di revisioni e posizioni attendiste in attesa del regolamento di attuazione, del decreto attuativo, della nota esplicativa e del codicillo transitorio forse è il tempo di tornare alla cara Inquisizione ed al suo modo di ricercare la verità e di erogare punizioni…..o no?

Articoli correlati