uso degli open data

Riuso degli open data, servono certezze: l’esempio dei dati Covid ci aiuta a capire perché

Cambiare infatti improvvisamente le regole di pubblicazione dei dati – come nel caso del Covid passata da giornaliera a settimanale – va ad impattare e a generare tutta una serie di problemi a chi quei dati li sta utilizzando. Non è affatto un problema secondario per le aziende che investono sui dati per creare servizi

22 Nov 2022
Vincenzo Patruno

Project Manager e Open Data Evangelist - ISTAT

dati data big data data scraping

Uno degli obiettivi su cui si sta da tempo lavorando in Europa e di conseguenza nei  vari Paesi membri è quello di arrivare a costruire un mercato europeo dei dati. Dati di tutti i tipi, che possono quindi essere sia Open che non Open.

L’idea è quella di favorire l’uso e il riuso dei dati per consentire lo sviluppo di un ecosistema costituito da imprese, da enti pubblici, da start-up, da professionisti, dalla comunità  scientifica e più in generale dalla società civile che possa beneficiare di questi dati creando su di essi servizi a valore aggiunto e contribuendo sia allo sviluppo sociale che allo sviluppo di una intera economia legata ai dati. Che vuol dire nuovi servizi per la collettività, nuove opportunità di sviluppo e di crescita delle imprese, nuovi posti di lavoro e così via.

L’esempio dei dati Covid

Fatta questa necessaria premessa, voglio raccontare quello che è accaduto recentemente a riguardo dei dati Covid. Il 28 ottobre scorso il neoministro della salute Orazio Schillaci ha fatto sapere attraverso un comunicato che “a sei mesi dalla sospensione dello stato d’emergenza e in considerazione dell’andamento del contagio da Covid-19, ritiene opportuno avviare un progressivo ritorno alla normalità”. E in questo progressivo ritorno alla normalità, la pubblicazione del bollettino dei dati relativi alla diffusione dell’epidemia ai ricoveri e ai decessi sarebbe passata da giornaliera a settimanale. Fin qui niente di particolarmente sconvolgente, per carità. È sicuramente una decisione legittima che va incontro essenzialmente ad esigenze di comunicazione. La situazione sanitaria è al momento sotto controllo, non siamo più in stato di emergenza  e il governo preferisce portare altrove l’attenzione dei cittadini.

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale

Quello che va invece meno bene è che questo cambiamento ha interessato anche i dati giornalieri pubblicati dal Dipartimento della Protezione Civile. In realtà quello che è accaduto è che i dati non vengono più pubblicati ogni giorno come avveniva in precedenza. Vengono pubblicati una volta alla settimana i dati di tutti giorni della settimana appena trascorsa.

Inoltre, dal giorno in cui hanno cambiato la frequenza di aggiornamento, non è stata più aggiornata, nemmeno settimanalmente, la parte informativa di Agenas con i dati sugli ospedali. E oggi, non c’è in Italia un sito, uno spazio, dove poter leggere questi dati  che sono di enorme valore al di là del Covid. Le scelte sui dati possono essere fatte anche su opportunità di comunicazione, ma vanno sempre e comunque fatte a partire dalla valutazione del patrimonio informativo che si ha a disposizione.

Perché cambiare le regole di pubblicazione dei dati non è un problema secondario

Il problema non è di poco conto. Cambiare infatti improvvisamente le regole di pubblicazione dei dati va ad impattare e a generare tutta una serie di problemi a chi quei dati li sta utilizzando. C’è forse l’idea che usare gli Open Data consista nello scaricarli di tanto in tanto per passare poi il resto della giornata facendo un po’ di analisi e visualizzazioni. In realtà la situazione è decisamente molto diversa. I dati Covid sono stati e sono tutt’ora per ovvie ragioni di enorme interesse collettivo. L’apertura dei dati giornalieri legati al Covid ha generato un vero e proprio ecosistema di utilizzatori. Si tratta di professionisti, ricercatori, giornalisti,  istituti di ricerca italiani e internazionali. In questi due anni sono state realizzate e messe a punto varie applicazioni che in modo automatico si connettono ai dati del Dipartimento della Protezione Civile e generano tutta una serie di analisi finalizzate al monitoraggio della pandemia e all’impatto sul sistema sanitario.

Passare da una pubblicazione giornaliera a una settimanale è evidente che va a impattare su questo ecosistema di applicazioni e di utenti che utilizzano quei dati e il cui punto di forza consiste proprio nel fornire giornalmente analisi, tendenze, proiezioni, report. Non è quindi un caso che siano diverse le organizzazioni e le associazioni che hanno sollevato il problema chiedendo il ripristino della pubblicazione giornaliera. Tra le altre ci sono  l’associazione Ondata, la Fondazione Gimbe, Scienza in Rete, e tutte le altre organizzazioni e le persone fisiche che hanno sottoscritto l’appello di DatiBeneComune.

Cosa vuol dire rendere Open i dati

Dobbiamo a questo punto cogliere l’occasione e cominciare a porci un po’ più seriamente il problema della governance dei dati aperti, in particolare di quei dati di grande interesse collettivo e dalle grandi potenzialità di riuso. Rendere Open questi dati vuol dire favorire la nascita di servizi a valore aggiunto basati sui dati. Ma i servizi a valore aggiunto non nascono dal nulla. Vengono creati da imprese, organizzazioni, enti pubblici, associazioni della società civile che investono sul riuso di quei dati. Che è esattamente l’obiettivo che si vuole raggiungere a livello europeo con il mercato unico e con le politiche che si sono avviate a livello comunitario sui dati e sugli Open Data. Ma chi investe sui dati ha necessità di avere delle certezze sul fatto che le policy di rilascio dei dati siano stabili nel tempo.

È importante sollevare questo aspetto perché quanto sta accadendo oggi con i dati covid può accadere domani con dati di altra natura. Chi ha riusato i dati COVID lo ha fatto tenendo conto del rilascio giornaliero dei dati. Chi ha riutilizzato i dati ha messo a punto applicazioni, algoritmi di data analysis, visualizzazioni, mappe, cruscotti. Il passaggio ad un aggiornamento settimanale, pur con l’accortezza di mantenere i dettagli giornalieri dei dati COVID va comunque a depotenziare quanto fatto da associazioni, organizzazioni,  comunità scientifica.  Anche perché i dati continuano comunque ad essere raccolti giornalmente attraverso un sistema di raccolta che è stato faticosamente attivato in fase di emergenza e che ora possiamo dire essere andato a regime.

Conclusioni

Pertanto, il passaggio a un rilascio settimanale ha veramente poco senso. In questo caso si tratta di dati covid giornalieri su cui sono stati costruiti essenzialmente servizi di monitoraggio dell’evoluzione della pandemia, proiezioni e impatto sul sistema sanitario. Ma pensiamo al caso in cui una impresa decida di utilizzare Open Data per costruire servizi di tipo business.

Quell’impresa avrà la necessità di avere una fonte stabile di dati e aggiornamenti certi e continui per un periodo sufficientemente lungo di tempo. In caso contrario difficilmente gli verrà voglia di investire denaro su quei dati. Fare Open Data si basa su un patto tacito tra chi produce quel dato e chi quel dato lo utilizza. Può accadere che per qualche motivo sia necessario cambiare le regole di rilascio del dato. Questo vuol dire rinegoziare in qualche modo quel patto, operazione che non può però essere fatta unilateralmente ma sempre interagendo e ascoltando la comunità costituita dai chi quei dati li riusa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3