il fenomeno

BookTok: così il social avvicina i giovanissimi alla lettura

Non solo vetrinizzazione di sé. I post dei BookToker attraggono milioni di visualizzazioni e riaccendono l’interesse e l’apprezzamento per i libri nei giovani lettori. E l’editoria spera che TikTok riesca nell’impresa di rinvigorire le vendite presso questo cruciale segmento di mercato

06 Dic 2021
Carmelina Maurizio

Università degli Studi di Torino

booktok

L’ingresso di TikTok nel panorama dell’editoria e della vendita dei libri è un fenomeno da oltre 689 milioni di utenti attivi mensili.  Sul social più amato dai giovanissimi, la parola scritta viene portata in vita attraverso il mezzo del video in forma breve, con l’hashtag #BookTok:  lo spazio dinamico di TikTok diventa così anche spazio letterario  – ad oggi ha raggiunto quasi 10 miliardi di visualizzazioni – dove coloro che accedono pubblicano brevi video ispirati ai libri che amano.

Come funziona e che effetto sta avendo nel mercato librario, che secondo gli esperti, sta crescendo rispetto al numero dei (giovani) lettori, anche proprio grazie all’effetto della piattaforma social?

TikTok, perché cattura così tanto i ragazzi: l’onboarding

Come funziona #BookTok

Gli utenti di Tik Tok creano immagini ispirate da ciò che stanno leggendo e postano brevi video sulla letteratura e l’esperienza della lettura e non c’è dubbio che i meme siano un espediente efficace per attirare i lettori; infatti, mostrando loro immagini con della musica molto popolare, il successo è immediato. Inoltre, come è accaduto per esempio con il romanzo di Adam Silvera[1] del 2017 They Both Die at the End, che è uno dei libri che hanno beneficiato dell’effetto BookTok, è successo che i tiktokers abbiano iniziato a filmarsi prima e dopo aver letto il libro, singhiozzando e mostrando le loro emozioni durante e alla fine della lettura. Il libro di Silvera in pochi mesi è salito in cima alle classifiche di narrativa per ragazzi, vendendo più di 4.000 copie a settimana, più di 200.000 copie nel Regno Unito, e il post #adamsilvera è stato visto 10,8 milioni di volte.

WHITEPAPER
Evolvere il rapporto con i tuoi clienti e renderlo più redditizio: scopri come con questo documento!
Marketing
Advertising

Gli editori guardano con molto interesse a BookTok e, come dice Kat McKenna[2], consulente di marketing e di marchio specializzata in libri per bambini e giovani adulti, con i suoi video brevi e divertenti ha portato una nuova, potente opportunità di raggiungere e coinvolgere i non lettori, per creare più amanti dei libri. Si tratta di trailer visivi istantanei che rendono i libri cinematografici, dando visibilità alle pagine, che diventano vitali, mostrando ciò che si ottiene da un libro al di là delle parole. Già da diversi mesi, nei paesi anglosassoni e in particolare in Nord America, gli adolescenti stanno sovvertendo le classifiche dei libri, soprattutto grazie al tam tam tra i giovanissimi e proprio alle recensioni dei BookTokers. Gli influencer suggeriscono e consigliano i migliori libri da leggere e quei titoli diventano virali. Su Amazon, BookTok è popolarissimo e Bloomsbury, la casa editrice britannica, ha recentemente riportato vendite record, con un aumento del 220% dei profitti, è stato attribuito in parte a BookTok. Anche in Italia, sebbene in maniera meno marcata, si sta evidenziando questa tendenza: al fianco di tutta l’editoria fantasy, comunque molto popolare tra i giovani e giovanissimi, emergono nello spazio # BookTok i Malavoglia di Verga, l’immancabile D’Avenia, ma anche scrittori di nicchia.

I BookTokers

Veri protagonisti dell’angolo letterario di TikTok sono i BookTokers, che sanno catturare la reazione viscerale e emotiva ad un libro, quella che non viene fuori in una recensione scritta. I loro post attraggono milioni di visualizzazioni e riaccendono l’interesse e l’apprezzamento per i libri nei giovani lettori. Ho ricominciato a leggere dopo sei anni quando mi sono imbattuta per la prima volta in BookTok lo scorso ottobre, dice Mireille Lee, 15 anni, come riportato in una recente analisi svolta da Alison Flod nel magazine The Guardian[3]. In meno di un minuto, poco più di 30 secondi a volte, coloro che leggono i post prendono la decisione di andare a comprare quel libro. Per questo #BookTok è una potente dimostrazione del potere del contenuto generato dagli utenti e poiché è fatto da persone comuni per persone comuni, parla direttamente in un modo che nessuna campagna di marketing può sperare di eguagliare. Il Booktoker Ayman Chaudhary, 20 anni universitario di Chicago, dice c’è questa tendenza in giro in cui si parla di un libro e forse si aggiunge anche una clip di te che piangi mentre leggi il libro, e rende le persone curiose, che si chiedono cosa può rendere questo libro così bello, o così triste da farti mostrare le tue emozioni ed essere così vulnerabile al pubblico? I libri che possono farmi piangere immediatamente hanno i miei soldi. Oggi, ha 258.000 seguaci e 16,2 milioni di like per il suo account @aymansbooks.

Molti booktokers sono entrati nello spazio durante il lockdown e c’è chi tra di loro è stato già contattato da editori, che hanno compreso come attraverso TikTok si possano vendere libri. E c’è ancora chi ha iniziato a ricevere libri da editori e autori già da fine di settembre e chi ancora si rallegra di essere parte di una comunità nella quale trovare persone a cui piacciono gli stessi libri.

Top influencer

E se proprio siamo curiosi e vogliamo seguire i consigli dei tiktokers, novelli critici letterari, ecco alcuni dei top influencer di # BookTok: caitsbooks,213.000 follower, posta consigli sui libri di vampiri; abbysbooks, oltre 20 milioni di like, Kevin T Norman (KTN (@kevintnorman), che promuove libri; Selene,19 anni, è dietro @moongirlreads, con 185.000 followers.

Note

  1. About — ADAM SILVERA
  2. The rise of BookTok: meet the teen influencers pushing books up the charts | Books | The Guardian
  3. Alison Flood è la reporter di libri del Guardian e l’ex redattore di notizie del Bookseller.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4