contro l'indifferenza

Cyberbullismo, educare al coraggio per battere “il partito dei bystanders”: come fare

I bystander, gli spettatori, sono tutti quelli che, a conoscenza di uno o più episodi di bullismo o cyberbullismo verso uno o più soggetti, rimangono in silenzio, diventando inevitabilmente complici dell’atto vessatorio. Cambiare le cose è compito degli adulti: ecco come

08 Set 2020
Alessio Breccia

Consulente Privacy/Dpo

Photo by Timothy Eberly on Unsplash

Quando si tratta l’argomento bullismo/cyberbullismo non ci si può soffermare solo sulla sacrosanta tutela della vittima e sull’altrettanto sacrosanta punizione/redenzione del carnefice. Non basta. E’ necessario porsi un terzo obiettivo che si affianca a questi due: la scossa agli indifferenti, i cosiddetti “bystander”.

Anzi, ritengo fondamentale analizzare proprio i soggetti che, di fronte all’accadimento di un episodio prevaricatore di cui sono testimoni o ne vengono a conoscenza, scelgono di non intervenire.

Chi sono i bystander?

“Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie, ma per quelli che osservano senza far nulla”, diceva Albert Einstein.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

Ognuno di noi si muove all’interno del proprio contesto sociale giocando in più ruoli, anche durante la stessa giornata: come cittadino, come genitore o figlio, come lavoratore o titolare, come amico o avversario e tantissimi altri. Ciò che contraddistingue ogni ruolo è la scelta: si può essere parte attiva e protagonisti oppure scegliere di rimanere passivi e spettatori, rimandando o addirittura delegando al tempo o a qualcun altro le nostre azioni.

Ma chi sono questi spettatori indifferenti che identifichiamo con il nome di bystanders?

Sono tutti quelli che, a conoscenza di uno o più episodi di bullismo o cyberbullismo verso uno o più soggetti, rimangono in silenzio, diventando inevitabilmente complici dell’atto vessatorio.

Per fornire una descrizione generica che proprio perché tale non può fornire una fotografia esaustiva del fenomeno in tutti i suoi peculiari aspetti e variegate sfumature, ho individuato a titolo esemplificativo 5 macrocategorie di bystanders:

  • L’interessato: è il soggetto che venuto a conoscenza di un episodio vessatorio nei confronti di un suo conoscente, non ne prende le difese perché teme di diventare a sua volta vittima del o dei bulli. Molto spesso tende ad allontanarsi dalla vittima per paura del “contagio” dell’essere suo amico e quindi diventare oggetto dello scherno oppure continua ad esserne amico, ma nelle occasioni in cui è necessario che prenda posizione non si schiera mai con la vittima. Questo comportamento, alla lunga, genera nella vittima un senso di smarrimento e solitudine amplificato da una generale sfiducia nel mondo che lo circonda, in particolare verso quella parte di mondo che dovrebbe proteggerlo, acuendone paure e fragilità.
  • Lo spettatore disinteressato: in questo caso la vittima è sconosciuta al bystander, il quale (specie nei social o nel web) lo deride a sua volta, condividendo altri elementi che alimentano il comportamento diffamatorio e prevaricatore nei confronti della vittima (ad esempio condivisione sui social di un’angheria, di una diffamazione, di fake news). E’ il tipico caso del soggetto che si dirige dove si muove il gregge e andare controcorrente scaturirebbe un effetto boomerang sulla sua persona. Oppure, peggio ancora, condividere e contribuire alla presa in giro fa sentire il bystander “inserito nel contesto sociale”. Questo è il tipico comportamento di chi crede che stare con la moltitudine sia sinonimo di compagnia, quando invece è solo una massificazione della propria personalità che sfocia nell’essere come tutti e quindi essere uno dei tanti senza distinguersi. Da un lato questo non gli fa percepire il grado di sofferenza della vittima (acuito dal fatto che neanche la conosce), ma dall’altro non gli assicura alcuna sicurezza: come è accaduto ad uno sconosciuto, potrebbe toccare a lui.
  • L’informatore: è colui il quale non denigra nessuno direttamente, ma è fortemente complice in quanto fornisce ai bulli degli elementi o delle informazioni utili a produrre l’offesa. Quest’ ultime vengono rese per essere accettati dai bulli, quasi fosse una prova di iniziazione (vigliaccheria passiva) oppure perché è lui stesso che vorrebbe bullizzare, ma non ne ha il coraggio per paura delle conseguenze (vigliaccheria attiva).
  • L’omertoso: il classico soggetto che ha paura che prendere le difese del debole scaturisca automaticamente un atto violento nei suoi confronti. A differenza dell’interessato, non viene a conoscenza di episodi continui, ma di un episodio singolo o più episodi riferiti a diversi soggetti. E’ il caso di chi è a conoscenza di un branco di bulli che colpisce indiscriminatamente chiunque.
  • Il sopravvissuto: colui il quale in un passato, più o meno recente, ha subito situazioni analoghe a quelle che stanno affliggendo la vittima e, per evitare di rivivere una cronologia retroattiva di esperienze negative, sceglie di non proteggerla.
  • Il minimizzatore: è il soggetto che per una capacità valutativa immatura o per semplice convenienza considera le prepotenze inflitte alla vittima cose di poco conto, giustificando i comportamenti dei bulli o addirittura additando il malcapitato come permaloso e lui stesso causa di ciò che subisce. Questa figura contribuisce in maniera significativa ad un ulteriore screditamento sociale della vittima, candidandosi egli stesso a divenire a sua volta un bullo, non percependo, volontariamente o meno, la gravità della situazione vissuta dalla persona offesa.

Il coraggio della scelta giusta

Evidentemente tale classificazione non completa tutte le sfumature che a volte si mescolano tra loro e che riguardano i comportamenti dei bystanders, ma ci permette di individuare un minimo comun denominatore tra questi: la mancanza del coraggio della scelta giusta.

E’ proprio su quest’ultimo aspetto che tutti noi, a prescindere dai nostri ruoli quotidiani dobbiamo lavorare. Con impegno fattivo.

Se è vero che, come scriveva magnificamente il Manzoni descrivendo il pavido Don Abbondio, il coraggio se uno non l’ha, non glielo si può dare, è altrettanto innegabile che stiamo parlando di giovani, ancora “salvabili e convertibili” e non di soggetti prigionieri delle abitudini e paure incancrenite nell’intercedere degli anni.

Ma sta a noi adulti spronare, educare e infondere coraggio ai giovani. Provando nella vita di tutti i giorni a trasmettergli il valore dell’indignazione e della ribellione a tutto ciò che è violenza e sopruso. Ad ascoltarli e proteggerli, non in un mondo fatato e virtuale, ma dando l’esempio nelle case, nelle scuole, nelle associazioni, nelle chiese, con il rispetto del più debole e la denuncia del vile prepotente.

Se anche noi grandi ci giriamo dall’altra parte e ci facciamo “i fatti nostri”, come possiamo pretendere che dei giovani, fragili e spaventati per natura, si comportino diversamente?

E’ l’ ora del senso comune collettivo, non dell’eroe isolato che denuncia, si ribella e poi viene lasciato solo.

Immaginiamo per un istante come cambierebbero le cose se tutti questi spettatori inermi di fronte ad episodi di bullismo, si schierassero dalla parte giusta, cioè quella del debole. Se fosse la maggioranza che fa da scudo. Se questo potenziale esercito di difensori si schierasse a protezione della vittima.

Bullismo, nessuno è “immune”

Forse non basterebbe ad estirpare una piaga che esiste e esisterà sempre, ma sono fortemente convinto che la ridurrebbe sensibilmente.

Non basta commuoversi perché un ragazzo si lancia contro un treno perché deriso per la sua omosessualità, non basta piangere per una ragazzina che decide di “volare” perché vessata per il suo aspetto fisico.

Serve impegno concreto per far capire che questa disgrazia può capitare a tutti, bystanders compresi. Poiché il vento della derisione può cambiare repentinamente direzione e colpire chiunque.

Serve impegno per far capire che il branco attacca, ma il gruppo invece protegge ed essere un bystander, spettatore silenzioso, alimenta il primo ed azzera il secondo. E loro, proprio i bystanders, possono spostare quest’ asse in un senso o nell’altro.

Educare al coraggio per cambiare le cose

Educhiamo al coraggio perché quel mondo descritto da Einstein sia effettivamente privo di pericolo. E per educare al coraggio serve una politica armonica e convergente tra tutte le componenti sociali: organizzare sempre più incontri nelle scuole aperti anche ai genitori ( basti pensare che da un’indagine condotta da Telefono Azzurro emerge che il 30% dei genitori intervistati ammette di essere impreparato davanti all’uso dei social media dei ragazzi, con la conseguenza che non sono in grado di accorgersi e quindi prevenire forme di cyberbullismo); organizzare incontri nelle associazioni sportive e mostrarsi rigidi nei confronti di genitori e tesserati che non si comportano secondo dei codici etici e sportivi di cui le società dovrebbero dotarsi; creare dei meccanismi premianti nei confronti di quei giovani o di quelle famiglie che aiutano a denunciare episodi …..Provocatoriamente mi sentirei di aggiungere una voce nelle pagelle scolastiche con cui si giudica oltre che la capacità relazionale , intellettiva e comportamentale degli studenti, anche il loro coraggio. Una sorta di medaglia d’oro al valor civile che apparentemente può non aver alcuna importanza, ma che invece credo abbia un peso specifico sia nella gratificazione del ragazzo/a che nella sua carriera scolastica e lavorativa. Oppure istituire una giornata premio a quella classe che si è particolarmente distinta per una propria coesione e armonia interna.

Insomma intervenire per punire o redimere è doveroso, ma a mio personalissimo giudizio, gratificare chi merita serve altrettanto, se non di più.

In conclusione, dobbiamo innanzitutto noi adulti credere di più nella parola coraggio e forse riusciremo ad avere generazioni successive migliori di quelle che le precedono.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati