la guida

Fake news: ecco come verificare le informazioni su web e social media

Analizzare le fonti e verificare l’affidabilità dell’autore di una notizia online – soprattutto sui social – non è impossibile ma potrebbe non essere facilissimo. Una serie di suggerimenti e strumenti per districarsi nel mare magnum della disinformazione online

07 Dic 2021
Giorgio Iorio

junior analyst Hermes Bay

Matteo Taraborelli

analista Hermes Bay

fake-5205183_1280

Quando si visualizzano contenuti condivisi sui media online, è sempre utile essere consapevoli di alcuni principi di base di verifica dei fatti per ridurre il rischio di finire vittima di fake news. In un mondo sempre più connesso e caratterizzato da un naturale aumento della disinformazione è quindi importante conoscere e applicare delle semplici regole per mitigare i rischi presenti sul web e per valutare l’attendibilità delle informazioni presenti sui social media.

Il fact-checking alla portata di tutti

Tra le attività, generiche ed eseguibili da quasi tutti gli utenti di internet, che riguardano il fact-checking rientrano innanzi tutto la consultazione di elenchi di siti già noti per la pubblicazione di notizie false, cioè dei veri e propri database sui principali indirizzi fornitori di fake news. Si riporta, a titolo di esempio, “False, Misleading, Clickbait-y, and/or Satirical “News” Sources” una lunga lista, che include anche suggerimenti per analizzare le fonti, realizzata dalla Melissa Zimdars, Professoressa di Comunicazione e Media presso il Merrimack College di Boston o Snopes‘ Field Guide to Fake News Sites and Hoax Purveyors. Svolgere una simile azione permette però di individuare esclusivamente i siti che notoriamente diffondono contenuti inattendibili. Ciò non toglie che le notizie false possono apparire o essere condivise nuovamente su siti notoriamente più affidabili o sui social media, rendendone ancor più complessa la verifica.

WHITEPAPER
Sai come implementare una rivoluzione dell’IT che parte dai processi più profondi?
Digital Transformation
Software

In sostanza, i fattori da tenere in considerazione per valutare l’attendibilità di una informazione sono la verifica del sito che l’ha riportata e dell’autore, delle fonti a supporto della notizia e della data di diffusione della stessa.

Esistono infatti delle vere e proprie checklist contenenti criteri di valutazione utili per giudicare una notizia. Il test CRAAP (Currency, Relevance, Authority, Accuracy, Purpose), ad esempio, presenta una lista di domande per aiutare l’utente nella verifica di una informazione online.

Un secondo test, analogo al CRAAP, è il PROVEN (Purpose, Relevance, Objectivity, Verifiability, Expertise, Newness) progettato per aiutare gli utenti a determinare se le fonti di informazione utilizzate siano o meno credibili.

Come orientarsi nella disinformazione social

Le attività e gli strumenti appena descritti possono risultare molto utili ma possono essere impiegati esclusivamente se l’utente è a conoscenza della fonte. Diventa più complesso effettuare fact-checking riguardo le informazioni presenti sui social media. Eppure, è ugualmente possibile attuare dei piccoli accorgimenti per verificare se i post, gli articoli e le dichiarazioni pubblicati in un social media siano corretti. È possibile, infatti, individuare alcuni principi di base del fact-checking che possono essere applicati a qualsiasi informazione postata nella rete.

L’originalità del contenuto

Un primo fattore da tenere a mente è l’originalità del contenuto condiviso sui social. È molto probabile che i post contenenti fake news siano accompagnati da immagini o video fuorvianti, estrapolati dal contesto o semplicemente falsi. A tale riguardo è possibile utilizzare delle semplici piattaforme di ricerca di immagini per comprendere se queste siano state impiegate in precedenza online. Sempre riguardo a contenuti quali immagini e video, che risultano i contenuti più incisivi presenti sui social media, bisogna considerare sia la piattaforma sulla quale è avvenuta la condivisione che l’utenza che l’ha effettuata mediante le checklist descritte in precedenza. Esistono infatti utenze che vengono impiegate esclusivamente per condividere fake news su piattaforme che spesso si mostrano conniventi con la diffusione di notizie false.

Verificare la veridicità di foto e video

Oltre alle attività appena descritte, di semplice realizzazione, è possibile svolgere una serie di azioni più complesse. Ad esempio, cercare di comprendere dove è stata scattata una foto o registrato un video può rappresentare un ottimo modo per verificare la veridicità delle informazioni. Dopo la geolocalizzazione, è tecnicamente possibile risalire anche alla cronolocalizzazione per determinare l’ora in cui un evento è accaduto. Come molto spesso accade, infatti, le foto e i video a sostegno delle fake news sono stati ripresi in un momento precedente, anche di molti mesi, rispetto a quanto dichiarato nei social media. Tale discrepanza temporale potrebbe essere sufficiente a dimostrare la falsità di una notizia, o quanto meno l’imprecisione.

Chi è l’autore della condivisione

Infine, ma non meno importante, è sempre necessario tenere a mente chi è l’autore della condivisione sul social media al fine di comprendere quale potrebbe essere la sua motivazione. Gli utenti sono soliti condividere media online per le ragioni più disparate, dalla promozione del proprio punto di vista politico o personale fino alla consapevole diffusione di fake news.

Un’indagine approfondita su una foto, un video o semplicemente un post condiviso sui social può richiedere, nei casi più complessi, anche diversi mesi di ricerche. Se è vero che casi di questo genere sono estremamente rari in quanto non è facile realizzare fake news così complesse, è vero anche che l’utente medio non ha i mezzi e il tempo per condurre una ricerca approfondita in tal senso. In aggiunta, bisogna considerare che una risposta binaria riguardo la veridicità di una fonte o di una notizia non è sempre raggiungibile. Nonostante ciò, l’uso delle tecniche appena descritte è un buon punto di partenza per l’utente e gli consente di non cadere vittima della disinformazione nella maggior parte dei casi.

Prestare la massima attenzione ai dettagli

In ultima analisi, risulta di vitale importanza prestare la massima attenzione ai dettagli. Nello specifico può risultare utile osservare se su un sito o su un post condiviso sono presenti informazioni incongruenti rispetto all’evento descritto, un falso logo di fact-checking, nonché se sono presenti numerosi errori di ortografia. Per quanto banale come indizio, gli errori ortografici sono, molto spesso, sintomo di fake news di provenienza estera che sono state tradotte o adattate ad un nuovo contesto linguistico; lo stesso identico meccanismo viene infatti impiegato per la redazione delle mail di phishing.

L’attenzione ai dettagli potrebbe quindi risultare la vera arma per combattere le fake news online. In ogni caso, se con i vari strumenti descritti si dovesse incappare in siti o post contenenti fake news, è buona norma effettuare una segnalazione all’apposito servizio, ormai presente in ogni social media.

Infatti, se è vero che la proliferazione delle fake news è aumentata negli ultimi anni e sembra destinata a crescere ancora, è vero anche che tale fenomeno ha portato ad un aumento esponenziale di siti di fact-checking e debunking, cioè quei siti che si occupano di smentire le notizie false fornendo una descrizione circostanziata e reale di quanto accaduto.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati