furto di identità

Phishing: come riconoscerlo e gli strumenti per difendersi

Il phishing è un metodo semplice, economico ed efficace, in quanto gli indirizzi e-mail sono facili da recuperare e inviare mail non costa nulla. Oltre agli indirizzi di posta elettronica, vengono usati anche altri mezzi per effettuare attacchi phishing: ecco a cosa prestare attenzione e cosa fare se si cade nel tranello

Pubblicato il 15 Dic 2022

Michele Vitiello

dottore in Ingegneria delle Telecomunicazioni, socio fondatore di ONIF, Perito del Giudice, CTU, Consulente della Procura della Repubblica

deep

Nel panorama dei rischi associati all’utilizzo di internet, tra le minacce più conosciute e diffuse rientra il furto di identità. Si parla di furto di identità quando un malintenzionato utilizza i dati personali di un individuo per impersonificare soggetti terzi, al fine di effettuare acquisti, prestiti o riscuotere crediti oppure per commettere reati come truffe, accedere ad account privati o per offendere e danneggiare la reputazione di qualcuno.

Uno dei metodi più utilizzati per effettuare il furto dell’identità è attraverso il phishing, questa è una tecnica fraudolenta caratterizza dall’abilità di ottenere informazioni confidenziali con pretesti fuorvianti attraverso l’uso combinato di strumenti tecnologici/digitali e maestria ingannevole.

Ecommerce: consigli utili per acquistare in sicurezza su Internet.

Cos’è il phishing

Fondamentalmente, il phishing è un attacco informatico nel quale viene inviata una e-mail malevola scritta appositamente con lo scopo di spingere la vittima a cadere in una trappola. Spesso l’intento è portare gli utenti a rivelare informazioni bancarie, credenziali di accesso o altri dati sensibili.

WHITEPAPER
Rendi smart la tua azienda con due tecnologie inedite
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Il phishing è un metodo semplice, economico ed efficace, in quanto gli indirizzi e-mail sono facili da recuperare e inviare mail non costa nulla.

Oltre agli indirizzi di posta elettronica, vengono usati anche altri mezzi per effettuare attacchi phishing, articolandolo così in diverse varianti:

  • Lo smishing, nel quale vengono utilizzati messaggi SMS, i truffatori spingono gli utenti ad accedere a siti web malevoli dai propri smartphone;
  • Il vishing prevede l’utilizzo di una telefonata in cui il cybercriminale, con la scusa di offrire un servizio o prestare un intervento tecnico, cerca di ottenere indirettamente delle informazioni riservate inducendo il malcapitato a eseguire delle operazioni mirate alla realizzazione della truffa stessa;
  • Lo spear phishing dove vengono creati messaggi mail altamente personalizzati che i truffatori scrivono servendosi di informazioni pubbliche raccolte sulla vittima, come il campo lavorativo, il ruolo in azienda, gli interessi che coltiva, la zona in cui abita, informazioni fiscali e ogni altro dato che può emergere dai social network. Tali dettagli rendono le e-mail credibili agli occhi delle vittime ed aumentano la probabilità che l’utente apra il link o gli allegati malevoli.

Le informazioni a cui i criminali sono interessati includono dati bancari, sanitari, aziendali, oppure anche per avere accesso ad account social o aziendali per ottenere privilegi di accesso e modifica.

Pagamenti online: truffe e rischi privacy (anche col riconoscimento biometrico)

Come riconoscere le email di phishing (occhio agli allegati)

Nelle e-mail di phishing c’è quasi sempre la paura e il senso di urgenza, spesso viene detto che l’account è stato bloccato e che bisogna eseguire immediatamente determinate azioni per evitare eventuali complicazioni. Lo scopo è quello di persuadere l’utente nel compiere azioni ingannevoli o nello scaricare allegati malevoli. Gli allegati condivisi potrebbero essere:

  • Link malevoli che rimandano a pagine web fake, all’apparenza questi siti web appaiono in tutto e per tutto identici a quelli originali, attraverso l’utilizzo delle stesse immagini, loghi e font. L’obiettivo è quello di far credere alla vittima che si tratti della piattaforma legittima. In realtà questi sono realizzati con lo scopo di salvare e memorizzare l’username e la password dell’utente una volta che questi vengono inseriti all’interno degli appositi campi;
  • Allegati malevoli, all’apparenza sembrano normali allegati, in realtà sono infettati con malware in grado di compromettere il sistema e i file della vittima. Spesso si tratta di malware di tipo ransomware o keylogger;
  • Moduli di compilazione falsi, questi spingono gli utenti a fornire informazioni sensibili, come numero di telefono, carta di credito, account personali.

Di seguito viene riportato un esempio di una mail di phishing inviata dalla società American Express.

10 Phishing Email Examples You Need to See

Nella figura sono stati evidenziati gli elementi che contraddistinguono oltre ogni ragionevole dubbio la presenza di una mail di phishing rispetto a una legittima. Innanzitutto, l’indirizzo e-mail del mittente non risulta conforme agli standard aziendali, in quanto mancante del nome proprio della società, in secondo luogo l’assenza del nome personale del destinatario e infine il senso di urgenza e paura instaurato al fine di reindirizzare l’utente sul “finto” portale per revisionare l’account.

Le strategie dei criminali del phishing

In un contesto attuale, la pandemia da Covid-19 ha portato ad un drastico aumento degli attacchi da phishing, tra i fattori che hanno contribuito a questa tendenza c’è stata la maggior diffusione dello smart working, della DAD e delle spese online, oltre alla spasmodica ricerca di informazioni riguardanti i contagi, le cure e i vaccini contro il coronavirus. Attraverso lo smart working e la didattica a distanza le persone non godevano delle stesse misure di sicurezza e filtraggio delle e-mail presenti normalmente in un’infrastruttura aziendale. Inoltre, con le limitazioni dovute al lockdown e alle misure di contenimento dei contagi, sempre più persone hanno iniziato a fare shopping online ordinando cibo su servizi di delivery. Durante la prima fase della pandemia sono stati in molti a ricevere sms ed e-mail contenenti informazioni su consegne di prodotti mai acquistati, in cui veniva richiesto all’utente di compilare dei moduli per riprogrammare l’appuntamento con il corriere, con l’obiettivo di rubare informazioni sensibili o indurre l’utente a scaricare software malevolo.

Inoltre, un altro elemento che ha alimentato ulteriormente questa minaccia è stata la morte della sovrana Elisabetta II nel settembre 2022. Tale è stato un accadimento epocale, che ha saputo conquistare l’attenzione di tutto il mondo, le notizie sono state al centro delle cronache e delle prime pagine delle principali testate d’informazione.

Ma oltre a sentimenti di dolore e di curiosità l’evento ha solleticato anche l’interesse di gruppi dediti al cybercrime. È stata infatti svelata una campagna di phishing che attraverso una serie di e-mail inviate da un account Microsoft fasullo, invitava i destinatari a prendere parte a un “memory board interattivo” creato per raccogliere ricordi e tributi in onore della defunta regina. Aprendo il link contenuto nell’email i malcapitati erano reindirizzati, secondo uno schema di attacco man-in-the-middle capace anche di aggirare la protezione dell’autenticazione a due fattori (MFA), verso una pagina mirata ad esfiltrare proprio le loro credenziali Microsoft.

Una strategia che, come osservato anche nel corso della pandemia da Covid-19, cavalca l’emotività individuale e globale suscitata da un evento di portata storica, e che, ancora una volta, evidenzia come l’anello debole della catena di sicurezza sia rappresentato dai sentimenti umani.

Come proteggersi dal phishing

Proprio per questo, per proteggersi contro questo tipo di minaccia, serve innanzitutto una formazione per l’aumento della consapevolezza del problema, sia per quanto riguarda l’ambiente personale che aziendale degli individui. Un modo per proteggere la propria organizzazione dal phishing è un’adeguata formazione specifica che coinvolge tutti i dipendenti, compresi i dirigenti di alto livello che spesso sono essi stessi un obiettivo. È importante insegnare loro come riconoscere una e-mail di phishing e cosa fare quando ne ricevono una. Altrettanto fondamentali sono le simulazioni di attacchi di phishing ai propri dipendenti da parte degli amministratori IT, è utile per valutare come i dipendenti reagiscono a un attacco nelle sue diverse fasi, per capire chi apre una determinata mail e attraverso quale tipo di allegato si cade più spesso nella trappola.

Si possono usare anche e-mail gateway che riescono ad individuare e classificare e-mail di phishing in base alla cattiva reputazione dei link contenuti. Sistemi più sofisticati identificano e-mail malevole tramite l’Analytics. Questa tecnologia ricerca pattern insoliti nel traffico di rete e testa i link contenuti nella mail per verificare se queste fanno partire download o sfruttano exploit nelle pagine web. Identificata una mail sospetta viene messa in quarantena per permettere agli amministratori di analizzarla.

Cosa fare se si cade nella trappola del phishing

Infine, nel caso in cui un attacco di phishing dovesse andare a buon fine è possibile attuare diverse azioni per analizzare la fonte dell’attacco e applicare metodi per mitigare i danni subiti. Con l’ausilio degli strumenti della digital forensics è possibile innanzitutto effettuare una copia forense del dispositivo e dell’account colpito, al fine di analizzare le e-mail, gli sms o le chiamate che hanno portato al compimento dell’attacco informatico.

Analizzarne i contenuti permetterebbe di identificare l’elemento malevolo e consentirebbe di allertare i colleghi della minaccia rilevata. Inoltre, attraverso appositi strumenti sarebbe possibile effettuare un’analisi di eventuali software spia presenti nel dispositivo colpito, che potrebbero essersi installati a seguito dell’apertura di link o dell’installazione di allegati malevoli.

Il furto di dati e i tentativi di raggirare le persone continueranno ad essere una minaccia nel panorama della digital innovation, ciò che è possibile attuare è l’implementazione di meccanismi di difesa sempre più avanzati e istruire le persone circa la prevenzione a tali attacchi e sul comportamento nel caso di violazioni.

WHITEPAPER
Smart Working: lo stato dell’arte e cosa succede con la fine dello stato di emergenza
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4