la lettura

Intelligenza artificiale, la grande speranza di sbloccare l’innovazione mondiale

A fronte di quella che da molti viene considerata una vera e propria stagnazione nella nostra capacità di generare nuove idee, l’intelligenza artificiale ci offre la promessa di un processo notevolmente accelerato. Ma quali sono le reali prospettive? Un estratto del libro di Martin Ford, Il dominio dei Robot (Il Saggiatore)

14 Lug 2022
Martin Ford

imprenditore della Silicon Valley e autore di best seller

deep fake_ intelligenza artificiale

Tra coloro che si potrebbero descrivere come «tecnottimisti» molti danno per scontato che viviamo in un’era caratterizzata da una sorprendente accelerazione tecnologica. L’innovazione, ci viene detto, è senza precedenti e segue una traiettoria esponenziale. Gli «accelerazionisti» più entusiasti – spesso accoliti di Ray Kurzweil, che ha codificato il concetto nella sua «legge dei ritorni acceleranti» – confidano che nel prossimo secolo assisteremo, secondo gli standard storici, all’equivalente di «circa 20.000 anni di progresso umano».[1]

L’intelligenza artificiale sarà indipendente dall’uomo: quali sfide normative

C’è vera innovazione al di fuori dell’ICT?

Un esame più attento, tuttavia, rivela che se da un lato l’accelerazione è stata reale, questo straordinario progresso è stato quasi del tutto confinato all’arena della tecnologia dell’informazione e della comunicazione. La narrazione della traiettoria esponenziale si applica alla storia della legge di Moore e del software sempre più capace che essa rende possibile. Al di fuori di questo settore, nel mondo composto da atomi piuttosto che bit, la storia dell’ultimo mezzo secolo o giù di lì è stata nettamente diversa. In settori come i trasporti, l’energia, l’edilizia, le infrastrutture pubbliche fisiche e l’agricoltura, il ritmo dell’innovazione non solo si colloca molto al di sotto di un livello esponenziale, ma potrebbe essere meglio definito come «stagnante».

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0

Se volete immaginare una vita segnata da un’innovazione incessante, pensate a qualcuno nato alla fine del xix secolo e che abbia vissuto gli anni Cinquanta o Sessanta. Questo individuo avrebbe assistito a trasformazioni sistemiche della società su scala quasi inimmaginabile: le infrastrutture per fornire acqua pulita e gestire le acque di scarico nelle città; l’automobile, l’aereo, la propulsione a reazione e di conseguenza l’avvento dell’era spaziale; l’elettrificazione e quindi l’illuminazione, la radio, i televisori e gli elettrodomestici che questa ha reso possibile; la produzione in serie di antibiotici e vaccini; un aumento dell’aspettativa di vita negli Stati Uniti da meno di cinquant’anni a quasi settanta.

Chi è nato negli anni Sessanta, al contrario, avrà assistito all’ascesa del personal computer e poi di internet, ma quasi tutte le altre innovazioni che avevano trasformato in maniera così radicale i decenni precedenti avrebbero visto nella migliore delle ipotesi solo progressi incrementali. La differenza tra l’automobile che guidate oggi e l’automobile disponibile nel 1950 non è semplicemente paragonabile alla differenza tra quell’automobile del 1950 e i mezzi di trasporto nel 1890. E lo stesso vale per una miriade di altre tecnologie distribuite praticamente in ogni aspetto della vita moderna.

Il fatto che tutti i notevoli progressi nell’ambito dell’informatica e di internet non siano, di per sé, all’altezza dell’aspettativa che il tipo di progresso su vasta scala visto nei decenni precedenti continuasse senza sosta viene sintetizzato da Peter Thiel in una famosa battuta: «ci avevano promesso macchine volanti e invece abbiamo ottenuto 140 caratteri».

Innovazione tecnologica vs stagnazione

La tesi secondo cui, a dispetto dell’accelerazione continua della tecnologia dell’informazione, abbiamo vissuto un’età di relativa stagnazione, è stata discussa approfonditamente dagli economisti Tyler Cowen, che ha pubblicato il suo libro The Great Stagnation nel 2011,[2] e Robert Gordon, che delinea un futuro molto pessimista per gli Stati Uniti nel suo testo del 2016 The Rise and Fall of American Growth.[3] Un argomento chiave in entrambi i libri è che i frutti sui rami più bassi dell’albero dell’innovazione tecnologica siano stati in gran parte raccolti intorno agli anni settanta. Il risultato è che ora ci troviamo in una bonaccia tecnologica caratterizzata da una lotta per raggiungere i rami più alti. Cowen è ottimista sul fatto che alla fine ci staccheremo dal nostro plateau tecnologico. Gordon, invece, lo è molto meno, suggerendo che anche i rami superiori dell’albero possano essere stati spogliati e che le nostre più grandi invenzioni siano ormai alle nostre spalle.

Nonostante io ritenga Gordon troppo pessimista, ci sono prove in abbondanza a indicare che un’ampia stagnazione nella generazione di nuove idee sia un dato di fatto. Un documento accademico pubblicato nell’aprile 2020 da un team di economisti di Stanford e del mit ha scoperto che in svariati settori la produttività della ricerca è nettamente diminuita. La loro analisi ha rilevato che l’efficienza con cui i ricercatori americani generano innovazioni «si dimezza ogni 13 anni», o in altre parole «solo per mantenere costante la crescita del pil pro capite, gli Stati Uniti devono raddoppiare la quantità di sforzi di ricerca ogni 13 anni per compensare l’aumento della difficoltà a trovare nuove idee».[4] «Ovunque guardiamo» scrivono gli economisti, «constatiamo che le idee, e la crescita esponenziale che queste implicano, stanno diventando sempre più difficili da trovare».[5] Ed è da notare che ciò si applica persino all’unica area che ha continuato a generare un coerente progresso esponenziale. I ricercatori hanno scoperto che «il numero di ricercatori necessari oggi per raggiungere il celebre raddoppio della densità dei chip» comportato dalla legge di Moore «è più di 18 volte superiore al numero richiesto all’inizio degli anni settanta».[6] Per comprendere il motivo di questa situazione occorre ricordare che prima di oltrepassare la frontiera della ricerca è necessario capire il livello cui è giunta la tecnica. Praticamente in ogni campo scientifico, ciò comporta l’assimilazione di una conoscenza molto più ampia che in passato. Ne consegue che l’innovazione ora richiede squadre sempre più numerose composte da ricercatori altamente specializzati, e coordinare i loro sforzi è intrinsecamente più complicato di quanto sarebbe in caso di un gruppo più piccolo.

[…]

Il ruolo dell’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale potrebbe rivelarsi il più potente strumento a nostra disposizione per sfuggire al plateau tecnologico. Questa, credo, è l’opportunità più importante per l’ia nel corso della sua trasformazione in risorsa onnipresente. Sulla lunga distanza, per quanto riguarda i livelli di benessere su cui ci siamo attestati e la nostra capacità di affrontare le sfide che ci attendono, conosciute o inaspettate che siano, niente è essenziale quanto l’ampliamento della nostra capacità collettiva di innovare e concepire nuove idee.

La più promettente applicazione a breve termine dell’intelligenza artificiale, e soprattutto del deep learning, nella ricerca scientifica potrebbe consistere nella scoperta di nuovi composti chimici. […]

Le batterie agli ioni di litio oggi indispensabili per dispositivi mobili e automobili elettriche, per esempio, sono il frutto di una ricerca avviata negli anni Settanta, ma che solo negli anni Novanta ha prodotto una tecnologia che ha potuto iniziare a essere commercializzata. L’intelligenza artificiale ci offre la promessa di un processo notevolmente accelerato. Sotto molti versi la ricerca di nuove molecole si presta in maniera ideale al deep learning; si possono preparare gli algoritmi in base alle caratteristiche delle molecole note per essere utili o, in alcuni casi, in base alle regole che governano la configurazione e l’interazione molecolari.[7]

[…]. Accelerare questo processo lascia sperare che si arrivi a ottenere materiali innovativi ad alta resistenza da utilizzare per macchine e infrastrutture, sostanze reattive da impiegare per batterie e fotocellule più avanzate, filtri o materiali assorbenti in grado di ridurre l’inquinamento e una gamma di nuovi farmaci con il potenziale per rivoluzionare la medicina.

Tanto i laboratori di ricerca universitari quanto un numero crescente di startup si sono rivolti con entusiasmo alla tecnologia di machine learning e già ricorrono a potenti approcci basati sull’ia per conseguire importanti scoperte.

[…]-

L’intersezione tra chimica e intelligenza artificiale: lo sviluppo di nuovi farmaci

Un approccio ancora più ambizioso prevede l’integrazione di software basato sull’ia e orientato alla scoperta di sostanze chimiche con robot in grado di eseguire esperimenti fisici in laboratorio.

Molte delle più entusiasmanti e ampiamente finanziate opportunità all’intersezione tra chimica e intelligenza artificiale vertono sulla scoperta e lo sviluppo di nuovi farmaci. Si stima che ad aprile 2020 ci fossero almeno 230 startup concentrate sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale finalizzata alla ricerca di nuovi prodotti farmaceutici. Daphne Koller, docente a Stanford e cofondatrice della società di formazione online Coursera, è una dei massimi esperti al mondo nell’applicazione del machine learning alla biologia e alla biochimica. Koller è anche fondatrice e amministratrice delegata di Insitro, una startup della Silicon Valley fondata nel 2018, che ha raccolto oltre 100 milioni di dollari per realizzare nuovi farmaci utilizzando il machine learning.[8] Il rallentamento dell’innovazione tecnologica che affligge l’economia americana nel suo complesso è particolarmente evidente nell’industria farmaceutica. Ecco ciò che ha dichiarato Koller in un’intervista:

Il problema è che sta diventando sempre più difficile sviluppare nuovi farmaci: i tassi di successo della sperimentazione clinica si collocano tra il 4 e il 6%, mentre il costo di ricerca e sviluppo per lo sviluppo di un nuovo farmaco (al lordo delle imposte e tenuto conto dei fallimenti) si stima superiore ai due miliardi e mezzo di dollari. Il tasso di rendimento degli investimenti per lo sviluppo di farmaci decresce in modo lineare di anno in anno, e secondo alcune stime raggiungerà lo zero prima del 2020. Una spiegazione potrebbe consistere nelle maggiori difficoltà intrinseche attualmente incontrate dallo sviluppo di farmaci: molti (forse la maggior parte) dei «frutti sui rami più bassi» – in altre parole, i farmaci che hanno un effetto significativo su una vasta parte della popolazione – sono già stati scoperti. Se è così, la prossima fase di sviluppo dovrà concentrarsi su farmaci più mirati, i cui effetti possono variare a seconda del contesto e che si applicano solo a un sottoinsieme di pazienti.[9]

[…]

I frutti dell’uso del machine learning alla ricerca farmaceutica

Approcci come questo stanno già dando i loro frutti. Nel febbraio 2020, i ricercatori del mit hanno annunciato di avere scoperto un nuovo potente antibiotico utilizzando il deep learning. Il sistema di intelligenza artificiale costruito dai ricercatori è riuscito a vagliare più di cento milioni di potenziali composti chimici nell’arco di alcuni giorni. […]

Un altro importante traguardo, annunciato anch’esso agli inizi del 2020, proveniva dalla startup britannica Exscientia, che ha utilizzato il machine learning per scoprire un nuovo farmaco per il trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo. L’azienda sostiene che lo sviluppo iniziale del progetto ha richiesto solo un anno – circa il 20% del tempo tipico delle tecniche tradizionali – e afferma che si tratta del primo farmaco scoperto dall’intelligenza artificiale a entrare negli studi clinici.[10]

[…]

L’IA per orientarsi nel mare magnum delle pubblicazioni di ricerca

Oltre a utilizzare il machine learning per scoprire nuovi farmaci e altri composti chimici, la più promettente applicazione generale dell’intelligenza artificiale alla ricerca scientifica si può individuare nell’assimilazione e nella comprensione del sempre crescente numero di pubblicazioni di ricerca. Solo nel 2018, più di tre milioni di articoli scientifici sono apparsi in oltre 40.000 diverse riviste.[11] Orientarsi su una scala così ampia di informazioni supera a tal punto la capacità di qualunque essere umano che l’intelligenza artificiale è probabilmente l’unico strumento a nostra disposizione capace di condurre a una sorta di comprensione olistica.

[…]

Iniziative come queste hanno un enorme potenziale per imporsi come strumenti decisivi nell’accelerare la generazione di nuove idee. La tecnologia, tuttavia, rimane agli albori e il vero progresso richiederà probabilmente il superamento di almeno alcuni degli ostacoli verso un’intelligenza artificiale più generale. È facile immaginare che un sistema davvero potente possa assumere il ruolo di un assistente di ricerca intelligente per gli scienziati, offrendo la possibilità di impegnarsi in una vera conversazione, di interagire con le idee e suggerire in maniera attiva nuove strade per l’esplorazione.

Un approccio misurato e realistico

Ciò nonostante, penso sia importante mantenere un approccio misurato e realistico a ciò che potrebbe rivelarsi possibile. Niente di quanto detto implica che l’intelligenza artificiale si dimostri una panacea per un’innovazione sfrenata o che dovremmo aspettarci di raggiungere risultati coerenti in un lasso di tempo accelerato. La scienza, dopotutto, si basa fondamentalmente sulla sperimentazione, e condurre esperimenti e valutarne i risultati richiede tempo. In alcuni casi il metodo scientifico può davvero essere accelerato, forse attraverso l’utilizzo di robot da laboratorio o anche eseguendo alcuni esperimenti ad alta velocità in ambienti simulati.

In campi come la medicina e la biologia, tuttavia, gli esperimenti vengono condotti di frequente all’interno di organismi viventi, e qui il potenziale per accelerare in maniera drastica il processo è piuttosto limitato. Il successo della ricerca di vaccini contro il Covid-19 mette nitidamente a fuoco questa realtà. Gli scienziati sono stati in grado di individuare probabili vaccini già poche settimane dopo avere ricavato il codice genetico del virus. La lunga attesa per ottenere vaccini utili è stata dovuta quasi interamente alla necessità di test approfonditi sia sugli animali sia sull’uomo, insieme a quella di aumentare la capacità produttiva per produrre i miliardi di dosi necessarie. La verità è che, anche se avessimo avuto accesso a un’intelligenza artificiale davvero avanzata, di livello fantascientifico, non è affatto certo che la tecnologia ci avrebbe consentito di produrre un vaccino in un lasso di tempo notevolmente più breve. Questo è uno dei motivi per cui accolgo con scetticismo le dichiarazioni di Raymond Kurzweil, convinto che l’intelligenza artificiale porterà presto a un prodigioso allungamento della durata della vita umana. Anche se l’intelligenza artificiale aiuta a generare nuovi potenti idee in questo campo, come potremo testare la sicurezza e l’efficacia dei nuovi trattamenti senza dovere aspettare molti anni, o addirittura decenni, per avere risultati definitivi? Certo, ci si può aspettare molto da una riforma normativa in grado di semplificare l’approvazione di nuovi farmaci e cure, ma a conti fatti, persino gli scienziati più intelligenti e creativi devono aspettare di vedere le proprie idee comprovate da risultati sperimentali.

Note

  1. Ray Kurzweil, «The Law of Accelerating Returns», blog Kurzweil Library, March 7, 2001, www.kurzweilai.net/the-law-of-accelerating-returns.
  2. Tyler Cowen, The Great Stagnation: How America Ate All the Low-Hanging Fruit of Modern History, Got Sick, and Will (Eventually) Feel, Better, Dutton, 2011.
  3. Robert J. Gordon, The Rise and Fall of American Growth: The U.S. Standard of Living Since the Civil War, Princeton University Press, 2016.
  4. Nicholas Bloom, Charles I. Jones, John Van Reenen e Michael Webb, «Are ideas getting harder to find?», in American Economic Review, 110, 4, pp. 1104-1144 (aprile 2020), www.aeaweb.org/articles?id=10.1257/aer.20180338, p. 1138.
  5. Ibid., p. 1104.
  6. Ibid., p. 1104.
  7. Ibid.
  8. Simon Smith, «230 startups using artificial intelligence in drug discovery», blog BenchSci, aggiornato l’8 aprile 2020, blog.benchsci.com/startups-using-artificial-intelligence-in-drug-discovery.
  9. Dall’intervista dell’autore a Daphne Koller in Martin Ford, Architects of Intelligence, cit., p. 388.
  10. Richard Staines, «Exscientia claims world first as ai-created drug enters clinic», in Pharmaphorum, 30 gennaio 2020, pharmaphorum.com/news/exscientia-claims-world-first-as-ai-created-drug-enters-clinic.
  11. Sito web di Semantic Scholar, pagina consultata il 25 maggio 2020, pages.semanticscholar.org/about-us.
WHITEPAPER
Efficienza energetica nei processi produttivi: scopri come, grazie a Digitalizzazione e AI
Intelligenza Artificiale
IoT
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2