la riflessione

“Io sono Giorgia”: basta un meme per fare propaganda politica? Il caso

Può la diffusione di un meme aiutare a rendere simpatica l’immagine di Giorgia Meloni o piuttosto la ridicolizza com’era nelle intenzioni del brano? Prima di dare una risposta, proviamo a riflettere sullo spirito dei tempi, lo Zeitgeist e sull’atmosfera culturale stiamo respirando

11 Nov 2019
Davide Bennato

professore di Sociologia dei media digitali all’Università di Catania

iosonogiorgia

I meme politici aiutano a rafforzare l’immagine del politico o invece sono uno strumento di satira e critica ideologica? Per quanto banale possa sembrare la risposta: dipende dall’audience (e non solo).

Il caso “Io sono Giorgia”

In queste ultime settimane sta circolando in rete un video musicale prodotto da Mem & J, un duo di youtuber che nel loro canale – così descritto “Musica tamarra, trash e fatta da gente che non sa cantare” – si dilettano a trasformare spezzoni televisivi in tormentoni dance: da Wanna Marchi a Pamela Prati fino ad una versione trash di Gioca Jouer (chiamata, appunto, Gioca Trashè). Questo duo di creativi è diventato improvvisamente celebre in rete grazie ad un video pubblicato lo scorso 2 novembre dal titolo “Io sono Giorgia”, in cui prendono un pezzo del discorso tenuto da Giorgia Meloni durante la manifestazione promossa dalla Lega il 19 ottobre 2019 a piazza San Giovanni a Roma, e lo trasformano in un brano di musica dance molto orecchiabile che ormai sta circolando in rete da poco più di una settimana con diversi hashtag (#iosonogiorgia, #iosonogiorgiacontest, #genitore1genitore2).

WHITEPAPER
Scopri come ottenere un’architettura dati innovativa per tutta l’enterprise

Il video – grazie al contributo di Tommaso Zorzi volto dei reality Riccanza e Pechino Express – è diventato meme in quanto nelle più classiche strategie dello User Generated Content, gli utenti se ne sono appropriati – in particolare la comunità LGBT che pure veniva pesantemente criticata dalle parole originali della Meloni – e ne sono uscite diverse versioni: dalle ragazze di Non è la Rai che ballano il ritmo martellante del pezzo, ai Teletubbies che si muovono aggiungendo al tutto un’aria surreale, fino ad arrivare a citazioni cinematografico-televisive che vedono coreografie sulla base del brano di Mem & J fatte dai ragazzi di Friends, da Vince Vega e Mia Wallace – la celebre coppia di ballerini in Pulp Fiction – fino all’immancabile scena della scalinata del Joker di Joaquin Phoenix.

Il dibattito sui reali effetti del meme

Oltre alla componente web-folkloristica di tutta la vicenda, in rete è cominciato a innescarsi il dibattito sui reali effetti che il meme possa avere sui suoi – più o meno – ignari estimatori e condivisori: la sua diffusione aiuta a rendere simpatica l’immagine di Giorgia Meloni o piuttosto la ridicolizza com’era nelle intenzioni del brano?

Per rispondere a questa domanda ci dobbiamo rifare ad un dibattito classico delle scienze della comunicazione: l’efficacia della propaganda. Alle sue origini – intorno agli anni ’20 e ’30 del secolo scorso – l’idea chiave della comunicazione è che essa avesse un effetto molto potente su chi la subisse. La teoria dominante – in realtà una non-teoria in quanto più che altro frutto del buonsenso dei comunicatori dell’epoca – prendeva il nome di teoria ipodermica, ovvero la comunicazione agiva come una specie di ago che inoculava le opinioni direttamente nella testa delle persone. Il riferimento era la – presunta – efficacia della propaganda sia delle dittature – naziste, fasciste, comuniste – sia dei paesi democratici. Quando cominciarono a svilupparsi le prime ricerche sull’effettiva efficacia persuasoria dei media ci si rese conto che per tutta una serie di processi psicologici e sociali – esposizione selettiva, abilità critica, contatti interpersonali – era più facile che la propaganda fallisse piuttosto che raggiungesse i suoi obiettivi. Come avrà modo di sottolineare il sociologo Joseph Klapper nel tirare le fila alla miriade di ricerche di questo periodo storico, la comunicazione persuasoria agisce rafforzando le idee che le persone hanno invece che convertendo. Cosa possiamo desumere da tutto ciò nel caso del meme “Io sono Giorgia”? Che il meme ha effetti distinti a seconda del tipo di audience che intercetta.

Se qualcuno si riconosce nelle parole di Giorgia Meloni, allora il motivetto martellante “Io sono Giorgia” suona come un modo per rafforzare le proprie idee sulla correttezza dei valori dio-patria-famiglia, a cui la Meloni nel dire “sono una donna, sono una mamma, sono cristiana” fa ovviamente riferimento. C’è da dire però che se questi si fossero presi la briga di ascoltare tutto il brano originale, si sarebbero resi conto che con un opportuno gioco di remix e montaggio Mem & J fanno dire alla Meloni “Noi non siamo persone, siamo LGBT: io non credo in uno stato che mette il desiderio di Giorgia di fronte al diritto di un omosessuale. Uno stato giusto si occupa del più debole”.

Invece per coloro che non si riconoscono nelle parole della leader di Fratelli d’Italia, il brano suona palesemente come una satira del discorso politico a cui si ispira, tanto più che a renderlo virale è stata proprio la comunità LGBT.

Inoltre per coloro che apprezzano la cultura dancefloor del brano, tutta la componente politica viene presumibilmente disinnescata lasciando solo l’apprezzamento per il 4/4 martellante di genitore 1/genitore 2.

Il meme e lo Zeitgeist

Un discorso diverso va fatto per chi non ha le idee chiare sui valori espressi dal discorso della Meloni. In questo caso è possibile rappresentare le reazioni degli indecisi come delle strategie di auto-collocamento lungo un continuum che si muove tra due scenari polarizzati: da un lato chi è incuriosito dal conoscere il discorso completo e si scopre sostenitore della Meloni, dall’altro chi nell’apprendere il discorso nel suo complesso scopre che la visione del mondo della Meloni non lo rappresenta.

In questi scenari – però – entra un elemento sostanzialmente nuovo: è lo spirito dei tempi, lo Zeitgeist volendo usare un’espressione culturale ottocentesca. Detto molto schematicamente: in un mondo in cui assistiamo a gravi gesti di strisciante razzismo quotidiano, in cui un parlamento si trova diviso nel riconoscere l’importanza di una commissione contro l’odio, in cui una senatrice a vita sopravvissuta alla Shoah si trova costretta ad avere una scorta armata per via delle minacce subite in rete, allora sentire un motivetto dance che banalizza un tema importante come il rispetto dei diritti altrui, tutto sommato può sembrare una posizione piuttosto plausibile.

Pertanto non chiediamoci qual è l’effetto del meme sulle prossime elezioni politiche, ma che tipo di atmosfera culturale stiamo respirando per considerare un brano musicale satirico come un attacco alla concezione inclusiva di democrazia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati