fake news

La crociata dei social contro i profili falsi, in nome della democrazia

Di fronte alla dilagante disinformazione i social dovrebbero intensificare gli sforzi, mettendo in secondo piano le preoccupazioni sulla compressione della libertà di parola e prendendo atto che la proliferazione di account falsi e la crescente diffusione di fake news incide sulla stabilità della società e della democrazia

05 Gen 2021
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

fake-5205183_1280

La guerra dei social contro i profili social falsi, che disseminano disinformazione, è forse come svuotare il mare con un secchiello.

Si arriva forse a questa consapevolezza, alla luce di alcuni dati recenti, che mostrano un paradosso. E cioè che anche a fronte della rimozione di miliardi di account, c’è ancora molta difficoltà nell’individuare gli account falsi soprattutto creati manualmente perché risultano più credibili e quindi difficilmente identificabili come abusivi.

La risposta dei social al problema dei falsi account

In particolare, secondo quanto riportato dal “The New York Times”, i social hanno cancellato negli ultimi mesi più di un miliardo di account falsi. Eppure la disinformazione resta e addirittura cresce, come riportano i numeri dell’aumento di contenuti legati a Qanon.

WHITEPAPER
Le 7 tipologie di Customer Journey Map che devi conoscere!
Marketing
Advertising

Ma davvero i social network possono rimuovere gli account falsi con tale facilità di identificazione e, in un certo senso, anche andando contro i propri interessi commerciali che presuppongono il raggiungimento di elevate percentuali di iscrizioni alle proprie piattaforme al fine di massimizzare i profitti legati alle attività business dell’advertising online?

In realtà, sembrano prospettarsi concreti dubbi sull’effettiva entità dei dati statistici che risulterebbero “gonfiati”, se si considera che “Facebook ha dichiarato di aver bloccato 4,5 miliardi di account nei primi nove mesi dell’anno e di aver individuato più del 99% degli account falsi prima che gli utenti potessero segnalarli” (corrispondenti a quasi il 60% della popolazione mondiale).

L’aumento esponenziale di account falsi

Dal punto di vista tecnico, nella maggior parte dei casi, i cosiddetti “fake account” sono generati da bot automatici che vengono creati da sofisticati programmi con l’intento di favorire la viralizzazione delle discussioni online su determinati post o argomenti tematici costantemente condivisi dagli utenti (secondo alcuni studi, ad esempio, più della metà degli account Twitter che parlano di COVID-19 sono bot).

L’aumento esponenziale di account falsi che risultano registrati sui social network, al netto degli sforzi intrapresi nel tentativo di identificarli e bloccarli già durante la fase di iscrizione, conferma un dato – perlopiù sovrastimato – decisamente preoccupante: circa il 5% degli utenti mensili di Facebook, ad esempio, è costituito da account falsi, destinati ad incidere sulle frequenti ondate di contenuti falsi e fuorvianti veicolati per il tramite dei social network (non a caso, sulla scorta di tali interventi di controllo, recentemente, proprio Facebook ha dichiarato di aver rimosso circa 7 milioni di contenuti di incitamento all’odio per violazione delle proprie politiche aziendali, di cui oltre l’80% è stato rilevato prima della visualizzazione da parte degli utenti).

Ciò risulta dai dati pubblicati nell’ambito del Community Standards Enforcement Report (CSER), da cui si evince un incremento della capacità tecnologica della piattaforma nella rapida identificazione degli account falsi in grado di prevenire possibili danni ed evitare di agire su account validi e autentici registrati erroneamente dall’utente.

Il sistema di classificazione degli account fake di Facebook

In particolare, Facebook utilizza sistemi di apprendimento automatico che consentono di riconoscere gli account classificati in modo errato dagli utenti (profili personali di aziende o animali domestici che devono essere convertiti in pagine) e di identificare le violazioni più gravi realizzate mediante profili personali che, essendo registrati al fine specifico di commettere truffe e spam, devono essere rimossi il più rapidamente possibile prima che diventino attivi nella condivisione dei contenuti, con il rischio di danneggiare gli utenti reali.

Più precisamente, il sistema di classificazione predisposto da Facebook può identificare quattro tipi di profili falsi:

  • account illegittimi non rappresentativi della persona,
  • account compromessi di utenti reali che sono stati rilevati da aggressori,
  • spammer che inviano ripetutamente messaggi e
  • truffatori che manipolano gli utenti nella divulgazione di informazioni personali.

Pertanto, grazie all’uso di algoritmi di rilevazione si procede, già in fase di registrazione, al blocco della creazione degli account falsi così da impedire da subito di accedere alla piattaforma sociale. I sistemi tecnologici di controllo cercano anche potenziali account falsi non appena si registrano, individuando segnali di comportamenti dannosi desumibili da indirizzi e-mail sospetti o da altre azioni equivoche che ne consentono l’immediata disabilitazione prima di causare danni. Ulteriori account possono essere cancellati a seguito delle segnalazioni inoltrate direttamente dagli utenti sollecitati a collaborare attivamente nell’individuazione di fake account.

Nonostante ciò, i social network hanno ancora molta difficoltà nell’individuare gli account falsi.

Anche per tale ragione, Facebook ha implementato il proprio sistema di rilevazione degli account falsi, perfezionando il livello dei propri algoritmi per combattere la disinformazione online mediante il cosiddetto “Temporal Interaction EmbeddingS (TIES)” in grado di monitorare le peculiari reazioni interattive generate da fake account rispetto al tradizionale flusso riferibile a post e profili “normali”, in modo da poter mettere in evidenza con maggiore facilità i comportamenti legati a entità non autentiche (il modello TIES di Facebook, ha esaminato 2,5 milioni di account con un rapporto 80/20 reali/falsi) e 130.000 post, di cui circa il 10% sono etichettati come disinformazione).

Conclusioni

Di fronte al dilagante rischio di una crescente disinformazione online, i social network dovrebbero intensificare ancora di più i propri sforzi, mettendo in secondo piano le proprie “teoriche” preoccupazioni sulla compressione della libertà di parola, in modo da prendere concretamente atto che la proliferazione di account falsi incide sulla progressiva diffusione di informazioni false e fuorvianti al punto tale da compromettere la stabilità generale della società e dei circuiti democratici dei sistemi politici a causa di preoccupanti “effetti collaterali” provocati dal business particolarmente redditizio su cui si basa il funzionamento degli algoritmi di viralizzazione dei contenuti in grado di alimentare divisioni, caos e bugie come diretta conseguenza della circolazione senza controllo di contenuti falsi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4