L'ANALISI

E-Fattura B2B, obbligare le aziende è inutile

L’obbligo di fatturazione elettronica B2B sarebbe troppo invasivo per le imprese, meglio continuare con le semplificazioni e la trasparenza fiscale per incentivarle a percorsi di digitalizzazione che riguardino l’intero ciclo procure to pay

04 Apr 2017
Irene Facchinetti

direttore Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione del Politecnico di Milano

b2b_507473278

A due anni dall’obbligo di introduzione nelle relazioni tra le Pubbliche Amministrazioni e i propri fornitori, la Fatturazione Elettronica è oggi nuovamente sotto i riflettori: in un contesto diverso, quello del B2b. Il 31 marzo 2017, è bene sottolinearlo, non ha certamente segnato il termine entro cui le imprese potevano scegliere di fare “Fatturazione Elettronica B2b”, bensì il termine per instaurare, a partire dall’esercizio in corso, un nuovo rapporto – più trasparente e collaborativo – con l’Amministrazione Finanziaria. Le imprese che non hanno aderito, di fatto, hanno rinunciato alla possibilità per il 2017 – eventualmente esercitabile per il 2018 entro il 31 dicembre 2017 e per gli anni successivi con la medesima scadenza – di optare per il regime premiale di trasmissione dei dati delle fatture e dei corrispettivi, previsto dal Decreto Legislativo 127 dell’agosto del 2015. Rinunciando, così, per l’esercizio corrente, ai principali vantaggi fiscali previsti: rimborsi IVA prioritari e riduzione di due anni dei tempi di accertamento (nel caso di completa tracciabilità dei pagamenti per importi superiori a 30 euro).

Se la Fatturazione Elettronica tramite il Sistema di Interscambio – il “postino” digitale introdotto dal Legislatore per la veicolazione di fatture elettroniche alle Pubbliche Amministrazioni – è uno degli strumenti a disposizione dei contribuenti per realizzare il “nuovo” rapporto con l’Amministrazione Finanziaria, certamente il suo utilizzo non è precluso a tutte le altre imprese. A partire dal primo gennaio, infatti, il SdI è aperto alle relazioni tra privati: tutte le imprese, di fatto, hanno a disposizione un ulteriore strumento, che si aggiunge alle soluzioni (come l’EDI o i Portali B2b) che possono utilizzare da molteplici anni, per scambiare fatture in formato elettronico strutturato con i propri partner di business. Oltretutto, una qualsiasi impresa che decida di trasmettere e ricevere le proprie fatture attraverso il SdI, potrà godere del vantaggio di assolvere automaticamente l’obbligo di comunicazione dei dati, che saranno direttamente accessibili dall’Amministrazione Finanziaria.

Anche dopo il 31 marzo, quindi, le imprese potranno valutare se utilizzare il SdI come canale per la veicolazione delle proprie fatture – nel Tracciato FatturaPA – coinvolgendo i propri partner di business e sondando fattivamente la possibilità di instaurare con essi un dialogo digitale (e trasparente verso l’Agenzia delle Entrate). Un reale dialogo digitale che possa essere vantaggioso per tutte le controparti coinvolte: per il fornitore che ha così la possibilità di provare a uniformare il proprio ciclo attivo, di eliminare alcuni costi di trasmissione e di conservazione cartacea dei propri documenti fiscali; per il cliente che può attivare un processo di digitalizzazione del proprio ciclo passivo, ricevendo un flusso di dati che può integrare direttamente con i propri sistemi gestionali; per l’Amministrazione Finanziaria che riceve così i dati in un formato facilmente gestibile e riesce a effettuare controlli incrociati e mirati, oltre a instaurare un rapporto collaborativo e di servizio alle imprese.

Evidentemente – vista anche la limitata adesione da parte delle imprese – la scelta di fare Fatturazione Elettronica B2b non dipende però soltanto dagli incentivi fiscali (oltretutto, attualmente, non così significativi) messi in campo dal Legislatore. Se la fattura è certamente un documento fiscale – motivo per cui il Legislatore ha la possibilità di incidere – è anche, e soprattutto, un documento cardine di una relazione commerciale: caratterizzata da esigenze specifiche e variegate, dipendenti dal settore di appartenenza, dalla dimensione degli attori coinvolti, da determinate abitudini di pagamento ecc. Un percorso di introduzione della Fatturazione Elettronica e della completa Digitalizzazione del Ciclo Procure-to-Pay dipende necessariamente dalla capacità di cogliere e rispettare esigenze e peculiarità che caratterizzano ogni relazione commerciale. Proprio per questo, oggi la Fatturazione Elettronica – e, più in generale, la Digitalizzazione del Ciclo Procure-to-Pay – è diffusa principalmente in contesti di filiera o all’interno di ecosistemi in cui un’importante impresa ha potuto scegliere di trainare i propri partner di business. Nel 2015, sono circa 100.000 le imprese che hanno scambiato, tramite servizi EDI e Portali B2b, i principali documenti: all’interno di un tessuto economico quale quello italiano costituito da circa 5 milioni di Partite IVA, questa cifra è pari a solo il 2% delle imprese.

Guardando all’esperienza della Fatturazione Elettronica verso la PA, il Legislatore ha effettivamente dimostrato che tutti possono fare Fatturazione Elettronica. Sono oltre 900.000, infatti, le imprese che in due anni hanno inviato circa 60 milioni di fatture elettroniche alla PA tramite il SdI. Alla luce della prova di efficacia in termini di diffusione, sono molti a porsi la stessa domanda: sarebbe opportuno introdurre un obbligo di Fatturazione Elettronica anche nel B2b? A mio modo di vedere, l’obbligo non è la soluzione migliore per un’adozione consapevole e matura da parte delle imprese di soluzioni di Digitalizzazione: potrebbe innescare percorsi poco virtuosi e, in alcuni casi, addirittura “piegare” le imprese – in molti casi, le più piccole e deboli – che ancora non si sono attrezzate e preparate alla propria trasformazione digitale. Se l’obiettivo non è soltanto l’aumento del numero di utilizzatori, ma ottenere una pervasiva consapevolezza da parte delle imprese del valore del Digitale come leva competitiva, allora forse non è un intervento di imposizione “forte” ciò che serve. Il Legislatore può forse favorire le imprese, invece, nell’ottica di una maggiore semplificazione e sburocratizzazione: alcuni (timidi?) passi già sono stati compiuti in questa direzione, ma certamente si può fare ancora molto. E prevedere un piano ragionato di incentivi, è indubbio, potrebbe essere estremamente utile per una diffusione pervasiva a ogni livello, così che la Digitalizzazione (e, in particolare, la Digitalizzazione consapevole) non rimanga più affare solo per poche – e generalmente grandi – imprese.

Personalmente, continuo a vedere nella Fatturazione Elettronica uno stimolo significativo alla crescita digitale del Paese e alla crescita di competitività delle nostre imprese. Perché il Digitale significa un incremento in efficienza, una maggiore facilità di relazione, un’ottimizzazione dei processi dell’intero ciclo Procure-to-Pay. La Fatturazione Elettronica può rappresentare l’inizio di una trasformazione che può divenire realmente vitale per il nostro Paese: serve, però, la consapevolezza che la Fatturazione Elettronica non è importante solo per l’Amministrazione Finanziaria, bensì rappresenta un passo (di frequente il primo) per un percorso di evoluzione imprescindibile delle relazioni commerciali, vitale per ogni singola impresa.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2