Esperto risponde

Fattura elettronica, sanzioni e ravvedimento per l’invio oltre dodici giorni dall’emissione

È possibile regolarizzare il tardivo invio facendo ricorso al ravvedimento, potendo quindi usufruire della riduzione della sanzione di un nono se regolarizzata entro novanta giorni

13 Dic 2019
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Una fattura elettronica datata 10 novembre 2019 è stata inviata in data 5 dicembre 2019. L’importo Iva è di 440 euro, che sanzione devo pagare? Il mio consulente mi parla di 250 euro e mi sembra eccessiva. Sono un contribuente trimestrale

Gabriele Giovanni

RISPOSTA

WHITEPAPER
Sicurezza e strumenti digitali intelligenti: il nuovo volto dello Smart Working
Dematerializzazione
Network Security

Effettuando lei la liquidazione IVA su con periodicità trimestrale, il tardivo invio della fattura non avrà ripercussioni sulla liquidazione e sull’accertamento del tributo, per cui la misura della sanzione da lei indicata in 250 euro è corretta. Tenga presente che lei può regolarizzare il tardivo invio facendo ricorso al ravvedimento, usufruendo della riduzione della sanzione ad 1/9 se regolarizzata nel termine di 90 giorni (lettera a-bis comma 1 articolo 13 del Decreto legislativo 472/1997).

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2