Esperto risponde

Fattura PA, ecco come rimediare a un rifiuto e non sbagliare numerazione

La numerazione delle fatture elettroniche verso la PA deve essere progressiva: vediamo le regole per evitare errori nel dover rimediare a una fattura rifiutata

14 Apr 2020
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Ho emesso quest’anno per la PA due fatture elettroniche, la 1 PA  e la 2 PA. La 2 PA è  andata a buon fine mentre la 1 PA è stata rifiutata perché il CIG era sbagliato (era stato comunicato un CIG  sbagliato dalla stessa amministrazione pubblica al momento della firma del contratto).

Come posso rifare questa fattura in maniera corretta? La nuova fattura deve possedere la data e la stessa numerazione? Sono un artigiano con regime forfettario, senza iva. La 1PA è stata rifiutata circa un mese fa ed ancora non sono riuscito a rifarla. Devo rifarne un’altra ex novo chiamandola 3 PA oppure no?

Bartolomeo Ciccone

RISPOSTA

WEBINAR
Gestione documentale digitale di ultima generazione: opportunità e benefici
Dematerializzazione

La numerazione delle fatture deve essere progressiva. Essendo trascorso molto tempo dal rifiuto della fattura, le suggerisco di emettere la nuova fattura con data attuale e col numero 3PA. Resterà un “buco” nella numerazione che è giustificato dal punto di vista documentale dal rifiuto della fattura 1 PA.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4