LEGGE DI BILANCIO

Transizione 4.0, tutti gli incentivi previsti dalla manovra 2020

Con la nuova politica industriale il Governo punta a favorire l’innovazione in misura maggiore rispetto al passato. Ecco nel dettaglio i passaggi per accedere alle nuove agevolazioni fiscali a supporto della trasformazione digitale delle imprese

03 Mar 2020
Alberto Franco

professore a contratto di diritto tributario presso l'Università di Torino e Dottore Commercialista presso Fieldfisher Italia

Margherita Glisenti

CBA Studio Legale e Tributario

bonus formazione 4.0 potenziato - dl aiuti - industria 4.0

Il piano “Transizione 4.0 si prefigge di dotare l’Italia di una nuova politica industriale, più inclusiva e attenta alla sostenibilità. In particolar modo, secondo il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), i nuovi incentivi dovrebbero agevolare in misura maggiore rispetto al passato l’innovazione, gli investimenti green, le attività di design. Il tutto con una maggiore attenzione alle produzioni del made in Italy. Analizziamo tre incentivi particolarmente interessanti per la digital transformation delle imprese, introdotte dalla Legge di Bilancio 2020 in attuazione del piano.

Beni strumentali: il credito d’imposta

L’articolo 1, commi 184-197 della Legge di Bilancio, ha introdotto un credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali che sostituisce, per l’anno 2020, le agevolazioni del superammortamento e dell’iperammortamento introdotte negli anni precedenti.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

Tali agevolazioni si basavano, com’è noto, sull’incremento del costo d’acquisto del bene acquistato, per cui l’incentivo si concretizzava in sostanza nella maggiore deducibilità delle quote di ammortamento e il beneficio per l’impresa si manifestava lungo una pluralità di anni (caratteristica, quest’ultima, comunque mantenuta anche con riferimento alla nuova agevolazione, come vedremo).

A seguito dell’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2020, il meccanismo di incentivazione cambia sensibilmente: infatti, viene ora concesso un credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante il modello F24, in cinque quote annuali di pari importo e, per i soli investimenti in beni immateriali, in tre quote annuali; si può quindi notare, come accennato brevemente prima, che anche in relazione alla nuova agevolazione il beneficio per l’impresa viene recuperato in una pluralità di anni.

Nel caso di investimenti in beni materiali “ordinari”, il credito è utilizzabile a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di entrata in funzione del bene. Per gli investimenti nei beni “Industria 4.0” (i.e. beni di cui agli allegati A e B), il credito è invece utilizzabile a decorrere dall’anno successivo a quello dell’avvenuta interconnessione.

Occorre rilevare che il credito d’imposta è concesso in misura differenziata a seconda del tipo di bene strumentale acquistato.

I tre tipi di investimento agevolabili

Più in dettaglio, vi sono tre tipologie di investimenti agevolabili. Una prima tipologia è data dagli investimenti in beni materiali strumentali nuovi “ordinari”, che precedentemente potevano beneficiare del superammortamento. In questo caso il credito è riconosciuto nella misura del 6% del costo e nel limite massimo di costi ammissibili pari a 2 milioni di Euro. Il beneficio massimo per l’impresa potrà quindi arrivare fino a 120.000 Euro.

Una seconda tipologia di investimenti agevolabili concerne i beni materiali di cui all’allegato A alla Legge di Bilancio 2017, ovverosia quei beni che in precedenza erano oggetto dell’iperammortamento. Per tale tipologia di beni, il credito è significativamente più elevato rispetto ai beni “ordinari”; tale incentivo è infatti riconosciuto nella misura del:

  • 40% per investimenti fino a 2,5 milioni di Euro; e
  • 20% per la quota eccedente e fino al limite massimo di 10 milioni di Euro.

Nessuna agevolazione è invece prevista per la parte di investimenti che eccede il limite di 10 milioni.

Una terza tipologia di investimenti che beneficiano dell’agevolazione è costituita dai beni immateriali di cui all’Allegato B alla Legge di Bilancio 2017, ovverosia quei beni che potevano beneficiare della maggiorazione correlata all’iperammortamento. Per tali beni, il credito è riconosciuto nella misura pari al 15% del costo e nel limite massimo di costi ammissibili pari ad Euro 700 mila; il beneficio per l’impresa può quindi ammontare ad un massimo di 105.000 Euro.

Riguardo alla tempistica per beneficiare dell’incentivo in esame, sono agevolabili gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020. Sono inoltre agevolabili gli investimenti effettuati entro il 30 giugno 2021, a condizione che, entro la data del 31 dicembre 2020, il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

Bonus ricerca, sviluppo e innovazione

L’articolo 1 della Legge di Bilancio 2020 ha introdotto, con i commi dal 198 al 209, il nuovo Credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.0 ed in altre attività innovative che, per l’anno 2020, sostituisce il credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo disciplinato dall’ articolo 3, del Decreto Legge 145/2013, la cui efficacia cessa quindi anticipatamente rispetto ai termini di legge.

Il nuovo credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, mediante modello F24, in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione, e subordinatamente all’avvenuto adempimento degli obblighi di certificazione previsti.

Il bonus fiscale in esame è rivolto a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti e indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito d’impresa, ed è riconosciuto in misura differenziata a seconda del tipo di attività:

  • per le attività di ricerca e sviluppo, in misura pari al 12% della relativa base di calcolo, nel limite annuo massimo di 3 milioni Euro;
  • per le attività di innovazione tecnologica, in misura pari al 6% della relativa base di calcolo, nel limite annuo massimo di 1,5 milioni di Euro;
  • per le attività di innovazione tecnologica destinate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati in misura pari al 10% della relativa base di calcolo, nel limite annuo massimo di 1,5 milioni di Euro;
  • per le attività di design e ideazione estetica in misura pari al 6% della relativa base di calcolo, nel limite annuo massimo di 1,5 milioni di Euro.

Con un apposito decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, da emanare entro il 2 marzo 2020, saranno disciplinate la definizione delle attività e le disposizioni di attuazione dell’incentivo in parola.

Bonus formazione 4.0

Oltre agli incentivi sopra descritti, è necessario rilevare che la Legge di Bilancio (articolo 1, dal comma 210 al 217) ha prorogato la disciplina del credito d’imposta per la Formazione 4.0, prevedendo che l’incentivo trovi applicazione anche alle spese di formazione sostenute nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019 (i.e. per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare, l’anno 2020).

Inoltre, la Legge di Bilancio ha rimodulato i limiti massimi annuali dell’incentivo. A seguito di tali modifiche, pertanto, l’agevolazione per l’anno 2020 spetta a:

  • piccole imprese, nella misura del 50% delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di Euro 300 mila;
  • medie imprese, in misura pari al 40% delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di Euro 250 mila, in luogo del precedente limite di 300 mila Euro;
  • grandi imprese, nella misura del 30% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di 250 mila Euro, in luogo del precedente limite di Euro 200 mila.

La Legge di Bilancio ha eliminato inoltre l’obbligo di disciplinare in maniera dettagliata le attività di formazione nei contratti collettivi aziendali o territoriali depositati presso l’Ispettorato territoriale del lavoro competente, adempimento fino ad ora necessario al fine di poter fruire dell’agevolazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati