Privacy e conservazione dati

Accesso ai dati personali per attività giudiziarie e pubblica sicurezza: lo status di norme e giurisprudenza

Nei prossimi mesi l’attenzione dei legislatori e delle corti europee si concentrerà sul tema dell’accesso da parte delle autorità giudiziarie e di pubblica sicurezza ai dati personali, soprattutto quelli detenuti dai fornitori di servizi di comunicazione elettronica. Ecco gli sviluppi da tenere sott’occhio

20 Feb 2020
Luca Tosoni

avvocato e ricercatore presso l’Università di Oslo

dati data big data data scraping

Sono attesi a breve importanti sviluppi normativi in Europa sul tema dell’accesso ai dati personali da parte delle autorità giudiziarie e di pubblica sicurezza.

Tra questi si segnalano in particolare la probabile pubblicazione di una nuova proposta di Regolamento ePrivacy e l’avanzamento dei lavori sulle proposte legislative in materia di prova digitale (i cosiddetti Regolamento e Direttiva e-Evidence). Inoltre, si attendono nell’arco del prossimo semestre numerose sentenze della Corte di Giustizia dell’Unione europea in materia di conservazione ed accesso ai dati personali.

L’accesso ai dati personali per fini di pubblica sicurezza

Tema cruciale perché l’acquisizione di prove digitali come email e dati di traffico telefonico o telematico è sempre più importante per la salvaguardia della sicurezza nazionale e per la lotta contro la criminalità organizzata e il terrorismo.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Tuttavia, l’autorità giudiziaria spesso fatica ad ottenere tali dati, perché conservati all’estero o a causa di specifici limiti procedurali imposti anche per garantire la riservatezza delle comunicazioni e la tutela dei dati personali. Ciò preoccupa numerosi paesi europei che si sentono privati di uno strumento che ritengono indispensabile per la lotta al crimine.

E’ questo il senso delle numerose le iniziative legislative volte a regolamentare la conservazione e l’accesso ai dati personali secondo modalità che bilancino gli interessi di tutela della sicurezza pubblica con i diritti fondamentali alla riservatezza e alla protezione dei dati personali.

Le proposte legislative in discussione a livello europeo

Come detto sopra, le proposte legislative in materia di conservazione ed accesso ai dati personali di cui si sta discutendo a livello europeo sono numerose. Le principali sono contenute nel pacchetto sulle prove elettroniche (detto anche e-Evidence Package) il quale comprende, tra le altre cose:

  • una proposta di Regolamento che intende istituire ordini europei di produzione e di conservazione di prove digitali, ovvero decisioni vincolanti, emesse o convalidate dall’autorità giudiziaria di uno Stato membro, con cui si ingiunge ad un prestatore di servizi digitali operante all’interno dell’UE di produrre o conservare prove digitali;
  • una proposta di Direttiva che renderebbe obbligatorio per i prestatori di servizi digitali extra-europei di designare un rappresentante legale nell’Unione europea incaricato di ricevere gli ordini europei di produzione e di conservazione di prove digitali.

I negoziati sul pacchetto in questione si sono dimostrati particolarmente difficili, anche a causa del fatto che su numerosi punti il Consiglio e il Parlamento europeo hanno espresso posizioni diametralmente opposte. Tuttavia, far progredire i lavori rientra tra la priorità della presidenza croata del Consiglio (1 gennaio 30 giugno 2020). Si attende quindi a breve l’inizio del cosiddetto “trilogo”, ovvero il lavoro di confronto tra Commissione europea, Parlamento europeo e Consiglio per giungere ad una posizione condivisa sul pacchetto e-Evidence.

È quindi ragionevole attendersi importanti sviluppi nel corso del prossimo semestre.

Un’ulteriore priorità della presidenza croata è il cosiddetto Regolamento ePrivacy nel quale verranno fissati con tutta probabilità i limiti entro i quali gli Stati membri potranno imporre ai fornitori di servizi di comunicazione elettronica obblighi di conservazione di dati. A tale proposito, dopo aver riscontrata lo scorso novembre l’impossibilità di trovare un accordo sul testo del Regolamento in seno al Consiglio, è probabile che la Commissione pubblichi una nuova proposta di Regolamento a breve.

In parallelo, l’Unione europea sta negoziando con gli Stati Uniti i termini di un trattato internazionale che dovrebbe facilitare l’accesso da parte delle autorità europee ai dati conservati negli Stati Uniti e viceversa. Si tratta di un trattato di particolare importanza visto che i principali fornitori di servizi di comunicazione elettronica si trovano negli Stati Uniti, ed è quindi verso quel paese che vengono indirizzate la maggior parte delle richieste transfrontaliere di accesso ai dati. Anche su questo fronte è quindi legittimo attendersi sviluppi nei prossimi mesi.

Un’altra iniziativa in materia di accesso a prove digitali conservate all’estero da tenere a mente è quella che è stata attivata in seno al Consiglio d’Europa (che, è bene ricordare, non è un’istituzione dell’Unione europea, ma tutti gli Stati membri ne fanno parte). Attraverso la redazione di un protocollo addizionale alla Convenzione di Budapest sul crimine informatico del Consiglio d’Europa si vuole fare in modo di ottenere i dati relativi al traffico telefonico e telematico conservati all’estero in maniera meno dispendiosa e più veloce. I negoziati relativi a tale protocollo addizionale stanno procedendo a rilento, ma è previsto che si concludano entro dicembre 2020. È quindi probabile che la gran parte del lavoro di redazione del protocollo venga ultimata nei prossimi mesi.

Gli sviluppi giurisprudenziali da monitorare

L’importanza del tema e la diversità di approcci normativi adottati dagli Stati membri ha dato origine a una molteplicità di controversie davanti alla Corte di Giustizia Ue volte a verificare la compatibilità con il diritto dell’Unione di svariate normative nazionali in materia di accesso ai dati. Molte di queste controversie verranno decise dalla Corte nell’arco dei prossimi mesi, e visto che i legislatori europei tendono a codificare le decisioni della Corte quasi ogni volta che si trovano a legiferare su di un tema già affrontato dalla Corte, sarà importante seguire con particolare attenzione questi sviluppi giurisprudenziali, i quali influenzeranno con tutta probabilità i lavori relativi a tutte le iniziative legislative sopra menzionate.

Una prima serie di cause (causa C-623/17, Privacy International; cause riunite C-511/18, La Quadrature du Net e a., e C-512/18, French Data Network e a.; causa C-520/18, Ordre des barreaux francophones et germanophone e a.) riguarda principalmente l’applicabilità della Direttiva 2002/58/CE (cosiddetta Direttiva ePrivacy, antecedente normativo del Regolamento ePrivacy), e delle relative garanzie, a quei fornitori di servizi di comunicazione elettronica che sono obbligati per legge a conservare i dati dei propri abbonati e a consentire alle autorità pubbliche di accedervi, indipendentemente dal fatto che tali obblighi siano imposti per motivi di sicurezza nazionale. Recentemente, l’avvocato generale Campos Sánchez-Bordona ha suggerito alla Corte di rispondere in senso affermativo. Le sentenze della Corte in queste cause sono attese nei prossimi mesi e saranno fondamentali per determinare entro quali limiti gli Stati membri potranno imporre obblighi di conservazione dei dati ai fornitori di servizi di comunicazione elettronica, anche dopo l’eventuale entrata in vigore del Regolamento ePrivacy.

Un’altra causa di rilievo che verrà decisa a breve dalla Corte di Giustizia (causa C‑746/18, H.K. contro Prokuratuur) riguarda le condizioni di accesso ai dati relativi alle comunicazioni elettroniche da parte dell’autorità giudiziaria. Se la Corte deciderà di in linea con il parere da poco espresso dall’avvocato generale Pitruzzella, l’autorità giudiziaria potrà accedere ai metadati delle comunicazioni elettroniche anche per il perseguimento di reati non gravi, a condizione che le categorie di dati ed il periodo per il quale si richiede l’accesso non consentano di trarre conclusioni precise sulla vita privata delle persone a cui i dati si riferiscono. Anche in questo caso si tratta di un tema di fondamentale importanza ai fini dei negoziati relativi al Regolamento ePrivacy e alle altre proposte legislative discusse in precedenza.

Il tema del bilanciamento tra diritto alla privacy e legittimi obbiettivi di pubblica sicurezza verrà in parte affrontato dalla Corte anche nelle tanto attese sentenze sul trasferimento di dati personali negli Stati Uniti (causa C-311/18, Facebook Ireland e Schrems; causa T-738/16, La Quadrature du Net e a. / Commissione).

In ultimo, è bene ricordare come la Corte europea dei diritti dell’uomo abbia recentemente stabilito che imporre per legge alle compagnie telefoniche di registrare i nominativi di tutti gli acquirenti di carte SIM prepagate non è contrario al diritto alla riservatezza garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Si tratta anche in questo caso di una sentenza che andrà probabilmente ad influire sui negoziati sul Regolamento ePrivacy.

Conclusioni

In conclusione, il 2020 si prospetta come un anno all’insegna della regolamentazione della conservazione e dell’accesso ai dati personali ai fini della repressione dei reati. Come si è visto, sono numerose le iniziative legislative e gli sviluppi giurisprudenziali che gli addetti ai lavori e gli stakeholder interessati (in particolare, le aziende fornitrici di servizi di comunicazione digitali) dovranno seguire con attenzione nei mesi a seguire. È bene ribadire però come ciascuna delle iniziative segnalate non sia da analizzarsi in maniera isolata, ma nel contesto del più ampio progetto di riforma di settore che si è cercato di tratteggiare in questo articolo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4