gdpr

Privacy e web, l’errore di un consenso unico per più trattamenti

Prevedere un unico flag per chiedere all’utente di accettare, al tempo stesso, i termini e le condizioni e i trattamenti privacy è una prassi sempre più diffusa, ma del tutto illegittima e non in linea con il GDPR, essendo il consenso così raccolto né libero né tanto mento specifico. Ecco come tutelarsi

11 Feb 2020
Diego Dimalta

Studio Legale Dimalta e Associati

Una delle prassi più diffuse sul web è quella di prevedere un unico flag per chiedere all’utente di accettare, al tempo stesso, i termini e le condizioni e i trattamenti privacy.

Come vedremo, però, un consenso unico per una pluralità di trattamenti è illegittimo e non in linea col Gdpr poiché non permette all’utente di scegliere se prestare il consenso ad un trattamento piuttosto che ad un altro e obbligando l’Interessato ad accettare con una medesima azione, tanto il trattamento dati quanto i termini di utilizzo del servizio.

Vediamo, nel caso, come far valere i propri diritti.

Consenso, quando va bene un solo flag e quando no

Come noto, il consenso è solo una delle varie basi giuridiche utilizzabili a giustificazione del trattamento dati. Si tratta di una considerazione apparentemente banale ma che è sempre opportuno evidenziare in quanto permette di ricordare ancora una volta come, in presenza di altre basi giuridiche, il consenso non sia assolutamente necessario.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

In quest’ottica è sicuramente legittima la presenza di un solo flag nel caso di servizio web in cui oltre ai termini e condizioni di utilizzo, all’interessato viene comunicato che i dati vengono trattati in forza di altre basi giuridiche, ad esempio, per l’adempimento di obblighi contrattuali o per la soddisfazione di una richiesta precontrattuale. In casi simili, si potrà quindi chiedere di apporre una sola crocetta la quale, peraltro, non riguarderà il trattamento dati ma soltanto il contratto di fornitura del servizio web.

Differente è invece la situazione nel caso in cui la società Titolare intenda utilizzare i dati per una moltitudine di finalità quali, ad esempio, l’invio di newsletter commerciali per terze parti.

Per capirci, ipotizziamo che il sito di una testata giornalistica richieda l’iscrizione dell’utente al fine di poter accedere a contenuti extra rispetto a quelli accessibili senza abbonamento.

Il trattamento dei dati per la gestione dell’iscrizione dell’utente sarebbe “coperto” dalla base giuridica di cui all’art. 6 comma 1 b) in quanto “il trattamento è necessario all’esecuzione di un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso”.

Al momento dell’iscrizione non servirà quindi alcun flag per quanto riguarda questo specifico trattamento.

Eventualmente, potrà essere richiesto un flag per l’accettazione dei termini e condizioni di utilizzo della piattaforma che, è importante evidenziarlo, costituiscono di fatto le clausole contrattuali che disciplineranno il rapporto in essere tra l’utente e la piattaforma web.

Nel momento in cui però, al trattamento necessario per i motivi contrattuali si dovesse affiancare, ad esempio, una newsletter per scopi commerciali le cose si complicherebbero.

Ora, sulla base del Considerando 32 del GDPR è da ritenere che “il consenso dovrebbe essere prestato mediante un atto positivo inequivocabile con il quale l’interessato manifesta l’intenzione libera, specifica, informata e inequivocabile di accettare il trattamento dei dati personali che lo riguardano”.

Il consenso, come visto, deve quindi essere libero, specifico ed informato.

La presenza di un unico flag rispetta tali requisiti?

In primo luogo è da evidenziare che, come già avuto modo di approfondire esiste una sorta di contrasto tra Cassazione e Garante in merito alla possibilità per i Titolari del Trattamento di subordinare l’accesso ad un servizio principale all’apposizione di un consenso per servizi ulteriori. Secondo la Superema Corte difatti per il titolare sarebbe possibile obbligare l’utente interessato ad iscriversi, ad esempio, al servizio premium di un giornale, al conferimento di un consenso al trattamento dati per ricevere mail di carattere commerciale.

Di contro, la condivisibile opinione del Garante Privacy è invece quella di ritenere illegittima una simile prassi, dovendo il fornitore del servizio web rendere il consenso al trattamento ulteriore del tutto svincolato alla possibilità di accedere al servizio principale.

Per questa ragione è evidente come la predisposizione di un unico flag per l’accettazione dei terms e condition e per la prestazione del consenso privacy sia già di per sé in violazione del principio di libertà del consenso in quanto, capcae di vincolare il soggetto ad accettare obbligatoriamente con un unico flag sia i termini del contratto, sia il trattamento dei dati.

In tal senso il regolamento stabilisce che se l’interessato non dispone di una scelta effettiva, si sente obbligato ad acconsentire o subirà conseguenze negative se non acconsente, il consenso non sarà valido. Difatti, se il consenso è parte non negoziabile delle condizioni generali di contratto/servizio, si presume che non sia stato prestato liberamente.

Libertà e specificità del consenso

Non solo, le linee guida pubblicate dal Gruppo di Lavoro art. 29 (ora European Data Protection Board o Comitato europeo per la protezione dei dati)nel richiamare il GDPR, affermano:

“Per valutare se il consenso sia stato prestato liberamente è di rilievo l’articolo 7, paragrafo 4, del regolamento. L’articolo 7, paragrafo 4, indica, tra l’altro, che è altamente inopportuno “accorpare” il consenso all’accettazione delle condizioni generali di contratto/servizio o “subordinare” la fornitura di un contratto o servizio a una richiesta di consenso al trattamento di dati personali che non sono necessari per l’esecuzione del contratto o servizio. Si presume che il consenso prestato in una tale situazione non sia stato espresso liberamente”.

La presenza di un unico flag viola quindi sicuramente il principio di libertà del consenso, ma non solo.

E’ difatti da ritenere frustrato anche il principio che prevede la specificità del consenso.

L’articolo 6, paragrafo 1, lettera a) del GDPR prevede che il consenso dell’interessato venga espresso con riferimento a “una o più specifiche” finalità e che l’interessato deve poter scegliere in relazione a ciascuna di esse.

In tal senso, potrebbe difatti verificarsi l’ipotesi in cui un soggetto acconsenta, ad esempio, all’utilizzo di dati per profilazione ma non acconsenta all’invio di informazioni commerciali di terzi.

La specificità risponde proprio a questa esigenza di scegliere, tra una moltitudine, quali sono i trattamenti a cui acconsentire e quali invece no.

Il requisito del consenso specifico” mira a garantire un certo grado di controllo da parte dell’utente e trasparenza per l’interessato.

A tal proposito, le Linee Guida prevedono che “per rispettare l’elemento della specificità (“specifico”), il titolare del trattamento deve applicare:

  • la specificazione delle finalità come garanzia contro la “function creep”, ossia l’estensione indebita delle funzionalità;
  • la granularità nelle richieste di consenso, e
  • una chiara separazione delle informazioni sull’ottenimento del consenso per le attività di trattamento dei dati rispetto alle informazioni su altre questioni. “

Come difendere i propri diritti

Tornando all’oggetto della nostra trattazione è quindi da ritenere che un consenso unico per una pluralità di trattamenti, oltre che per l’accettazione dei termini e condizioni di servizio, sia assolutamente viziato, non permettendo difatti all’utente di scegliere se prestare il consenso ad un trattamento piuttosto che ad un altro e obbligando l’Interessato ad accettare con una medesima azione, tanto il trattamento dati quanto i termini di utilizzo del servizio.

Vediamo quindi che una simile prassi, seppur sempre più diffusa, risulta del tutto illegittima e non in linea con il dettato del GDPR, essendo il consenso così raccolto né libero né tanto mento specifico.

È quindi possibile segnalare tali episodi all’Autorità Garante, facendo valere i propri diritti sanciti dal Regolamento Europeo oppure, ancora meglio, è consigliabile orientare le proprie scelte di mercato abbandonando quelle piattaforme che si dimostrano poco sensibili a questi argomenti. Solo così facendo si può sperare in una sensibilizzazione “market oriented” da parte di chi, ancora oggi, purtroppo tende a sottovalutare l’importanza dei diritti riconosciuti ai cittadini europei dal GDPR.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati