Regolatori contro Google & Co: ecco la (bella) stagione nuova che potrebbe aprirsi

Dallo scontro in atto tra i regolatori americani ed europei (Antitrust e garante privacy insieme) e i giganti del web potrebbe affacciarsi una terza via del digitale: quella dello sviluppo economico e etico. Due cose di cui, specie in Italia, si sente molto bisogno. Ma la strada è ancora molto lunga. Ecco perché

06 Giu 2019
Rocco Panetta

Partner Panetta Studio Legale e IAPP Country Leader per l’Italia

GAFA-logos-3-640x480

Da settimane, mesi ormai, si rincorrono voci, comunicati stampa e commenti degli osservatori sulla concentrata attenzione dei regolatori sulle attività svolte dai leader nel mondo della rivoluzione digitale dell’ultimo decennio – i cosiddetti Over The Top (ultimissima notizia, l’azione di nove Paesi europei tra cui l’Italia alle rispettive autorità nazionali Antitrust – invece che ai Garanti Privacy – per la gestione automatizzata degli annunci pubblicitari in possibile violazione del Gdpr, NDR.).

E’ un fenomeno transitorio e per nulla idoneo ad incidere sugli equilibri (o squilibri) ormai consolidatisi a partire dall’ultimo decennio nel vasto mercato digitale oppure è un trend inarrestabile a cui gli OTT – e con loro tutto il mondo che gli ruota attorno, dall’advertisment al social, dal marketing al retail – dovranno adattarsi? Si tratta di un felice o infelice (a seconda dei punti di vista) risveglio dei regolatori o è normale amministrazione per autorità nazionali di controllo e garanzia articolate ed interconnesse a livello nazionale ed internazionale nel settore privacy e antitrust?

Come sempre quando ci si approccia a temi cosi complessi è d’obbligo la prudenza ed occorre stare lontani dal sensazionalismo.

Senza dubbio colpisce la ripetitività di azioni concentrate negli ultimi tempi e di relative sanzioni nei riguardi dei giganti del web, tanto a livello di Stati nazionali membri dell’UE (Italia, Germania, Francia, Irlanda, Spagna) quanto a livello centrale (EU Antitrust e EDPB); e questo solo per restare in Europa, senza contare le azioni in corso negli Usa, tanto ad opera della Federal Trade Commission quanto dal Department of Justice.

Il difficile mestiere del regolatore

La prima conseguenza immediata, in questi casi, è la flessione (in alcuni casi il crollo) in Borsa del valore delle azioni delle società scrutinate, il che potrebbe indurre a pensare anche a qualche ondata speculativa in danno agli OTT e alle economie e ai mercati che li sostengono. Oppure, si potrebbe pensare ad un tardivo, quanto legittimo, intervento delle principali Autorità preposte in Europa e USA.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Credo, francamente, che il sincronismo sia casuale, mentre la maturazione temporale un po’ ritardata rispetto alle aspettative dell’opinione pubblica sia fisiologica. I temi che ci impegnano sono difficilissimi ed ogni mossa d’autorità, se non ponderata e validamente “falsificata” – per dirla con Popper – più e più volte dai funzionari e dai tecnici dei garanti, rischia di creare i tipici danni dell’elefante in una cristalleria, con pericolosi effetti domino su tutta la filiera economica e produttiva su cui si regge la società contemporanea.

Ogni fascicolo, ogni procedura che viene aperta può richiedere mesi, in alcuni casi anni, prima di arrivare alla maturazione del provvedimento prescrittivo o inibitorio e, nei casi più gravi, alla irrogazione della sanzione.

Quando il Parlamento ed il Governo italiani, nei primi anni del 2000, decisero di abbandonare la vecchia legge sulla privacy, la legge n. 675/96, introducendo il Codice Privacy con il d.lgs. n. 196/2003, contemporaneamente rinforzarono il sistema sanzionatorio introducendo il meccanismo dei moltiplicatori della sanzione massima edittale, proporzionati fino a quattro volte in ragione di alcuni parametri oggettivi.

Nonostante ciò, ci volle quasi un decennio prima di vedere irrogata la prima sanzione milionaria da parte del Garante privacy – guarda caso proprio ad un OTT – e di certo non per sua inerzia o disattenzione, ma proprio in ragione del fatto che le azioni dei regolatori richiedono tempo, coordinamento internazionale e modalità opportune di dialogo con player di dimensioni spesso gigantesche e che producono valore e lavoro per decine di migliaia o centinaia di migliaia di individui. Senza contare il fatto che una azione non perfettamente orchestrata nei minimi dettagli da parte delle Autorità garanti genererebbe continui e costosi conteziosi per la collettività e gli operatori.

Tra i due litiganti potrebbe vincere la “terza via”

Certo non è semplice seguire in maniera lineare il ping pong virtuale tra Data Protection Authorities e Antitrust, nella doppia analisi focalizzata ora su presunti abusi di posizione dominante attraverso l’uso di dati personali, ora sui contenuti delle informative e sui presupposti di liceità del trattamento dei dati, che al tempo stesso possono generare alterazioni sulla capacità del consumatore di effettuare scelte consapevoli, non solo rispetto all’uso dei propri dati, ma anche con riferimento ad acquisti di beni e servizi.

E non credo sia semplice neanche per le stesse autorità rimanere serenamente nei confini delle proprie competenze, senza correre il rischio di generare costosi ed inefficienti bis in idem o di occuparsi di cose di cui hanno poca o nessuna competenza specifica.

Un dato è certo, l’eterno nodo gordiano relativo all’equilibrio tra diritti degli individui, rappresentati e tutelati anzitutto dalle Autorità preposte, e diritti ed interessi dei principali player economici, sta raggiungendo punte di inedita criticità, anche in ragione della disponibilità e duttilità delle tecnologie che ne caratterizzano le relative dinamiche.

Dall’inevitabile scontro potrebbe uscirne sconfitto uno dei due blocchi, con conseguenze in entrambi i casi devastanti. Ma si potrebbe anche affacciare una terza via del digitale, quella del bilanciamento di interessi contrapposti spesso ad arte e che se invece fossero adeguatamente contemperati, come peraltro Costituzione italiana e Trattati europei imporrebbero, e come da sempre ci ha insegnato il pensiero e l’azione di Stefano Rodotà, si aprirebbe la strada ad una stagione di sostenibile sviluppo economico ed etico della nostra società.

E mai come in questo momento, specie in Italia, abbiamo bisogno di entrambe le cose – sviluppo economico e crescita etica – cosi come abbiamo bisogno dell’aria che respiriamo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati