cyber sicurezza

Ragionare come i “cattivi” per difendersi dal cybercrime: le nuove strategie

Non è questione di se esiste la vulnerabilità, ma di quando sarà scoperta e utilizzata da qualche soggetto, che sia una qualche intelligence, un governo estero oppure un “semplice” cyber-criminale. Prevenire, verificare, informarsi, gestire tempestivamente gli aggiornamenti di sicurezza per difendersi

05 Mag 2017
Fabio Battelli

Partner di Deloitte Risk Advisory, Cyber Risk Services

shutterstock_434921992

Cosa hanno in comune l’intelligence di un paese, i cyber criminali e le organizzazioni pubbliche e private? Le vulnerabilità di sicurezza. Chi attacca le infrastrutture e i dispositivi digitali, così come chi è chiamato a proteggerle deve fare i conti prima o poi con le vulnerabilità di sicurezza. Sono queste, nel bene e nel male, che consentono di realizzare la maggior parte degli attacchi Cyber, rendendo poco efficaci le misure di protezione e consentendo di controllare virtualmente qualsiasi dispositivo connesso ad una rete: smartphone, PC, TV e ogni altro elemento IoT che sia (inclusi elettrodomestici e mezzi di trasporto connessi…). Questa volta non si tratta di statistiche o previsioni, ma di fatti; le recenti rivelazioni di WikiLeaks, attraverso il progetto “Vault 7”, hanno confermato all’umanità intera che oggi il modo più facile per intercettare, spiare, sottrarre informazioni e documenti o addirittura sabotare veicoli ed infrastrutture è attraverso attacchi informatici.

Definita da qualcuno “la più grande divulgazione di informazioni segrete sul modus operandi di un’agenzia di intelligence”, analizzando i dossier diffusi da WikiLeaks, fa un certo effetto vedere che interi gruppi di super hacker della CIA sono costantemente impegnati a realizzare malware, backdoor ed altre diavolerie per entrare nella vita delle persone e delle organizzazioni. Si sarebbe portati a pensare che la CIA, in quanto tale, abbia accordi e canali privilegiati con i principali produttori al mondo, come Apple e Google. Chissà in qualche caso sarà anche così, ma analizzando con attenzione i file di WikiLeaks appare evidente che anche la CIA è costretta ad operare come qualsiasi altro “sporco” cyber criminale al mondo. Ovvero attraverso una ricerca continua, maniacale ed estenuante di nuove vulnerabilità, i così detti zero-day, che consentono di violare sistemi e soprattutto meccanismi di protezione. Si scopre così che sistemi di istant messaging come whatsapp o messenger vengono intercettati violando gli smartphone con appositi malware, che consentono di controllare qualsiasi funzione del dispositivo, intercettando i messaggi prima che questi siano effettivamente cifrati dalle applicazioni in questione.

Ma torniamo al punto principale. La vulnerabilità di sicurezza, ovvero quella caratteristica intrinseca di qualsiasi software e dispositivo, che rende tali sistemi non esenti da errori e difetti vari. Anche in questo caso non è una questione di se esiste la vulnerabilità, ma di quando sarà effettivamente scoperta e poi utilizzata da qualche soggetto, che sia un componente dell’intelligence, un governo estero oppure un “semplice” cyber-criminale.

Così chi deve proteggersi o almeno contrastare tali attacchi deve operare grossomodo come colui che attacca, ovvero cercando di individuare e risolvere la vulnerabilità prima che questa venga di fatto utilizzata dagli avversari.

Per le aziende e le amministrazioni pubbliche, impegnate ogni giorno a far funzionare sistemi ed infrastrutture ICT è un impegno enorme, spesso difficilmente sostenibile. Questo spiega perché occorrono mesi per aggiornare i sistemi ICT, attraverso quelle famigerate “patch” che risolvono una o più vulnerabilità di sicurezza note. Figuriamoci dover impiegare tempo e risorse per scoprire quelle non note…

Per migliorare la difesa, così come accade per altri ambiti di sicurezza, è necessario pertanto agire su due livelli differenti:

  • Quello strategico, dove l’industria, principalmente fatta di produttori e gestori di tecnologia e soluzioni, coopera in maniera fattiva con le istituzioni ed i singoli soggetti da proteggere, per ridurre il tempo necessario ad individuare una nuova vulnerabilità, mettendo a disposizione gli strumenti per risolverle. Ciò comporta un preciso impegno nel diffondere, non appena scoperta, qualsiasi vulnerabilità, riducendo di fatto i cosìddetti “zero-day”. Memorabile in questo senso l’executive order fatto dall’allora Presidente Obama, in cui obbligava l’industria privata a diffondere immediatamente le vulnerabilità… Ovviamente questo non piacque molto all’intelligence, ma sicuramente ha migliorato quantomeno la sensibilità dei produttori sul tema. Si potrebbe fare di più imponendo, a livello istituzionale, l’adozione di determinati standard di sicurezza, quali ad esempio i Common criteria, che includono specifici controlli di security assurance. Questi sono spesso richiesti per sistemi classificati, ma andrebbero a mio parere estesi a molte altre tipologie di apparati e sistemi ICT, magari creando anche nuovi standard e processi ad-hoc. Altro punto fondamentale sarebbe quello di favorire, mediante un information sharing strutturato, la diffusione sistematica e strutturata delle informazioni sulle vulnerabilità, tra produttori, industria e soprattutto singole organizzazioni, anche mediante la creazione di nuove forme di PPP (Public-Private Partnership). In questo senso anche i CERT pubblici e privati hanno un ruolo fondamentale e dovrebbero essere i primi ad investire e promuovere iniziative in questa direzione.
  • Quello tattico, invece, ricade sulle singole organizzazioni che hanno la necessità e non l’opzione di proteggersi. Questo significa prima di tutto allocare budget e risorse sufficienti, ma soprattutto comprendere che la vulnerabilità del singolo, in un ecosistema complesso, come quello del cyber space, può compromettere la sicurezza dell’intero sistema.

In questo senso, anche le PMI, magari con l’adozione dei recenti controlli essenziali di Cybersecurity promossi dall’Università La Sapienza, hanno un ruolo fondamentale nella protezione nazionale, soprattutto in qualità di fornitori di grandi aziende ed Enti pubblici. Coloro, invece, che hanno migliaia di dispositivi ed utenti da proteggere e magari sono anche infrastrutture critiche, quali banche, produttori e fornitori di energia, società di telecomunicazioni, trasporti, ospedali, ecc. che hanno sicuramente un profilo di rischio più elevato, dovrebbero pertanto adottare misure speciali ed appropriate. Tra queste sicuramente:

  • Prevenire il più possibile le vulnerabilità, inglobando requisiti e funzionalità di sicurezza fin dalla progettazione dei dispositivi e delle applicazioni (c.d. security by design);
  • Verificare periodicamente l’esistenza delle vulnerabilità, che sono sfuggite in termini di prevenzione, sottoponendo le infrastrutture ed il codice sorgente dei software sviluppati internamente o mediante l’utilizzo di consulenti esterni, a test specifici di sicurezza (c.d. code review, penetration test applicativi, ecc.)
  • Informarsi, ricercare e studiare quotidianamente ciò che è vulnerabile ed in che modo, mediante una connessione permanente con i principali CERT nazionali e del proprio settore, nonché con i produttori e l’industria privata, in modo da ridurre il più possibile l’effetto zero-day…

Gestire tempestivamente gli aggiornamenti di sicurezza o, laddove non possibile, adottare controlli e misure compensative, al fine di ridurre la probabilità che una specifica vulnerabilità venga sfruttata. In questo senso ha un ruolo fondamentale l’individuazione delle tecniche di attacco, costruite attorno ad una specifica vulnerabilità; per la serie: se non riesco a risolverla, almeno cerco di individuare chi tenta di sfruttarla, impedendone l’effettivo utilizzo. Ciò significa investire anche in sistemi di detection e nella così detta “active defense”, ovvero sistemi che non solo aiutano ad individuare la compromissione in corso, ma possono agire automaticamente per bloccarne o limitarne gli effetti. In un modo ideale ciò significa sviluppare, per ogni vulnerabilità nota o presunta, un “pattern” in grado di individuare il comportamento associato alla vulnerabilità ed attuare qualsiasi meccanismo che possa contenerne gli effetti

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati