Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

TURISMO

Liuzzi(M5S), Verybello: “Chiediamo chiarezza e la realizzazione di un progetto condiviso”

di Mirella Liuzzi, Movimento 5 Stelle

27 Gen 2015

27 gennaio 2015

Con un tweet nella giornata sabato il Ministro Franceschini ha annunciato la creazione di  Verybello, portale volto alla promozione degli eventi culturali nella penisola in occasione di Expo. Se l’obiettivo del progetto era quello di mostrare al mondo l’Italia di Renzi possiamo dire che sia stato pienamente centrato: affidamenti fiduciari, denaro pubblico speso senza controllo, incompetenza tecnica e approssimazione.

Come membri del Movimento 5 Stelle della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni chiediamo al ministro di chiarire secondo quali criteri e con quali modalità si è proceduto alla selezione dell’agenzia incaricata della realizzazione del progetto, quanti denari pubblici sono stati spesi per il progetto e come si intende rimediare alle gravissime lacune tecniche e di funzionalità che caratterizzano il sito.

Pensiamo che un’alternativa sia possibile e facendo nostra la proposta del Digital Champion Riccardo Luna, chiediamo di ripartire dall’inizio: realizzare una call to action per creare una piattaforma condivisa realizzata da start-up, comunità collaborative che non aspettano altro dalle istituzioni per valorizzare le loro idee. Noi ci siamo, il governo?

  • Attilio A. Romita

    “ripartire dall’inizio: realizzare una call to action per creare una piattaforma ……”
    “tutto sbagliato, tutto da rifare” diceva il Gran Ciclista Bartali.
    “very Bello” è un duplicato assurdo di un qualcosa che c’è già ed è in moto..cancelliamolo e mandiamo in galera chi lo ha fatto, chi lo ha promosso ed anche chi lo ha lodato pubblicamente!!

  • Attilio A. Romita

    dichiara l’autrice “chiediamo di ripartire dall’inizio: realizzare una call to action per creare una piattaforma condivisa realizzata da start-up, comunità collaborative che non aspettano altro dalle istituzioni per valorizzare le loro idee. ”
    Ma sono proprio queste pseudo regole che complicano la vita a chi vuole fare qualcosa e poi ….il ministro medioevalista si inventa vrybello!

Articoli correlati