PIANO TRIENNALE ICT

PA digitale, il ruolo degli aggregatori territoriali: i punti aperti

Il Piano Triennale orienta verso la costruzione di una governance con un centinaio di attori “principali”, ma a livello territoriale i soggetti aggregatori sono da identificare con maggiore chiarezza e il loro modello di azione da delineare

20 Lug 2017
Nello Iacono

Esperto processi di innovazione

digital-society_563081320

Nel Piano Triennale per l’informatica delle PA ci sono dei passaggi chiave in relazione al modello di governance che ci si propone di attuare, e che trovano l’emblematica e sintetica espressione nel capitolo dedicato alle “Indicazioni per le Pubbliche Amministrazioni”: “Le amministrazioni individuate da AgID devono redigere il proprio Piano; le regioni e le Città metropolitane dovranno fare da aggregatori per le altre amministrazioni sul proprio territorio, secondo le modalità indicate da AgID”, secondo una tempistica che prevede questo passaggio entro il 2018.

Il Piano Triennale, tra l’altro, contiene in più parti indicazioni chiare sul fatto che l’attuazione della trasformazione digitale risiede in gran parte sui soggetti aggregatori che, così già previsto dalla Legge di stabilità 2016, si identificano “in prima istanza in regioni e città metropolitane”.

In questo senso, regioni e città metropolitane sono individuate come soggetti aggregatori territoriali, con una logica di relazione interregionale e intra-regionale ancora da definire con precisione (e al momento lasciata alle capacità di negoziazione delle singole amministrazioni).

In questo modo il Piano Triennale orienta verso la costruzione di una governance con un centinaio di attori “principali” (i soggetti aggregatori nazionali e territoriali), intorno ai quali si ridisegnano, così, le linee di azione, i piani di investimento, e lo stesso mercato legato alla trasformazione digitale delle pubbliche amministrazioni.

Questo passaggio ha impatti soprattutto sui soggetti aggregatori territoriali e in particolar modo sulle “città metropolitane”, aprendo esplicitamente temi ancora non del tutto definiti, oltre che ponendo la necessità di affrontare con decisione il problema della definizione di un “modello di business” utile ad orientare lo sviluppo della figura dell’amministrazione locale che si propone (o è identificata come) soggetto aggregatore.

In particolare, alcune questioni da dirimere mi sembra siano:

  • l’identificazione del soggetto aggregatore;
  • il modello di business del soggetto aggregatore.

L’identificazione del soggetto aggregatore metropolitano

Il ruolo di soggetto aggregatore territoriale può essere assunto soltanto se si dispongono di risorse e strutture adeguate ad un coordinamento delle iniziative di digitalizzazione dei comuni e se quindi si è nelle condizioni di poterne recepire esigenze specifiche in una logica di integrazione. Molte città metropolitane sono, rispetto ai loro capoluoghi, in una condizione del tutto opposta, anche per ragioni legate ad un’attenzione maggiore che la presenza politica di indirizzo può dare.

E quindi, chi può essere realmente, concretamente, il soggetto aggregatore?

Non è un caso che a molti convegni sulle “città metropolitane” vengano invitati i capoluoghi.

Certamente, i territori delle città metropolitane sono diversi tra loro e quindi intorno ai capoluoghi possono anche non essere intessute strette relazioni con tutti i comuni, così come potrebbero esistere comuni formalmente al di fuori delle città metropolitane con elevati interessi e relazioni (non per niente è stato previsto per questo dalla legge 56/2014 “Delrio” anche il meccanismo di adesione volontaria dei comuni).

D’altra parte, anche le esperienze di aggregazione già attive nelle aree vaste (come quella di Lecce, con l’ottima “Salento.gov”) si sono sviluppate intorno agli ex capoluoghi di provincia.

Soprattutto con una situazione come quella attuale, con le ex-province lasciate in una sorta di “limbo” in attesa di razionalizzazione compiuta del riassetto delle competenze territoriali, la linea di orientamento dovrà essere chiara, in modo da costruire le condizioni per aggregazioni allo stesso tempo efficaci, rapide, solide e funzionali alle esigenze dei comuni non capoluogo (soprattutto se piccoli). Probabilmente, con un ruolo affidato alle città metropolitane di facilitazione delle aggregazioni nell’area territoriale (favorendo, dove necessario e utile, aggregazioni basate su unioni di comuni e anche lo sviluppo di una interazione sana tra capoluoghi e piccoli comuni) e nell’ambito di un Piano Strategico territoriale che questo sviluppo è chiamato a indirizzare.

I progetti dell’asse Agenda Digitale del PON Metro stanno certamente spingendo verso questa direzione: i capoluoghi come riferimento per i servizi digitali pubblici dei comuni della città metropolitana. Ma permangono ambiguità, sovrapposizioni, incoerenze che costano alla comunità in termini di tempi e risorse, e che sarebbe bene superare.

Il modello di azione del soggetto aggregatore metropolitano

La costruzione di un soggetto aggregatore, posto che qui non si intende possibile una limitazione ad attività e funzioni amministrative, non può che avvenire su più aree affrontate dal Piano Triennale, e probabilmente per tutte quelle che si ritengono strategiche per l’interoperabilità tra amministrazioni e per un’ottimizzazione della spesa. Rimangono fuori, da questo punto di vista, i servizi di governo del territorio (e che possono rientrare nell’ambito delle smart city) oltre che i servizi meno generalizzabili legati agli ecosistemi verticali (e, appunto, più specifici del territorio, come il turismo). Chi si pone come soggetto aggregatore territoriale (e in particolare del territorio “metropolitano”) deve così progettare un modello di azione (di business, a tutti gli effetti) che consenta di affrontare alcuni temi quali ad esempio:

  • come si governa lo sviluppo delle singole iniziative e delle infrastrutture (e quindi come si compone il processo decisionale anche per la loro evoluzione e come si co-progetta);

  • come si finanzia il sistema (ammesso che la fase di sviluppo progettuale possa essere finanziata con fondi specifici POR o PON, bisogna definire una sostenibilità di lunga durata) e quindi con quali modalità anche formali avviene l’adesione e la contribuzione dei comuni;

  • come il modello cambia con la presenza/assenza di società in-house ICT o se la loro presenza diventa elemento indispensabile del modello (come società erogatrici di servizi a comuni consorziati).

La definizione di un modello di questo tipo (necessario, e non semplice da realizzare) comporta anche lo sviluppo di capacità di gestione delle decisioni condivise e allo stesso tempo di programmazione su esigenze ampie “di mercato”, che richiedono certamente approcci di project management ma anche di gestione dei servizi in ottica multi-cliente, oltre che di capacità di collaborazione (per le quali un supporto importante è senz’altro il modello PAOC).

Il che rende certamente arduo l’impegno, ma allo stesso tempo vincola sempre più verso approcci maturi di gestione del cambiamento, e riporta alla necessità di un approdo concreto e rapido il tema delle competenze territoriali, con un ruolo importante del Piano Strategico di cui è richiesta la redazione da parte delle città metropolitane. Forse occasione di confronto anche per annodare i fili che traccia il Piano Triennale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati