identità digitale

SPID e imprese, ecco la svolta 2020

Il Governo ha posto a fine 2019, in un crescendo di iniziative, i mattoni fondamentali per far decollare SPID. E in particolare a vantaggio delle imprese. Ci sono ancora parecchie incognite da sistemare, ma ecco i motivi per credere in una svolta. E che fare per ottenerla davvero

02 Gen 2020
Ornella Fouillouze

Vice Presidente Club TI Milano e coordinatore gruppo sanità

Gianfranco Gauzolino

Club TI Milano

Gianluca Marcellino

Club TI Milano

Global-Digital-Identity-Credentials

Quest’anno l’Osservatorio Agenda Digitale, che anche Club TI Milano patrocina, si è chiesto: la “macchina” identità digitale pubblica è pronta a correre? Ha risposto sostanzialmente di sì: la macchina sta accelerando, ha coperto tappe importanti e si attrezza per correre di più. Ha rilevato analiticamente che in questi anni l’intera pubblica amministrazione ha speso pochissimi milioni di euro per adottare SPID, e ha ribadito che per accelerare l’intera agenda è essenziale arrivare allo switch-off di servizi costosi e superati, come già chiedevamo da tempo per SPID.

Il modello SPID per le imprese è a nostro avviso chiave portante della svolta 2020 a venire.

Due sorprese su SPID per le imprese

Il 17 dicembre il Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano ha presentato il piano nazionale dell’innovazione a lungo termine – “2025”.

INFOGRAFICA
I migliori data analytics tools a confronto: CHI VINCE?
Big Data
Datacenter

Al di là del taglio dinamico ed empatico, piacevole e inconsueto per un evento di questa importanza, e delle valutazioni già espresse da molti autorevoli commentatori anche su queste colonne, il piano contiene spunti chiave per il futuro di SPID per le imprese:

  • La priorità: tra le 20 azioni previste in tutto dal piano, tra le 5 presentate quel giorno, “identità digitale” è stata la prima
  • La pervasività: Guido Scorza ha descritto un’identità unica dallo home banking all’ecommerce alla PA, gestita dallo stato, gratuita e semplice per ogni cittadino. è un obiettivo ambizioso, del quale vorremo e dovremo capire meglio il modello di governo, quello di gestione dei rischi e quello economico
  • La continuità: se lo stralcio degli emendamenti dalla legge di bilancio lascia ancora da definire come e quando il nuovo modello partirà; se l’avvio di questo modello nuovo sarà comunque complesso anche quando partirà, richiedendo un cambiamento di leggi e poi di regolamenti profondo, è chiaro oggi che SPID è punto di partenza e componente essenziale della nuova identità digitale sovrana unica (“reloaded”), si coordinerà con CIE, e sarà gestita da una rete di soggetti pubblici e privati.
    Il rischio che si riparta da zero buttando anni di esperienza e un patrimonio di competenze, processi e strumenti sviluppati grazie al modello attuale (basato su Identity Provider privati che gestiscono il servizio per conto di un regolatore che li norma) sembra più lontano che mai.

Resta il rischio che la transizione si blocchi a metà; pensate ad esempio a un drastico cambio di priorità tra l’approvazione della legge e quella dei regolamenti attuativi. Per questo è vitale la continuità rispetto al modello attuale!

Per le imprese, che hanno bisogno di uno scenario di riferimento per programmare l’adozione di questa identità, avere un indirizzo chiaro a lungo termine e una scelta di continuità aiuta a fare quello che da mesi raccomandiamo: adottare SPID già da subito, per coglierne i benefici immediati in termini di processi innovativi e integrati, e via via quelli che arriveranno dall’attuazione del nuovo percorso di evoluzione definito nel piano.

Un esempio concreto di questa impostazione e dei benefici che offre a cittadini e imprese viene da Infocert, una grande organizzazione leader nell’erogazione di servizi fiduciari digitali.

Tecnicamente, oggi Infocert offre ad ogni cittadino e ad ogni impresa anche tramite SPID la possibilità di ottenere in maniera semplice una firma elettronica qualificata, quella legalmente più robusta con la quale si può comprare online persino una casa. Si tratta di un servizio che alcuni prestatori di servizi fiduciari qualificati offrono già alle aziende tramite le proprie firme digitali, e che noi cittadini usiamo, ad esempio per aprire online un conto corrente o stipulare un contratto.

La novità vera è che da oggi uno di questi prestatori di servizi fiduciari, uno dei principali proprio nell’ambito dei servizi di onboarding che permettono alle imprese di far sottoscrivere contratti online ai propri clienti, decide finalmente di aprirsi a SPID, per offrire alle aziende sue clienti la possibilità di semplificare a loro volta l’interazione con i cittadini clienti loro. Ci sembra una iniezione di fiducia (e di ricavi!) preziosa nell’ecosistema di SPID da sempre privo di ricavi simili, tanto più notevole in quanto Infocert accetta così di compensare tutti gli altri Identity Provider SPID per l’autenticazione delle identità dei cittadini che hanno un profilo SPID gestito da questi altri IdP, numericamente molto maggiori di quelli che hanno un profilo gestito da Infocert stessa.

La prospettiva di un nuovo modello economico e di governo dell’identità digitale

Sembra quindi che stiamo superando la discontinuità e la confusione degli ultimi mesi:

  • diversi protagonisti pubblici e privati compiono azioni concrete per attivare il modello economico attuale e iniettare risorse economiche nell’ecosistema
  • l’indirizzo del governo sul tema delle identità digitali è molto più chiaro di quanto fosse a maggio, quando chiedemmo di esplicitarlo per permettere alle imprese di decidere di adottare SPID
  • questo nuovo indirizzo, pur complesso da realizzare e con caratteristiche ancora da chiarire, conferma il ruolo dello SPID attuale come pietra angolare dell’identità digitale futura, e quindi l’opportunità per le imprese di sperimentare già subito l’adozione della futura identità digitale unica, a partire da SPID.

Sembra il momento buono per rilanciare, con i nuovi interlocutori pubblici e gli attuali privati, altre delle nostre richieste precedenti che aiutino ancor più concretamente le imprese ad abbracciare questo strumento importante di innovazione e trasformazione digitale.

Come gruppo di lavoro #ClubTI4SPID lo stiamo facendo, e auguriamo a noi stessi e a chi ci legge un ottimo inizio d’anno nel quale potere annunciare nuovi risultati nell’adozione di SPID da parte delle imprese.

Per restare informato aderisci al gruppo LinkedIn di Club TI Milano.

Per contribuire con le tue esperienze e i tuoi suggerimenti, iscriviti al Club.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4