i risvolti della tecnologia

Intelligenza artificiale applicata al linguaggio: come funziona e quali rischi comporta

Dal contesto bellico fino a quello sanitario, passando per l’uso degli algoritmi nella giustizia: l’AI è da tempo al centro di numerosi dibattiti, in virtù dei diversi settori ai quali può essere applicata. Tra questi campi rientra anche quello linguistico, che presenta molti vantaggi ma apre anche molti interrogativi

10 Ott 2022
Marco Martorana

avvocato, studio legale Martorana, Presidente Assodata, DPO Certificato UNI 11697:2017

Zakaria Sichi

Studio Legale Martorana

intelligart

Tra i molti ambiti applicativi dell’AI, negli ultimi anni abbiamo assistito anche all’avvento e alla diffusione dei cosiddetti modelli linguistici (Language Models o LM), i quali hanno portato le macchine ad acquisire capacità di comprendere e generare linguaggio in base ai diversi input ricevuti.

Con tale abilità, questi sistemi possono essere sfruttati per numerosissime applicazioni, quali la creazione automatica di post, commenti, notizie, per la strutturazione di un dialogo e, più in generale, in ambiti che coprono pressoché qualunque settore della conoscenza, come la legge, la letteratura, il marketing, la finanza.
Questa capacità fa sì che i modelli linguistici siano particolarmente appetibili, tanto che, secondo i più recenti sondaggi, ben oltre la metà delle aziende leader nel settore delle nuove tecnologie avrebbe aumentato il budget dedicato allo sviluppo dei modelli linguistici di almeno il 10% nell’ultimo biennio, ma non è raro riscontrare incrementi ben maggiori.

OpenAI GPT-3 - Good At Almost Everything! 🤖

Come funziona un modello linguistico?

Come in parte anticipato, un modello linguistico consiste essenzialmente nell’uso di varie tecniche statistiche e probabilistiche basate sul lavoro di algoritmi specificamente addestrati per determinare la probabilità che una determinata sequenza di parole si verifichi in una frase. I modelli linguistici analizzano i corpi di dati di testo per fornire una base per le loro previsioni di parole. Sono utilizzati nelle applicazioni di elaborazione del linguaggio naturale, in particolare quelle che generano testo come output. Alcune di queste applicazioni includono, come vedremo, attività come la traduzione automatica o la risposta alle domande.
Più specificamente e da un punto di vista prettamente tecnico, i modelli linguistici determinano la probabilità delle parole analizzando i dati di testo, interpretandoli ed analizzandoli attraverso un algoritmo. Dopodiché, il modello applica queste regole nelle attività linguistiche per comprendere il linguaggio con precisione, e poi prevedere e produrre nuove frasi.
Ebbene, si parla in questo caso di generazione del linguaggio naturale (Natural Language Generation o NLG), in quanto il sistema automatico viene appunto usato per creare testi tipici del linguaggio naturare a partire da dati non linguistici. Con le dovute proporzioni e precisazioni, il processo è in astratto simile a quello con cui gli esseri umani trasformano un pensiero in parola o in scrittura.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

Quindi, per sintetizzare il meccanismo di base, grazie all’intelligenza artificiale il software identifica gli elementi più rilevanti comprendendo il contesto e produce un testo, in un linguaggio naturale, per trasmettere in modo semplice concetti complessi.
Infine, occorre precisare che esistono diversi approcci nell’ambito dei modelli linguistici, i quali variano essenzialmente a seconda dello scopo del modello, della quantità di dati di testo che analizzano e della matematica che utilizzano per analizzarli. Ad esempio, un modello linguistico progettato per generare frasi per un bot Twitter automatizzato può utilizzare calcoli matematici diversi e analizzare dati di testo in modo diverso rispetto a un modello linguistico progettato per determinare la probabilità di una query di ricerca.
Il tema è quindi estremamente complesso, potremmo dire che si tratta di una delle più articolate applicazioni dell’intelligenza artificiale. A tal proposito, però alcuni esempi concreti possono venire in aiuto quantomeno nella individuazione dei profili di utilità concreta dei modelli linguistici.

L’esempio concreto di GPT-3

Il più noto tra i modelli di linguaggio, che può quindi essere utilizzato come esempio concreto per comprenderne l’utilità e il funzionamento, è senz’altro GPT-3.

I test di GPT-3: che cosa è davvero l’AI che sembra “umana”

Si tratta del terzo modello di Generative Pre-Training (GPT) di OpenAI – un’azienda di ricerca sull’intelligenza artificiale con sede a San Francisco – rilasciato il 10 giugno 2020.

GPT-3 è un modello che utilizza la tecnologia deep learning per produrre testi simili a quelli umani ed è, ad oggi, uno dei più potenti modelli di intelligenza artificiale. Basti pensare che GPT-3 ha una capacità 175 miliardi di parametri di apprendimento automatico ed è in grado di generare testo ad una qualità così alta che può essere difficile determinare se è stato scritto da un umano oppure da una macchina.

Questa capacità di GPT-3 deriva dall’attività di “addestramento” degli algoritmi, che avviene mediante una grande quantità di dati linguistici, come libri, articoli, documenti web oltre all’intero corpus di informazioni presenti su Wikipedia, in modo tale da rendere il modello in grado di apprendere con estrema accuratezza le regole del linguaggio per poter poi generare testi simili a quelli scritti dagli esseri umani. In altri termini, gli ingegneri che hanno lavorato al progetto hanno sfruttato il deep learning per imitare il funzionamento del cervello dell’uomo, per un costo totale che si aggira tra i 10 e i 20 miliardi di dollari.
Per quanto riguarda il funzionamento concreto della macchina, come anticipato, GPT-3 funziona secondo un modello probabilistico, andando a recepire un input derivante da un testo ed iniziando a interpretare la richiesta. Ciò significa che GPT-3 legge il testo e cerca di capirne la struttura per comprendere cosa l’utente gli sta chiedendo, dopodiché decide quali sono le parole da restituire a quest’ultimo come output. Inoltre, è anche possibile aumentare il livello di “creatività” del modello, facendo sì che i contenuti restituiti siano più probabilmente originali.

Tutto questo complesso meccanismo consente al modello GPT-3 di essere sfruttato in una pluralità di utilizzi, alcuni utili, altri semplicemente ludici.
In particolare, GPT-3 ha dato esiti sorprendenti in varie attività, a partire dalla traduzione linguistica dei testi, risultando assai più accurato di Google Traduttore. Soprattutto perché, al contempo, riesce a correggere la grammatica ed a fornire risultati diversi a seconda delle finalità della traduzione, potendo riassumere testi lunghi e complessi rendendoli più corti e comprensibili. Tutte funzioni assai distanti da quelle dei traduttori tradizionali.
Al contempo, il sistema ha mostrato ottime performance anche nella creazione di testi originali nell’ambito della scrittura creativa, del blog posting e delle attività di SEO.
Non sono naturalmente mancati esperimenti che hanno consentito di applicare il modello GPT-3 ad attività meno professionali ma comunque idonee a evidenziare la potenza degli algoritmi, come ad esempio l’avvio di chat con un bot che simula di essere un determinato personaggio storico, la creazione di trame per film o romanzi, nonché l’invenzione di ricette.

Tanti vantaggi, ma a quale costo?

Il modello GPT-3, come gli altri modelli linguistici e come molte altre applicazioni dell’intelligenza artificiale, ha le carte in regola per offrire numerosi vantaggi. Potremmo osare di più, affermando che potrebbe addirittura contribuire a cambiare il mondo, potendo cioè rivelarsi uno strumento che in futuro sarà utilizzato in larga misura e in diversi ambiti, creando al contempo numerose opportunità.

Una questione di fiducia

Per fare ciò, però, occorre ricollegarsi ad un tema centrale quando si parla di nuove tecnologie: la fiducia degli utenti. Infatti, le potenzialità dell’IA possono essere sfruttate al meglio soltanto se si crea tra i consociati la convinzione che quello specifico strumento è sicuro, privo di rischi o, quantomeno, che i pericoli intrinseci siano largamente superati dai benefici. La fiducia non è una proprietà interna di un sistema di intelligenza artificiale, quindi, ma è una conseguenza. Su questa linea si inserisce la proposta di Regolamento europeo sull’AI, che mira proprio a consolidare la fiducia delle persone nei confronti delle nuove tecnologie imponendo determinati standard di sicurezza e specifici approcci per garantirne l’osservazione.
Occorre quindi chiedersi quali potrebbero essere gli aspetti dei modelli linguistici capaci – in teoria – di compromettere la fiducia dei soggetti creando pericoli per i loro diritti. Infatti, come per qualsiasi altra tecnologia sofisticata, GPT-3 e i modelli linguistici hanno il potenziale per essere utilizzati in modo improprio.

GPT-3, ecco la nuova versione: ma il linguaggio “tossico” resta un problema

È stato infatti scoperto che anche questo strumento aveva pregiudizi razziali, di genere e religiosi, il che era probabilmente dovuto a disfunzioni inerenti ai dati per l’addestramento degli algoritmi. Il pregiudizio sociale rappresenta quindi un pericolo per le persone emarginate, per le minoranze, un tema centrale e spinoso quando si parla di AI, come nel caso del riconoscimento facciale. Discriminazione, trattamenti ingiusti e perpetuazione delle disuguaglianze strutturali sono problemi concreti ed attuali nel campo delle nuove tecnologie basate sugli algoritmi.
Al contempo, non deve naturalmente essere trascurato il tema della tutela dei dati personali. Da questo punto di vista, è indispensabile l’attuazione di tutti i principi previsti dal Regolamento UE 2016/679, a partire dai principi di privacy by design e by default. In particolare, la privacy by design impone al titolare di implementare le misure tecniche e organizzative adeguate fin dalla fase di progettazione del prodotto; secondo il principio di privacy by default, invece, per impostazione predefinita le imprese dovrebbero trattare solo i dati personali nella misura necessaria e sufficiente per le finalità previste e per il periodo strettamente necessario a tali fini.

Conclusioni

Infine, è ovviamente imprescindibile anche l’apporto dei singoli, i quali devono sempre prestare attenzione ai dati che immettono nei vari strumenti tecnologici utilizzati. Il principio è analogo a quello applicabile nel caso degli assistenti vocali come Alexa di Amazon: meno cose dico allo strumento, meno cose saprà di me, limitando quindi la raccolta, la conservazione e l’eventuale trasferimento di dati a partner collocati anche al di fuori dell’Unione europea. Naturalmente, come visto, maggiori saranno i dati utilizzati come input, sia quantitativamente che qualitativamente, più alto sarà il grado di precisione dello strumento; occorre però tutelarsi mantenendo sempre il controllo della tecnologia.

Insomma, la garanzia dei diritti e, nello specifico, del diritto alla protezione dei dati personali inizia dal produttore in base a regole precise fornite dai legislatori, ma è indispensabile una consapevolezza ed un’attenzione alte anche da parte del consumatore finale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3