la riflessione

Valore e limiti dei Big Data, Morcellini: “Ecco le questioni aperte”

Non ci stiamo ancora interrogando abbastanza sulle ricadute sociali dei big data. In particolare sul senso del loro valore. E’ impellente una riflessione, etica e deontologica, sui limiti di una logica di sfruttamento seriale

24 Gen 2018
Mario Morcellini

Presidente Consiglio scientifico Fondazione Roma Sapienza

bigdata_190402862

La recente Tavola Rotonda organizzata dall’Autorità sulla data economy[1] – che ha visto la partecipazione di prestigiosi ospiti sia dalla Capitale, sia da altre parti dell’Italia o dell’Europa – offre lo spunto per una breve riflessione su alcune questioni che i Big Data portano alla nostra attenzione.

Partiamo dalla definizione di Big Data, ossia da un insieme di informazioni che presentano caratteristiche di voluminosità, velocità, varietà[2]. È importante sottolineare come sia necessario, per impostare una riflessione adeguata sui Big Data, la contemporaneità dei tre elementi: senza voluminosità (ossia con valori dell’ordine degli zettabyte), dobbiamo parlare più correttamente di data warehouse; senza velocità non possiamo avere analisi in tempo reale; senza varietà siamo in presenza di un semplice database strutturato.

Ma altre due caratteristiche stanno assumendo rilievo nella definizione dei Big Data, cioè la veridicità e il loro valore. Quanta alla prima, non deve essere mai data per scontata, soprattutto in periodi come questi caratterizzati dall’imperversare in Rete di fake news. Ormai si può ricomprendere, all’interno della data economy, la fake data economy. Grazie alle notizie fasulle e faziose si è creato un vero e proprio business: l’inserzionismo online consente infatti di monetizzare le visite ai siti che di mestiere producono fake news. Giova ricordare che, su tale tema, l’Autorità ha recentemente istituito un Tavolo Tecnico con i principali stakeholders del mercato – tra tutti, Google e Facebook – al fine di adottare codici di autoregolamentazione condivisi.

Per quanto riguarda invece il valore, dobbiamo osservare come il pregio dei Big Data risieda non tanto nei dati di per sé, ma negli strumenti di analisi. Ogni giorno vengono prodotti trilioni di dati, generati – in maniera più o meno consapevole – da utenti o prodotti automaticamente da device. Pertanto, a differenza di quanto accadeva fino a pochi anni fa, quando ottenere dati affidabili costava molto tempo e somme ingenti, la raccolta oggi non appare di certo problematica. Viceversa, metodi di elaborazione – i cosiddetti analytics – veramente efficaci rappresentano ancora un fattore competitivo, e sono considerati un elemento centrale della data economy, o – per meglio dire – della algorithm economy. L’importanza di questi nuovi strumenti di indagine è particolarmente evidente nelle scienze sociali; oggi infatti diventa possibile studiare le interazioni sociali limitandosi semplicemente ad analizzare le tracce che ciascuno di noi lascia durante la propria navigazione, senza dover intervistare dei soggetti: abbiamo la possibilità di studiare le relazioni umane quasi dallo spioncino di una porta. I nostri comportamenti in Rete (quando ad esempio interroghiamo un motore di ricerca) sono infatti del tutto spontanei, e dunque tanto più preziosi. Su questo aspetto, Christian Rudder (il fondatore di OkCupid) ha affermato nel suo libro[3] – recentemente entrato nella lista dei bestseller del New York Times – che “stiamo arrivando al punto in cui è possibile raccogliere informazioni comportamentali senza ricorrere a campioni umani”. Fermo restando che si tratta di un incremento – potenzialmente straordinario – della possibilità di conoscere non solo le relazioni interpersonali, ma anche i bisogni e le aspettative sottostanti, vale la pena ricordare che si determinerà rapidamente una forma di stress sui sistemi tradizionali di ricerca e di investigazione sociale sugli individui, con la differenza che i metodi tradizionali si erano faticosamente dotati di protocolli e sistemi di garanzia, in qualche misura volti alla protezione dei dati personali, valorizzati essenzialmente nel loro effetto moltiplicatore.

Un drammatico problema che si apre, dunque, è far sì che i Big Data siano gradualmente accompagnati da una riflessione, etica e deontologica, sui limiti di una logica di sfruttamento seriale delle scelte individuali di interazione e sulle conseguenze di questo sfruttamento: nelle scienze sociali non bisogna fermarsi alle risposte (quella che alcuni chiamano “la spuma effimera delle interazioni individuali”), ma ai significati che il ricercatore rintraccia nella loro serialità. In una battuta, non dobbiamo confondere il profilo di un uomo con il suo “profilo” sui social.

Queste brevi considerazioni si riflettono in numerose attività condotte in Italia: infatti, negli ultimi anni, le istituzioni hanno dedicato ai dati un’attenzione sempre maggiore. Come evidenziato in un recente saggio[4], grazie alle riforme degli ultimi mesi, l’Italia è entrata nel gruppo di testa degli Stati europei in materia di Open Data. E anche l’Autorità ha contribuito all’analisi di questi fenomeni con diversi lavori, focalizzati sulle implicazioni di policy dei Big Data. A tal proposito, si possono citare le indagini conoscitive condotte, da quella sui modelli di business dell’ecosistema digitale (delibera n. 676/10/CONS) a quella sui servizi M2M (delibera n. 708/13/CONS), fino alla più recente iniziativa sui Big Data, che vede coinvolte anche l’Antitrust e l’Autorità della privacy (delibera n. 217/17/CONS).

La riflessione su Big Data e Open Data rimane comunque ancora problematica[5], anche per chi è stato da sempre un promotore di un Internet aperta e accessibile a tutti. Basti citare una lucida e paradossale espressione di Jimmy Wales, il fondatore di quel grande “raccoglitore di dati” che è appunto Wikipedia, nata 17 anni fa con l’obiettivo di realizzare le teorie dell’economista e sociologo austriaco von Hayek, che ipotizzava appunto l’esistenza di un corpus di conoscenze frammentato tra gli individui: “Wikipedia non ha scopo di lucro: tra tutte le cose che ho mai fatto, è stata la più intelligente o la più stupida”.

[1] Economia e valore dei dati nello scenario Industria 4.0: prospettive evolutive e profili di governance, 15 gennaio 2018.
[2] Douglas Laney, 3D Data Management: Controlling Data Volume, Velocity and Variety, 2001.
[3] Christian Rudder, Dataclysm: Who We Are When We Think No Ones Looking, 2014.
[4] Francesco Sciacchitano e Eleonora Capozzi, Disciplina ed utilizzo degli Open Data in Italia, MediaLaws, 2018.
[5] Joseph Cannataci, Report of the Special Rapporteur on the right to privacy, 2017.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati